loading...

lunedì 22 giugno 2009

MI PADRE

MI PADRE



Yo tengo en el hogar un soberano
único a quien venera el alma mía;
es su corona de cabello cano,
la honra es su ley y la virtud su guía.

En lentas horas de miseria y duelo,
lleno de firme y varonil constancia,
guarda la fe con que me habló del cielo
en las horas primeras de mi infancia.

La amarga proscripción y la tristeza
en su alma abrieron incurable herida;
es un anciano, y lleva en su cabeza
el polvo del camino de la vida.

Ve del mundo las fieras tempestades,
de la suerte las horas desgraciadas,
y pasa, como Cristo el Tiberíades,
de pie sobre las horas encrespadas.

Seca su llanto, calla sus dolores,
y sólo en el deber sus ojos fijos,
recoge espinas y derrama flores
sobre la senda que trazó a sus hijos.

Me ha dicho: «A quien es bueno, la amargura
jamás en llanto sus mejillas moja:
en el mundo la flor de la ventura
al más ligero soplo se deshoja.

»Haz el bien sin temer el sacrificio,
el hombre ha de luchar sereno y fuerte,
y halla quien odia la maldad y el vicio
un tálamo de rosas en la muerte.

»Si eres pobre, confórmate y sé bueno;
si eres rico, protege al desgraciado,
y lo mismo en tu hogar que en el ajeno
guarda tu honor para vivir honrado.

»Ama la libertad, libre es el hombre
y su juez más severo es la conciencia;
tanto como tu honor guarda tu nombre,
pues mi nombre y mi honor forman tu herencia.»

Este código augusto, en mi alma pudo,
desde que lo escuché quedar grabado;
en todas las tormentas fue mi escudo,
de todas las borrascas me ha salvado.

Mi padre tiene en su mirar sereno
reflejo fiel de su conciencia honrada;
¡Cuánto consejo cariñoso y bueno
sorprendo en el fulgor de su mirada!

La nobleza del alma es su nobleza,
la gloria del deber forma su gloria;
es pobre, pero encierra su pobreza
la página más grande de su historia.

Siendo el culto de mi alma su cariño,
la suerte quiso que al honrar su nombre,
fuera el amor que me inspiró de niño
la más sagrada inspiración del hombre.

Quisiera el cielo que el canto que me inspira
siempre sus ojos con amor lo vean,
y de todos los versos de mi lira
estos dignos de su nombre sean.



Juan de Dios Peza MIO PADRE



Ho a casa un sovrano
uno che adora la mia anima;
è la corona di capelli grigi,
onore è la legge e sotto la sua guida.

In lenta ora di miseria e di dolore,
pieno di una forte e virile costanza,
conserva la fede con cui ho parlato del cielo
nelle prime ore della mia infanzia.

Divieto e l'amara tristezza
aperto nella sua anima ferita incurabile;
è un vecchio uomo, e porta in testa
polvere di strada della vita.

Se vuoi feroci tempeste del mondo,
la sorte dei miserabili ore,
e passa, come Cristo Tiberiade
in piedi sul creped ore.

A secco le tue lacrime, il dolore in silenzio,
e solo il suo sguardo fisso dovere,
raccolti e spine capannone fiori
sulla strada tracciata per i loro figli.

Egli ha detto: "Chi è buono, l'amarezza
mai in lacrime la sua guance bagnate:
Nel mondo il primo di Ventura
il minimo è stato defoliated mormorio.

"Non temere la buona macellazione
l'uomo ha per la lotta contro l'sereno e forte,
e chi odia il male e il vice
talamo di rose in una morte.

"Se sei povero, e so bene confórmate;
se sei ricco, proteggere l'infelice,
e così come a casa lo straniero
salvare il tuo onore per vivere dignitosamente.

"Ama la libertà, la libertà è l'uomo
giudice e la sua coscienza è più severe;
salvare quanto onore è il tuo nome,
perché il mio nome e il mio onore è la tua eredità ".

Questo codice di Augusto, la mia anima è stata,
Ho sentito di essere registrati;
in tutte le tempeste è stato il mio scudo,
di tutte le tempeste sono state salvate.

Mio padre sta esaminando la sua serena
accurata riflessione onesta della sua coscienza;
Quanto amore e di buoni consigli
stupiti alla brillantezza dei suoi occhi!

La nobiltà della sua anima è nobile,
la gloria del dazio così la sua gloria;
è scarsa, ma svolge la sua povertà
Pagina principale della sua storia.

Come il culto della mia anima il tuo amore,
fortuna che avrebbe per onorare il suo nome,
è l'amore che mi hanno ispirato, come un bambino
il più sacro di ispirazione umana.

Voglio che il cielo per la canzone che mi ispira
Sempre amore i tuoi occhi per vedere,
e tutti i versi del mio lire
queste sono degne del suo nome.



Juan de Dios Peza

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog Amici

E-BOOK

Sosteniamo Mundimago

Poni una Domanda e Clicca il bottone Bianco


CLICCA QUI SOTTO
.



Google+ Followers

Visualizzazioni totali