domenica 27 ottobre 2013

Great Wall of Vagina



Jamie McCartney sta realizzando un pannello insolito che verrà messo all’asta per beneficenza.
 Si tratta di più di 400 calchi di vagina, al momento ne ha solo 370 e ha indetto un casting per raggiungere il numero prefissato, ogni pannello sarà composto da 40 calchi per un totale di 10 pannelli, un vero e proprio Great Wall of Vagina.
 In ogni opera c’è un intento, quello di Jamie è quello di mostrare le varietà di forme che la vagina può avere, rendendola “pubblica” in modo da ristabilire l’equilibrio tra imbarazzo e consapevolezza.

. .

Genitali femminili sono stati a lungo una fonte di fascino, recentemente di festa, ma in generale di confusione. Oggi sembra che la creazione di immagini della vagina è l'unico appannaggio di pornografi, artisti erotici e femministe. Passo in artista inglese Jamie McCartney, che ha colto l'ortica per creare una scultura monumentale muro tutto su questa più intima dei luoghi. Per 400 donne i loro privati ​​sono andati pubblico ...

La metà di un decennio da quando le sue umili origini, La Grande Muraglia della vagina ha sedotto le donne provenienti da diversi paesi e di tutti i ceti sociali di volontariato che viene espresso dal McCartney in una reazione estremamente positiva per il progetto.

Il lungo polittico 9 metro consiste di quattrocento calchi in gesso di vulve, tutti unici, organizzati in dieci grandi pannelli. McCartney ha precisato per rendere questo progetto più ampio e inclusivo possibile. La fascia d'età delle donne è 18-76. Sono inclusi madri e figlie, gemelli identici, uomini transessuali e donne così come una donna di pre e post natale e un altro pre e post labiaplasty.

Non è volgare, è vulva! Questo non è solo sensazione, è l'arte con una coscienza sociale e McCartney vuole la gente a fermarsi, guardare e ascoltare. Qui si tratta di catturare l'attenzione, con umorismo e spettacolo, e poi educare le persone su ciò che le donne normali davvero assomigliano. Descritto come "I monologhi della vagina di scultura" questo pezzo è destinato a cambiare la vita delle donne, per sempre.

"Per molte donne il loro aspetto genitale è una fonte di ansia e io ero in una posizione unica per fare qualcosa al riguardo."

Vulve e piccole labbra sono diversi come i volti e molte persone, in particolare donne, non sembrano saperlo. McCartney spera che questa scultura aiuterà a combattere l'aumento esponenziale, visto negli ultimi anni, di cosmetici ambulatori labiali. Questa nuova moda per creare vagine 'perfetto' imposta una tendenza preoccupante per le future generazioni di donne.

La Grande Muraglia della vagina rende la visione affascinante e rivelatrice che è un grido lontano dalla pornografia. Non è arte erotica. Non si tratta di eccitazione. McCartney ha tirato fuori un trucco incredibile - per rendere deliberatamente la non sessuale sessuale e vi porterà molto più profondo. Uno è in grado di fissare senza vergogna ma con meraviglia e di stupore per questa denuncia della varietà umana.

"E 'ora la nostra società è cresciuta intorno a questi temi e sono certo che l'arte ha un ruolo da svolgere."

. .

Jamie McCartney

Jamie McCartney è uno scultore inglese, formatosi alla Scuola d'Arte di Hartford, Stati Uniti d'America, da dove si è laureato con il massimo dei voti nel 1991.

Jamie è un artista che è difficile da definire. Ammette di avere una Oevre gran parte scultorea,
 ma il suo lavoro attraversa molte discipline e che rifugge qualsiasi etichetta particolare. 
"Do la colpa mia laurea in Experimental Studio Art ... Sto ancora sperimentando ".
 Questo è vero. 
Se c'è una firma McCartney è il suo approccio completamente nuovo per fare arte. 
Nessun argomento è tabù, nessun processo o il materiale è off limits. 
Egli abbraccia esperimento come la forza trainante dietro la sua creatività, spesso mettendosi in extremis per realizzare i suoi slip autoimposti. Interrogato, 
"Ho appena faccio roba" è il suo mantra. 
Questa finta umiltà nasconde una forte, alcuni direbbero eccentrico,
 pharacter con un preciso je ne sais quoi ... 
E 'un maerick, un enfant terrible e quello che fa sta causando una molto scalpore.

.
.

leggi anche 


NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE 

http://maucas.altervista.org/imago_carte.html

GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO


.

.

sabato 26 ottobre 2013

Arabia Saudita: campagna per il diritto di guidare



Una campagna per incoraggiare le donne a guidare in Arabia Saudita è stato guadagnando un certo sostegno popolare. Da quando è andato in diretta più di una settimana fa, una petizione sul oct26driving.com   http://www.oct26driving.com/?page_id=77 ha ricevuto più di 12.000 firme digitali da persone che chiedono alle autorità di fornire le licenze e permessi richiesti per le donne che desiderano guidare nel Regno (non esiste una legge effettiva contro femmine piloti, invece, le autorità semplicemente non rilasciare licenze per le donne, la creazione di un divieto de facto).
La petizione chiede lo stato saudita per consentire alle donne di guidare: "Dal momento che non vi è alcuna giustificazione per il governo saudita di vietare le donne cittadini adulti che sono in grado di guidare le auto dal farlo, chiediamo allo Stato di fornire mezzi adeguati per le donne che cercano l'emissione di permessi e licenze da applicare e ottenere loro ".
Il sito web, che invita anche le donne a mettersi al volante, il 26 ottobre, è stato bloccato nel Regno di Domenica, The Guardian .Una dichiarazione sul sito suggerisce che il blocco è avvenuto a causa della popolarità della petizione: ". Society volere il divieto da sollevare è apparentemente una minaccia che la pagina di una petizione al governo di revocare il divieto è stato bloccato all'interno di Arabia" 
Nel frattempo, un conservatore religioso saudita ha detto che le donne che guidano il rischio di danneggiare le loro ovaie e pelvi, oltre ad avere i bambini con "problemi clinici," rapporti di CNN .
Chierico sceicco Saleh al-Loheidan, che era a capo del Supremo Consiglio giudiziario dell'Arabia Saudita fino al 2009, ha fatto i commenti in un'intervista pubblicata Venerdì su notizie Arabia sito sabq.org (i suoi commenti sono stati tradotti in inglese da agenzie di stampa). Alcuni attivisti hanno fatto un collegamento tra i commenti di al-Loheidan e la campagna di guida.
"Questa è la sua risposta alla campagna," l'Arabia donne attivista per i diritti Aziza Yousef ha detto alla CNN. "Ma è un individuo opinon. L'istituzione clericale non è dietro a questo."
Finora, nessun ministeri sauditi hanno offerto alcuna risposta ai commenti di al-Loheidan. Ma un medico saudita, ginecologo Mohammed Baknah, è andato in onda sul canale Rotana di proprietà privata per contrastare le affermazioni, dicendo che gli studi scientifici non hanno dimostrato che la guida influenza negativamente la salute delle donne,

Arabia Saudita, sceicco: "Donne non guidate Fa male alle ovaie e crea danni al nascituro"
Il tentativo di Salah al Luhaydan volto a dissuadere la campagna in atto nel Paese per abolire il divieto alla guida per il gentil sesso ha generato ironia sul web: "Grandi scoperte scientifiche"
Le donne che guidano possono avere ripercussioni alle ovaie e all'apparato riproduttivo, come dimostrano alcuni studi su bambini di donne al volante nati con problemi clinici. E' la scioccante tesi sostenuta dallo sceicco saudita Salah al Luhaydan per mettere in guardia il gentil sesso e cercare di dissuaderlo dalla campagna per abolire nel Paese il divieto per le donne di guidare.
A riportare la notizia è il sito panarabo Al Arabiya. La guida "potrebbe avere un impatto fisiologico. La medicina ha studiato il caso dimostrando che ha un impatto automatico su ovaia e pelvi", ha spiegato lo sceicco, che è stato anche presidente della Suprema Corte di Giustizia saudita, parlando anche di bimbi nati con "problemi clinici".
Campagna per abolire il divieto di guida alle donne - Da tempo impegnate per l'abolizione del divieto delle donne al volante, le attiviste saudite hanno lanciato una campagna online invitando le donne a guidare il 26 ottobre. E più di 11mila donne hanno firmato la dichiarazione oct26driving.com che chiede "di consentire alle donne di accedere agli esami di guida per il rilascio delle patenti".
Ironia in Rete, Twitter scatenato - La presa di posizione dello sceicco non ha tardato ad innescare reazioni su Twitter e sui social media dove, in molti, hanno ironizzato sulle sue "grandi scoperte scientifiche".

MINACCIATE CONGELANO LA PROTESTA

.
iscrivendoti a questi siti guadagni ogni giorno .
 
.
 Guadagna soldi .
.
clicca sui banner per saperne di piu'
.
leggi anche 
NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE  http://maucas.altervista.org/imago_carte.html
GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO
.

venerdì 18 ottobre 2013

Sentirsi sicuri con l’abbigliamento giusto


Care donne, ma anche cari uomini perché no…

 Sappiamo bene come la pubblicità, megafono del grande mondo della moda, ci propone modelli femminili e maschili il più delle volte lontani da noi.

Proviamo ad assomigliarci, ci ammazziamo in palestra, facciamo strisciare le nostre carte di credito nei negozi più alla moda per essere sempre vestiti all’ultimo grido, ma alla fine sentiamo sempre che ci manca qualcosa rispetto alla perfezione di quei modelli.

Ecco perché, dopo tanto penare, è forse il caso di considerare le proposte dell’abbigliamento, non tanto per la loro capacità di farci sembrare come il mondo esterno ci vorrebbe, quanto invece per come ci fanno sentire più sicuri, soprattutto nel mondo del lavoro.

Ben inteso; questo non significa rinunciare una volta per tutti ai nostri “ideali” di fashion addicted, ma cercare di mitigare il tutto con un po’ di accorgimenti che possono aiutare quanto meno a stare bene.

Banalmente, per lei, anche la scelta delle calze al mattino può essere un punto chiave per trascorrere una giornata comode e sicure di se; magari scegliendo dei collant coprenti, acquistandoli anche online in siti di moda, in modo da nascondere le piccole imperfezioni, e sentirsi a proprio agio anche con una gonna più corta e affrontare la giornata lavorativa al massimo della forma.

Allo stesso modo è bene non impiccarsi troppo con le taglie, partendo dall’assunto che ognuna ha la sua di base, e solo quella è quella giusta. Peraltro oggi, tanti marchi di alta moda propongono idee interessanti e carine anche per chi non ha la classica taglia 42 (voi quante ne conoscete che ce l’hanno?).

Se poi ci si avvia verso le stagioni più fredde c’è anche l’aspetto della temperatura da considerare. Per le più freddolose, è inutile rincorrere i suddetti modelli con schiene scoperte, assolutamente poco eleganti e non troppo professionali. Meglio anche qui scegliere soluzioni coprenti, magari giocando con le trasparenze per non far mai mancare al nostro look quella cifra di eleganza che non guasta mai.

L'abito aiuta sicuramente, ma la vera sicurezza è quella che proviene dall'essere sé stessi, dalla nostra autostima, dal livello di maturità raggiunto, dalla cultura, dalla femminilità. Il vestito si indossa e si leva, la personalità rimane parte integrante di noi. Credo che l'abbigliamento giusto sia quello che rispecchi il nostro carattere, ma che ci renda lievemente più intriganti, che valorizzi le nostre nostre qualità fisiche e minimizzi i nostri difetti. L'abito giusto, quindi dovrebbe prescindere dalla moda e dovrebbe bilanciare, equilibrare eventuali eccessi caratteriali. E' importante sopratutto saperlo indossare, usando una postura corretta ed una mimica facciale adeguata alla situazione.


GUARDA QUESTI CAPI DI ABBIGLIAMENTO
http://cipiri15.blogspot.it/2013/10/vestiti-di-lana-fatti-con-uncinetto.html

VESTITI DI LANA FATTI CON UNCINETTO

PRODOTTI UNICI


FROU FROU CON MANICHE
.
iscrivendoti a questi siti guadagni ogni giorno .

 
.
 Guadagna soldi .

.
clicca sui banner per saperne di piu'
.
leggi anche 
NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE  http://maucas.altervista.org/imago_carte.html
GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO
.
.

mercoledì 9 ottobre 2013

Philofobia: la paura d’amare


Philofobia: come si affronta la paura d’amare

 La philofobia, ovvero la paura d'amare, è quella che probabilmente nella cultura occidentale colpisce più persone. Vediamo come riconoscerla e come uscirne sani e salvi!

Philofobia, dal greco “paura d’amare”: una parola che spaventa un po’ come daltronde fa anche il suo significato.
 La philofobia è, infatti, una fobia vera e propria che rende una persona incapace ad abbandonarsi all’amore, ovvero limita chi ne è soggetto a sperimentare e vivere completamente il coinvolgimento emotivo amoroso.

Secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità, circa un europeo su dieci almeno una volta nella vita ha provato il disagio legato a queste paure incontrollate rispetto ai legami affettivi.

L’incapacità di amare, o meglio l’essere trattenuti a farlo, è provocato dalla presenza o dall’attesa di un oggetto o situazione specifici come ad esempio il verificarsi di un mancato lieto fine

Il philofobico, di conseguenza, risponde a queste paure con un malessere fisico generato da attacchi di panico, sudorazione eccessiva, crisi d’ansia, insonnia e talvolta dispnea, ovvero difficoltà respiratoria.

Gli psicologi confermano che la paura d’amare comporta sintomi più o meno gravi a seconda del suo “stadio”: nella maggior parte dei casi la situazione fobica viene evitata troncando la relazione sin dall’inizio, oppure, nel caso continui, viene supportata con intensa ansia o disagio.

Perché si diventa philofobici?

Dal punto di vista biochimico l’ossitocina e la vasopressina sono i peptidi potenzialmente coinvolti nelle relazioni affettive; ovvero hanno il compito di regolare le funzioni degli organi periferici coinvolti nei comportamenti riproduttivi attraverso l’amigdala, l’ippotalamo e il nervo valgo. Per questo si può dire che bassi livelli di ossitocina e vasopressina diano origine a fobie e comportamenti ansiosi per quanto riguarda la sfera delle relazioni sociali.

Se si considera invece l’aspetto puramente razionale si possono trovare le radici della philofobia in quello che è stato un difficile rapporto con i genitori; più specificatamente se ci si è sentiti “poco amati” durante l’infanzia e l’adolescenza.

Questa paura di essere feriti: l’aspettarsi qualcosa di negativo anche quando non ce n’è motivo si può quindi ricondurre a come ci si è sentiti in passato di fronte ad una “carenza” affettiva

Cosa bisogna fare per liberarsi di questa fobia?

• Prima di tutto: lasciarsi andare; non si devono eliminare categoricamente le possibilità di innamorarsi e di creare un legame duraturo.
 • In secondo luogo bisogna evitare assolutamente di ipotizzare e tentare di indovinare l’esito di un’unione poiché il philofobico penserà sempre e solo ad un finale negativo.
 • Off limits: fare paragoni con le storie precedenti e pensare a come sarebbe meglio si evolvesse la storia attuale.
 • Ultima ma non meno importante “dritta” è quella che non bisogna mai dimenticare di mettere in pratica: parlare! Condividere ansie, timori e aspettative con il proprio compagno non può far altro che rendere più saldo il rapporto e trovare nell’altra persona anche un “sostegno”.


.
iscrivendoti a questi siti guadagni ogni giorno .
 
.
 Guadagna soldi .
.
clicca sui banner per saperne di piu'
.
leggi anche 
NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE  http://maucas.altervista.org/imago_carte.html
GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO
.

martedì 8 ottobre 2013

Gay Detector


il gay detector

 Re e Principi fedeli alleati dell'Occidente fremono per la trovata made in Kuwait.

 E' un aggeggio che, non si capisce come, scoverebbe gli omosessuali 

 - Non bastava il test dell'HIV da allegare alla domanda di lavoro e l'immediata espulsione dal paese in caso di sieropositività. Tra gli stati membri del Consiglio di Cooperazione del Golfo (CCG) c'è fremito per una nuova trovata made in Kuwait: il gay detector. A dare il solenne annuncio, è stato ieri Yusuf Minkdar, direttore del dipartimento della salute pubblica al ministero della Salute.

"I centri sanitari - ha spiegato Minkdar al quotidiano kuwaitiano al-Rai - effettuano un controllo medico di routine per valutare la salute degli espatriati quando entrano in paesi del CCG. Tuttavia, prenderemo misure più rigorose che ci aiuteranno a rilevare gli omosessuali e i "terzo-sessuali" - termine comunemente usato nei paesi del Golfo per riferirsi ai transessuali o a persone con "disturbo dell'identità di genere" - a cui sarà poi impedito di entrare in Kuwait o in uno qualsiasi degli Stati membri del CCG".

Non è chiaro quale nuova e avanzata scoperta scientifica sarebbe in grado di determinare una preferenza sessuale che non ha niente a che vedere con il DNA. Certo è che, dato che si tratta di un test medico, l'omosessualità viene trattata come una malattia. E temuta come l'HIV, contro la quale già esistono controlli ed espulsioni alla dogana se si viene trovati infetti. Come un sieropositivo, un omosessuale avrà 'inadatto' stampato sul referto medico, un termine spesso usato per le persone che non superano i test medici che escludono automaticamente la loro domanda di visto.

Il quotidiano Kuwait Times si chiede che tipo di persone sarà rivolto il nuovo progetto: i travestiti sono esclusi o è riferito a tutti gli omosessuali in generale? E ancora, come i medici intendono determinare l'orientamento sessuale di un visitatore? Il dispositivo è ancora "in via di sperimentazione", come ha dichiarato Minkdar stesso. La nuova proposta sarà discussa nel corso dell'incontro del 'Comitato Centrale per la forza lavoro immigrata nel CCG' che si terrà l'11 novembre in Oman.

L'omosessualità è illegale in 79 paesi del mondo, specialmente negli Stati del Consiglio di Cooperazione del Golfo: si va dal carcere alle frustate. In uno di essi, l'Arabia Saudita, è addirittura punibile con la pena di morte. Ma è chiaro che, dall'atteggiamento delle autorità locali e dai controlli alla frontiera, sono i lavoratori immigrati il principale veicolo dell'omosessualità nei paesi del Golfo. Nel blog "LGTB Asylum News" sono riportati numerosi casi di omosessuali ricattati in Arabia Saudita e nei paesi vicini. Tutti sono lavoratori immigrati.

Le cronache parlano, ad esempio, di 24 filippini a Jeddah accusati di essere prostituti sui quali sta indagando l'Amministrazione per l'assistenza ai lavoratori oltremare delle Filippine. Ryan Ferrer, un cittadino filippino residente nel Regno wahhabita, ha dichiarato di essere stato ricattato dal proprio datore di lavoro per avere un'estensione del visto. E' stato anche in prigione per 6 mesi con l'accusa di prostituzione.

Secondo la testimonianza di un altro filippino, "un lavoratore straniero gay può voler accompagnare un uomo locale, specie se è di bell'aspetto, per avere rapporti sessuali." Situazioni come queste, secondo l'autore dell'articolo, alla fine si trasformano in stupro e le vittime omosessuali sono costrette a compiere atti sessuali contro la loro volontà. Rifiutare, soprattutto a livello locale, potrebbe portare all'incubo di essere arrestato e svergognato pubblicamente, così come la storia potrebbe essere invertita con il locale che dichiara di essere stato tentato dal lavoratore immigrato gay.

Sono molte le testimonianze di omosessuali che vivono nella regione diffuse dal portale Gay Middle East. In Oman, ad esempio, "di solito si ricattano i lavoratori stranieri per estender loro il visto di lavoro" spiega una fonte anonima al GME. A quanto pare, con il gay detector, i cittadini del Golfo "vittime" dell'omosessualità importata potranno dormire sonni tranquilli.
di Giorgia Grifoni .
iscrivendoti a questi siti guadagni ogni giorno
.
.  
.
 Guadagna soldi .
.
clicca sui banner per saperne di piu'
.
leggi anche 
NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE  http://maucas.altervista.org/imago_carte.html
GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO
.

venerdì 4 ottobre 2013

La durata media di un abbraccio



La durata media di un abbraccio
tra due persone è di tre secondi.
Ma i ricercatori hanno scoperto qualcosa di fantastico.
Quando un abbraccio dura venti secondi,
produce un effetto terapeutico sul corpo e la mente.
La ragione è che un abbraccio sincero
produce un ormone chiamato “ossitocina”,
noto anche come l’ormone dell’amore.
Questa sostanza ha molti benefici
sulla nostra salute fisica e mentale,
ci aiuta, tra l’altro, a rilassarci,
a sentirci al sicuro e calmare le nostre paure e l’ansia.
Questo meraviglioso tranquillante è offerto gratuitamente
ogni volta che si prende una persona tra le nostre braccia,
che si culla un bambino, che si accarezza un cane o un gatto,
che si balla con il nostro partner,
che ci si avvicina a qualcuno
o che si tiene semplicemente un amico per le spalle.
Oggi, prendete qualcuno tra le braccia per venti secondi,
fate questo semplice regalo.

.
iscrivendoti a questi siti guadagni ogni giorno
.
 
.
 Guadagna soldi .
.
clicca sui banner per saperne di piu'
.
leggi anche 
NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE  http://maucas.altervista.org/imago_carte.html
GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO
.
.
.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog Amici

E-BOOK

Sosteniamo Mundimago

Poni una Domanda e Clicca il bottone Bianco


CLICCA QUI SOTTO
.



Google+ Followers

Visualizzazioni totali