martedì 17 gennaio 2012

42 milioni di persone si prostituiscono nel mondo




Quarantadue milioni di persone si prostituiscono nel mondo 

L'80% sono donne o bambine, tre quarti hanno tra 13 e 25 anni



 Roma, 16 gen. (TMNews) - La prostituzione è un fenomeno ampiamente diffuso nel mondo e l'ultimo Rapporto mondiale sullo sfruttamento sessuale conferma la dimensione del problema. Stando ai dati raccolti dalle Nazioni Unite e pubblicati la settimana scorsa della Fondazione Scelles - una fondazione francese che lotta contro la prostituzione - tra 40 e 42 milioni di persone si prostituiscono nel mondo; l'80% sono donne o bambine; il 75% hanno tra i 13 e i 25 anni; il 90% dipende da un protettore; in Europa occidentale, tra uno e due milioni di persone si dedica alla persecuzione, in maggioranza migranti, "vittime della tratta degli esseri umani".

Fra le varie prospettive per esaminare il fenomeno della prostituzione vi è quella degli "avvenimenti sportivi": Giochi olimpici e Coppa del Mondo di calcio "accentuano fortemente l'offerta" di prostituzione. Durante i Mondiali del 2006 in Germania l'autorizzazione a case chiuse nei pressi degli stadi aveva suscitato polemiche. In Sudafrica erano stati ordinati un milione di preservativi per far fronte a eventuali rischi sanitari. "Le gare di Formula 1 non sono da meno", sottolinea il rapporto.

http://www.tmnews.it/

-


.

giovedì 12 gennaio 2012

il partner è invidioso del vostro successo ?




il partner è invidioso del vostro successo


Amore è condivisione, sia di momenti di tristezza o di negatività sia di quelle piccole grandi gioie che possono presentarsi sulla vostra strada. Ma vi è mai capitato che il/la vostro/a lui/lei si sia dimostrato in qualche modo invidioso/a delle vostre soddisfazioni e dei vostri successi personali?

All'inizio il suo sostegno, la sua partecipazione non ci è certo mancata, a tratti abbiamo nitidamente avvertito il suo orgoglio nello starci accanto, ma poi, progressivamente, le sue battutine, il suo sarcasmo, e la sua non sempre gradita ironia ci hanno messo di fronte ad una persona molto diversa. Per quanto possa apparire strano, è molto probabile che la causa di questo cambiamento sia stata l'invidia. Come reagire a questo punto?

Una delle possibili motivazioni che hanno portato la nostra metà ad assumere un atteggiamento diverso nei nostri confronti potrebbe essere l'eccessiva chiusura che, magari inconsapevolmente, abbiamo dimostrato nei suoi riguardi, dunque una possibile soluzione potrebbe essere quella di fare di tutto per farlo sentire partecipe del nostro mondo, delle nostre soddisfazioni.

Se invece quello che spinge il/la nostro/a lui/lei a provare invidia è semplicemente un forte senso di insoddisfazione personale, provate a fargli/le comprendere che le attività e i passi che compie ogni giorno sono importanti e utili per il vostro futuro.

In entrambi i casi, comunque, il dialogo si rivela fondamentale; letale invece potrebbe essere rinunciare al vostro modo di essere o sentirsi in colpa solo per essergli più vicino.

Se invece vi rendete conto che ciò che alimenta l'atteggiamento del/la vostro/a lui/lei è puro spirito di rivalità, forse è meglio lasciare perdere, la vostra metà non era poi così dolce!

-


.

mercoledì 11 gennaio 2012

il primo amore non si scorda mai



il primo amore non si scorda mai


 Soffermatevi qualche istante su quali sono i ricordi più belli che la vostra memoria possa avere conservato: cosa vi viene in mente? Il vostro primo appuntamento? Il primo bacio? O forse il giorno delle vostre nozze? Ecco cos'hanno risposto gli italiani.

Che lo Stivale sia rinomato per la sua spiccata propensione alle faccende amorose non è certo una novità. Ma ciò che è piacevole riconoscere è che il popolo italiano è composto da inguaribili romanticoni, pronti a mettere nelle primissime posizioni dei ricordi più belli quelli legati alle vicende amorose e sentimentali.

Da un recente sondaggio, condotto da un'importante azienda che opera nel settore dell'archiviazione digitale, è infatti emerso che nell'89% dei casi il ricordo che con maggiore piacere si è imposto nella memoria delle persone è quello del primo amore e del primo bacio, seguito a ruota da quello che riguarda il primo appuntamento e quello delle proprie nozze e della luna di miele.

Significativi sono anche le rievocazioni relative alla nascita del primo figlio, al primo giorno di scuola e al giorno della propria laurea.

Ma nonostante la nostra mente li memorizzi in modo indelebile, alcuni ricordi sono un po' meno piacevoli da rievocare. Cosa vorrebbero dunque cancellare in modo irreversibile gli italiani? Senza dubbio la prima rottura amorosa (25%) e, per una donna su 5, la prima notte di sesso. In quest'ultimo caso forse gli uomini la penseranno diversamente!

-


.

BLOG DI CIPIRI: INFIBULAZIONE : la privazione del piacere







coinsiste nell’asportazione quasi totale del clitoride e parte delle grandi e piccole labbra e la terza coinsiste nell’asportazione di grandi labbra, piccole labbra, clitoride e cucitura degli organi genitali femminili esterni lasciando solo la vagina in modo parziale che serve per far uscire il mestruo e le urine. Quando la donna si sposa, lo sposo scuce la vulva e ha rapporti sessuali con la moglie che poi sarà ricucita dopo la gravidanza



BLOG DI CIPIRI: INFIBULAZIONE : la privazione del piacere: INFIBULAZIONE la privazione del piacere In Italia sono 4.000 le bambine che ogni anno in Italia subiscono una mutilazione geni...

-


.

lunedì 9 gennaio 2012

VIDEO: Parto naturale , video

Parto naturale , video


COME NASCE UNA NUOVA VITA

Parto naturale video in diretta .


VIDEO: Parto naturale , video: Parto naturale video in diretta . . Questo video sul parto naturale ha vinto il "Documentary Birth Award" Ci credo che h...

-

 Ecco la Pagina dei PIANETI 

del Nostro Sistema Solare 




.


. Bookmark and Share .

.

.


IMAGO 

Termine introdotto da C.G. Jung (1875-1961), con riferimento a un’Imago ‘materna’, ‘paterna’, ‘fraterna’ e divenuto di uso comune in psicanalisi. Caratterizzata come ‘rappresentazione o immagine inconscia’, l’Imago è piuttosto uno schema immaginario, un prototipo inconscio che orienta in maniera specifica il modo in cui il soggetto percepisce l’altro, ne orienta cioè le proiezioni. Formatasi sulla base delle prime relazioni del bambino con l’ambiente familiare, l’Imago non va peraltro considerata come correlato di figure reali, ma presenta carattere fantasmatico; così a un’Imago genitoriale minacciosa e terribile possono corrispondere genitori reali estremamente miti...leggi tutto -

 Pagina delle IMAGO 

 http://mundimago.org/imago.html





Le 12 costellazioni dello Zodiaco, che si trovano lungo l'eclittica, 
e vengono quindi percorse dal Sole nel suo moto apparente sulla volta celeste durante l'anno ...QUI - http://www.mundimago.org/costellazioni.html



.

LEGGI TUTTO SULLE STAGIONI
METEOROLOGICHE
ED 
ASTRONOMICHE

.

SITO INTERNET
CHE SI PROPONE DI 
ESPANDERE
IL 
LAVORO CREATIVO


.





LE
IMAGO
DICONO
LA 
VERITA'







.
GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO




. Bookmark and Share .

COSA SI MANGIA DOMANI ?: cibi afrodisiaci


cibi afrodisiaci

COSA SI MANGIA DOMANI ?: cibi afrodisiaci: cibi afrodisiaci Ci sono alcuni cibi che, grazie a delle proprietà dimostrate scientificamente o semplicemente riconosciute da...
-


.

La donna è il partner dominante ?




La donna è  il partner dominante




Il congresso della società europea di medicina sessuale avverte: è boom di femmine alfa (dominanti) che mandano in crisi il maschio (soprattutto più giovane nella fascia under 40).
La “superprestazione” è diventata la nuova ansia del maschio moderno, che non si sente all’altezza dei ruoli che gli vengono richiesti: marito, padre, amante, o almeno questo è quanto dichiarato dal 40% degli uomini intervistati, mentre un buon 35% ritiene che siano le donne a tenere le redini del rapporto di coppia e un 25% non ha il coraggio di confrontarsi ed esprimere le proprie debolezze.
Il 70% degli uomini, infine, indica un legame di coppia insoddisfacente come responsabile delle proprie performance erotiche non appaganti.
Secondo il prof. Francesco Montorsi, Ordinario di Urologia presso il San Raffaele di Milano: “La sessualità è profondamente cambiata proprio perché è il risultato di una complessa interazione tra fattori biologici, psicologici, socio-economici, culturali, etici e religioso/ spirituali. I ruoli di genere non sono più chiaramente definiti e si è modificato l’equilibrio delle relazioni. Basti aggiungere un ulteriore dato: il 75% degli uomini vorrebbe avere rapporti più frequentemente di una volta o due a settimana, ma solo il 12% ottiene questo risultato”.

-
Sono Web Designer, Web Master e Blogger, creo siti internet , blog personalizzati.
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Creo loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.
MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/


 FAI VOLARE LA TUA 
FANTASIA
MUNDIMAGO


mercoledì 4 gennaio 2012

Regali di Natale riciclati




Regali di Natale riciclati




Diciamoci la verità: chi non ha mai riciclato un regalo a Natale? Magari quel ciondolo che proprio non avremmo mai messo o l'ennesima cintura che non è proprio attinente ai nostri gusti. E se ad essere riciclati fossero poi regali poco graditi, come quelli degli/delle ex fidanzati/e?

Ebbene, sembra proprio che gli italiani non si facciano scrupoli: che sia dovuto all'effetto della crisi o semplicemente alla voglia di liberarsi di un oggetto che ci ricorda qualcosa di poco piacevole, sono molte le persone che a Natale decidono di riciclare volutamente i regali di ex fidanzati.
A dirlo è un'indagine svolta da un club per single, il quale ha rivelato che 6 italiani su 10 questo Natale hanno deciso di "donare" regali appartenenti al proprio passato sentimentale, indirizzandoli soprattutto a zii, cugini, colleghi (28%) e suoceri (22%). Per gli amici, invece, si ha un'attenzione tutta particolare, in special modo se si tratta di persone particolarmente care.

Forse può apparire strano, ma la maggior parte delle persone che si sono sbarazzate dei regali degli ex appartengono alla categoria femminile (parliamo del 72%), la quale ha regalato soprattutto libri, gioielli e vestiti non utilizzati. L'uomo, invece, ha pensato bene di riciclare sciarpe e cravatte.
Il dato più curioso è forse quello che indica fra i regali riciclati l'anello di fidanzamento o una cornice, dalla quale è stata opportunamente tolta la foto di coppia non più gradita.

-


.

martedì 3 gennaio 2012

Ingaggia squillo, arriva sua figlia


Ingaggia squillo, arriva sua figlia

La testata Zimbabwe News riferisce di ciò che potrebbe essere uno dei massimi momenti storici del disagio sociale. Il Sig. Titus Ncube sarebbe – secondo il giornale – svenuto dopo che, avendo convocato una prostituta nella sua camera d’albergo, si è presentata all’incontro la sua figlia 20enne. Alla vista del padre, la ragazza è fuggita. Ncube invece dovrebbe avere visto tutta la propria vita passare davanti agli occhi. Ora dichiara: “Non dò la colpa alla mia bambina per ciò che faceva. Ritengo fosse la sua maniera per esprimere i suoi sentimenti riguardo ai problemi nella famiglia”. Ncube ora avrebbe ingaggiato un terapista per la ragazza e un consulente matrimoniale per aggiustare i rapporti con la moglie. La Sig.ra Ncube dice invece: “L’avrei lasciato anni fa se non fosse per i figli”.
 http://zimbabwenewsonline.com/top_news/2495.html

-


.

lunedì 2 gennaio 2012

l’orgasmo si capisce dalla camminata


l’orgasmo si capisce dalla camminata


Uno studio belga assicura che, osservando la camminata di una donna, si può capire se è in grado o meno di raggiungere o meno l’orgasmo vaginale.
Dopo aver osservato diverse donne e svariate camminate, gli studiosi hanno stabilito che le donne con una camminata fluida, sensuale, decisa sono le stesse donne che conoscono meglio i propri bisogni sessuali e il proprio corpo, il che significa che riescono a raggiungere l’orgasmo vaginale.
Le donne che, al contrario, camminano in modo incerto, goffo, rannicchiato, e che dimostrano di non essere a proprio agio, solitamente sono molto inibite anche sotto le lenzuola, faticano a vivere a pieno le emozioni e, di conseguenza, non raggiungono l’orgasmo vaginale.


.
. -


.

sesso: da evitare sotto le feste

 sesso

da evitare sotto le feste

Si sa, le feste, per chi è single, sono sempre un periodo un po’ complicato: ci si sente soli e i parenti non mancano di infierire con domande di ogni genere su una vita sentimentale inesistente.
E così pare proprio che in tanti siano più propensi al sesso improvvisato, talvolta anche col primo che capita, che in certi frangenti sembra sempre più allettante della solitudine.

Innanzitutto la depressione potrebbe portare a rispolverare un ex, cosa che è sempre meglio evitare perché si rischia di riaprire una ferita emotiva che non se ne andrà una volta che ci lasceremo le feste alle spalle.
Sentirsi più buoni sotto Natale, poi, non significa concedersi a tutti e finire a letto col primo che capita solo per il bisogno di sentirsi ancora piacenti perché tutto questo implicherebbe la trasgressione una regola fondamentale: il rispetto per se stessi.
C’è poi il sesso sotto l’ebbrezza dell’alcol, che troppo spesso ci porta a risvegliarci con un perfetto estraneo, che passi se si scopre essere Brad Pitt, ma molto più probabilmente sarà un incrocio tra Danny De Vito e Rowan Atkinson, e la situazione può degenerare notevolmente se non troviamo un profilattico sul pavimento.

-


.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog Amici

E-BOOK

Sosteniamo Mundimago

Poni una Domanda e Clicca il bottone Bianco


CLICCA QUI SOTTO
.



Google+ Followers

Visualizzazioni totali