loading...

lunedì 17 marzo 2014

Sesso, le Donne Raggiungono l'Orgasmo Quando ?


Sesso, le donne raggiungono l'orgasmo quando ?

In quale situazione una donna raggiunge più facilmente l'orgasmo? La questione potrebbe interessare soprattutto gli uomini, solitamente preoccupati della soddisfazione sessuale della partner.

Ebbene, uno studio statunitense ha confermato quello che l'esperienza ha sempre insegnato alle rappresentanti del sesso femminile: è più facile godere quando si conosce meglio il partner. E cioè: andare a letto con il primo che capita normalmente non regala indimenticabili momenti di piacere, soprattutto per il fatto che gli amanti occasionali maschi cercano normalmente la propria soddisfazione. Gli orgasmi femminili diventano invece più frequenti man mano che la relazione continua e dunque si approfondisce la conoscenza reciproca.

I dati parlano chiaro: soltanto l'11% delle donne prova piacere durante il primo rapporto sessuale con un uomo appena incontrato, il 16% al secondo o terzo appuntamento, il 34% dopo cinque o sei serate passate insieme, il 67% dopo sei mesi.

Risultati che non sorprendono certamente le lettrici di questo articolo, e che possono essere spiegati con una varietà di ragioni: in primo luogo ci vuole tempo per conoscere davvero cosa piace all'altro; l'intimità consente di sentirsi maggiormente liberi anche di chiedere apertamente servigi sessuali dei quali ci vergogneremmo con uno sconosciuto; e poi per molte persone fare sesso con qualcuno al quale vogliono bene accentua il godimento. Sulle donne, infine, pesa il pregiudizio secondo il quale fare sesso occasionale è sbagliato: una prospettiva che può influenzare gli incontri sessuali mordi e fuggi.

Le donne single e non intenzionate a formare una famiglia devono dunque rassegnarsi a una vita sessuale povera di orgasmi? Non proprio.

Qui sotto un'infografica curata dalla dottoressa Justin Lehmiller, ricercatrice dall'università di Harvard, spiega per esempio che l'atteggiamento mentale conta moltissimo quando parliamo di sesso occasionale: il 45% raggiunge l'orgasmo se è intenzionata a sviluppare una relazione con quell'uomo, mentre se non esiste questo tipo di obiettivo il piacere arriva solo al 37%.

La probabilità di giungere al piacere aumenta se alla penetrazione vengono affiancate altre attività: +18% se la donna si stimola manualmente, +5% se è lui a masturbarla manualmente, +3% in caso di fellatio, +9% in caso di cunnilingus e +15% con il sesso anale.


curiosa pure e' gratis qui sotto

.

.
leggi tutto sullo zodiaco
.



NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE 

http://www.mundimago.org/carte.html


GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO


.

.
. Bookmark and Share .
loading...

sabato 15 marzo 2014

LA PRIMA VOLTA



Ancora più importante dell’outfit per il primo appuntamento, c’è l’outfit per la tua “prima volta” con lui perché, diciamocelo chiaramente, tu hai già deciso quando accadrà. 
Cerca di non far coincidere le due occasioni, come insegna Laura…

L’intimo non è tutto e, la maggior parte delle volte, non viene neanche ammirato. Non andare a comprare un nuovo completino sexy con fronzoli strani e troppo studiato. Tu hai deciso da tempo che questa sarà “la sera”, ma lui non deve saperlo e, soprattutto, non deve intuirlo altrimenti si sentirà in un brodo di giuggiole e penserà che non ha dovuto faticare poi così tanto per averti… Intimo nero, semplice, con perizoma o brasiliana (evita il mutandone o la culotte, ti prego) e rigorosamente: autoreggenti. Cosa NON mi metto per LA PRIMA VOLTA

Non stravolgere completamente il tuo outfit rispetto agli appuntamenti precedenti. Gli uomini sembrano superficiali, ma quando si tratta di “concludere” sono attenti ad ogni piccolo dettaglio, anche più di noi. Se ti sei sempre presentata in jeans e maglietta (spero di no per te…), con poco trucco e capelli al naturale, evita di trasformarti in pantera selvaggia con miniabito, poppe al vento e trucco alla Mora Orfei. Lui capirà che c’è qualcosa sotto e potrebbe inventare attacchi terroristici al ristorante che aveva prenotato pur di portarti subito a casa! Cosa NON mi metto per LA PRIMA VOLTA

Più strati indossi, più indumenti lui avrà il piacere di toglierti. Un vestito di seta con zip va giù da solo e lui potrebbe interpretarlo come un libero segnale di “pochi preliminari richiesti”. Fatti desiderare con un outfit che ti aiuta a scandire tutte le fasi che tu, come tutte, ti aspetti per la vostra prima volta. Sì alla camicia con giacca e ai jeans con la cinta. No ai micro vestiti in cotone senza spalline, cerniere o bottoni. E no ai leggins! Cosa NON mi metto per LA PRIMA VOLTA

Il tuo outfit parla di te e delle tue intenzioni, soprattutto ad un appuntamento. 
Attenta ai suoi sguardi perché saranno più inquisitori dei RIS, 
se ci saprai fare si occorgerà perfino dei nuovi orecchini che indossi…


.

.
leggi tutto sullo zodiaco
.



NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE 

http://www.mundimago.org/carte.html


GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO


.

.
. Bookmark and Share .
loading...

venerdì 14 marzo 2014

Il Sesso Orale non è Peccato se Pensate a Gesù


Arcivescovo di Granada
"Donne, praticate il sesso orale a vostro marito ogni volta che ve lo chiede", parola dell'arcivescovo di Granada. Un'ondata di polemiche ha travolto la chiesa spagnola dopo l'esortazione rivolta alle fedeli dal Francisco Javier Martínez: "Non sentitevi in colpa, non è peccato se pensate a Gesù mentre lo fate". Non è la prima volta, d'altra parte, che il prelato suscita scalpore per le sue provocazioni. Nel 2009, aveva paragonato l'aborto al genocidio. Due anni dopo, inoltre, era finito nell'occhio del ciclone per un'altra dichiarazione: "Una donna che abortisce può essere violentata", aveva detto nel corso di un'omelia. Nel 2007, infine, era stato condannato per intimidazione nei confronti di un sacerdote locale. L'apertura al sesso orale, tutto sommato, appare quasi come una presa di posizione moderata.


Gli esseri umani non sono gli unici animali a praticare la fellatio.
 Infatti questa usanza è stata osservata sporadicamente
 anche nei bonobo (Pan paniscus),
 primati affini agli scimpanzé, i quali sono soliti utilizzare il piacere sessuale come base per i rapporti sociali all'interno del gruppo, ad esempio per la condivisione del cibo o per fare pace dopo un litigio.

Sesso orale è il termine con cui comunemente ci si riferisce alla stimolazione con lingua,,,continua a leggere :

.

.
leggi tutto sullo zodiaco
.




NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE 

http://www.mundimago.org/carte.html



 GUARDA ANCHE

http://mundimago.org/le_imago.html
.


.
loading...

Fare l’Amore nelle prime ore del Mattino è più Salutare



Fare l’amore nelle prime ore del mattino è più “salutare” rispetto a tutti gli altri orari: tiene alla larga gli acciacchi, mette di buonumore e rafforza il sistema immunitario. Queste dritte ci arrivano da Debby Herbenick, ricercatrice e sessuologa, nonché direttrice del Center for Sexual Health Promotion della Indiana University.

L’esperta ha dedicato a questo argomento gran parte delle sue ricerche contenute nel libro “Perché ci si sente bene” raccogliendo prove scientifiche a sostegno della sua tesi. «L’amore mattutino è un toccasana per la salute, tiene lontane le malattie – d’inverno combatte l’influenza e il raffreddore – e rende felici», spiega la Herbenick.

Maggior produzione di ossitocina

Rompere i classici schemi del sesso serale o notturno – e farlo nelle prime ore della giornata – permette alla coppia di “restare connessi” per tutto il giorno. Il sesso mattutino, infatti, garantisce una maggiore produzione di ossitocina, l’ormone della socialità, che «unisce le coppie per l’intera giornata», dice la Herbenick.

Fare lamore al mattino fa bene. Ecco perché

Pelle e unghie più forti

Oltre ad apportare benefici a livello di coppia, il sesso dopo il risveglio ha risvolti positivi (e concreti) anche sulla forma fisica e persino sulla vitalità dei capelli e sulla salute di pelle e unghie. Merito, ha chiarito la sessuologa, di «sostanze chimiche che aumentano i livelli di estrogeni, che migliorano il tono e la qualità di capelli e unghie».

Sistema immunitario fortificato

Il sesso mattutino dà una sferzata d’energia anche al sistema immunitario, che riceve una ‘scossa’ in grado di durare tutto il giorno: «migliorando i livelli di immunoglobuline A (IgA), un anticorpo che protegge contro le infezioni». Le immunoglobuline sono anticorpi che proteggono dalle infezioni, da malattie banali come il raffreddore a quelle più insidiose.

Quindi, se non vuoi arrivare tardi al lavoro non ti resta che svegliarti con largo anticipo e pensare alla tua salute…

.

.
leggi tutto sullo zodiaco
.



NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE 

http://www.mundimago.org/carte.html


GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO


.

.
. Bookmark and Share .
loading...

sabato 8 marzo 2014

Sesso: Raggiungere l'Orgasmo con un Clic



Sesso: raggiungere l'orgasmo con un clic

Viene impiantato nel corpo della donna un piccolo dispositivo in grado di far raggiungere il piacere con un solo clic.

Mentre alcune donne sono in grado di arrivare ad avere più orgasmi al giorno, altre invece faticano e anche parecchio.

Bene, nonostante si tratti di un argomento un po' particolare, il Daily Mail riporta come negli Stati Uniti sia stato inventato un dispositivo in grado di far raggiungere l'orgasmo al solo tocco di un pulsante.

La macchina è stata progettata per scopi medici e richiede una piccola operazione perché funzioni.

Andrebbe infatti inserita una minuscola scatola all'interno del corpo, questo perché il dispositivo poi utilizzerebbe gli elettrodi per innescare, appunto, l'orgasmo. I suoi creatori sperano che questa "scatola" possa essere usata per trattare le donne con disfunzione orgasmica.

Non si tratterebbe di un operazione rischiosa, in quanto la paziente rimarrebbe cosciente per adattarsi all'impianto, in modo che il chirurgo individui i nervi corretti dove adattare gli elettrodi nel midollo spinale.

Sarebbero così poi collegati ad un generatore di segnale, appena più piccolo di un pacchetto di sigarette, impiantato sotto la pelle dei glutei del paziente.

Il dispositivo non è ancora stato testato sugli uomini, ma non c'è motivo di pensare che non possa essere utilizzato per ottenere lo stesso risultato.

Potrebbe quindi essere qualcosa che funzioni e anche parecchio. Alcuni medici infatti hanno fatto notare come molti adolescenti effettuano operazioni chirurgiche per ingrandire il seno e che quindi questa sarebbe vista solamente come un qualcosa di nuovo.

L'idea è che l'impianto potrebbe essere innescato da un telecomando tenuto in mano, offrendo orgasmi con la semplice pressione di un pulsante - e potrebbe anche essere programmato per consegnare un numero di orgasmi a settimana o al giorno.

.

.
leggi tutto sullo zodiaco
.



NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE 

http://www.mundimago.org/carte.html


GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO


.

.
. Bookmark and Share .
loading...

BLOG DI CIPIRI: Le Origini della Festa dell'8 Marzo

Le Origini della Festa dell'8 Marzo





Le origini della festa dell'8 Marzo risalgono al lontano 1908, quando, pochi giorni prima di questa data, a New York, le operaie dell'industria tessile Cotton scioperarono per protestare contro le terribili condizioni in cui erano costrette a lavorare. Lo sciopero si protrasse per alcuni giorni, finché l'8 marzo il proprietario Mr. Johnson, bloccò tutte le porte della fabbrica...
leggi tutto ...

BLOG DI CIPIRI: Le Origini della Festa dell'8 Marzo: Le origini della festa dell'8 Marzo risalgono al lontano 1908, quando, pochi giorni prima di questa data, a New York, le operai...

 .

.


leggi tutto sullo zodiaco
leggi anche 
NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA CON  LE TUE CARTE 

http://www.mundimago.org/carte.html


GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO

.


.

loading...

sabato 1 marzo 2014

Donna in un Bagno Pubblico



Donna in un Bagno Pubblico
storia reale 
da leggere tutta d'un fiato

Il grande segreto di tutte le donne rispetto ai bagni è che da bambina tua mamma ti portava in bagno, puliva la tavolozza, ne ricopriva il perimetro con la carta igienica e poi ti spiegava: ‘MAI, MAI appoggiarsi sul gabinetto!’, e poi ti mostrava ‘la posizione’, che consiste nel bilanciarsi sulla tazza facendo come per sedersi, ma senza che il corpo venisse a contatto con la tavoletta. ‘La posizione’ è una delle prime lezioni di vita di quando sei ancora una bambina, importantissima e necessaria, dovrà accompagnarti per il resto della vita. Ma ancora oggi, ora che sei diventata adulta, ‘la posizione’ è terribilmente difficile da mantenere quando hai la vescica che sta per esplodere. Quando ‘devi andare’ in un bagno pubblico, ti ritrovi con una coda di donne che ti fa pensare che dentro ci sia Brad Pitt. Allora ti metti buona ad aspettare, sorridendo amabilmente alle altre che aspettano anche loro con le gambe e le braccia incrociate (è la posizione ufficiale da ‘me la sto facendo addosso’). Finalmente tocca a te, ma arriva sempre la mamma con la figlioletta piccola ‘che non può più trattenersi’, e ne approfittano per passarti davanti tutte e due! A quel punto controlli sotto le porte per vedere se ci sono gambe. Sono tutti occupati. Finalmente se ne apre uno e ti butti addosso alla persona che esce. Entri e ti accorgi che non c’è la chiave (non c’è mai!); pensi: ‘Non importa…’. Appendi la borsa a un gancio sulla porta e, se il gancio non c’è (non c’è mai!), ispezioni la zona: il pavimento è pieno di liquidi non ben definiti e non osi poggiarla lì, per cui te la appendi al collo ed è pesantissima, piena com’è di cose che ci hai messo dentro, la maggior parte delle quali non usi ma le tieni perché ‘Non si sa mai’. Tornando alla porta, dato che non c’è la chiave devi tenerla con una mano, mentre con l’altra ti abbassi i pantaloni e assumi ‘la posizione’… Aaaaahhhhhh… finalmente… A questo punto cominciano a tremarti le gambe perché sei sospesa in aria, con le ginocchia piegate, i pantaloni abbassati che ti bloccano la circolazione, il braccio teso che fa forza contro la porta e una borsa di 5 chili appesa al collo. Vorresti sederti, ma non hai avuto il tempo di pulire la tazza né di coprirla con la carta, dentro di te pensi che non succederebbe nulla ma la voce di tua madre ti risuona in testa: ‘Non sederti MAI su un gabinetto pubblico!’. Così rimani nella ‘posizione’, ma per un errore di calcolo un piccolo zampillo ti schizza sulle calze!!! Sei fortunata se non ti bagni le scarpe. Mantenere ‘la posizione’ richiede grande concentrazione: per allontanare dalla mente questa disgrazia, cerchi il rotolo di carta igienica maaa, cavolo, non ce n’é!!! (Mai) Allora preghi il cielo che tra quei 5 chili di cianfrusaglie che hai in borsa ci sia un misero fazzoletto, ma per cercarlo devi lasciare andare la porta: ci pensi su un attimo, ma non hai scelta. E non appena lasci la porta, qualcuno la spinge e devi frenarla con un movimento brusco, altrimenti tutti ti vedranno semiseduta in aria con i pantaloni abbassati… NO!!! Allora urli: ‘O-CCU-PA-TOOO!!!’, continuando a spingere la porta con la mano libera, e a quel punto dai per scontato che tutte quelle che aspettano fuori abbiano sentito e adesso puoi lasciare la porta senza paura, nessuno oserà aprirla di nuovo (in questo noi donne ci rispettiamo molto) e ti rimetti a cercare il kleenex, vorresti usarne un paio ma sai quanto possono tornare utili in casi come questi e ti accontenti di uno, non si sa mai. In quel preciso momento si spegne la luce automatica, ma in un cubicolo così minuscolo non sarà tanto difficile trovare l’interruttore! Riaccendi la luce con la mano del fazzoletto, perché l’altra sostiene i pantaloni, conti i secondi che ti restano per uscire di lì, sudando perché hai su il cappotto che non sapevi dove appendere e perché in questi posti fa sempre un caldo terribile. Senza contare il bernoccolo causato dal colpo di porta, il dolore al collo per la borsa, il sudore che ti scorre sulla fronte, lo schizzo sulle calze… Il ricordo di tua mamma che sarebbe piena di vergogna se ti vedesse così, perché il suo … non ha mai toccato la tavoletta di un bagno pubblico, perché davvero ‘non sai quante malattie potresti prenderti qui’. Ma la tortura non è finita… Sei esausta, quando ti metti in piedi non senti più le gambe, ti rivesti velocemente e soprattutto tiri lo sciacquone! Se non funziona preferiresti non uscire più da quel bagno, che vergogna! Finalmente vai al lavandino: è tutto pieno di acqua e non puoi appoggiare la borsa, te la appendi alla spalla, non capisci come funziona il rubinetto con i sensori automatici e tocchi tutto finché riesci finalmente a lavarti le mani in una posizione da Gobbo di Notre Dame, per non far cadere la borsa nel lavandino. L’asciugamani è così scarso che finisci per asciugarti le mani nei pantaloni, perché non vuoi sprecare un altro kleenex per questo! Esci passando accanto a tutte le altre donne che ancora aspettano con le gambe incrociate e in quei momenti non riesci a sorridere spontaneamente, cosciente del fatto che hai passato un’eternità là dentro. Sei fortunata se non esci con un pezzo di carta igienica attaccato alla scarpa, o peggio ancora con la cerniera abbassata! A me è capitato una volta , e non sono l’unica a quanto ne so! Esci e vedi il tuo uomo che è gia uscito dal bagno da un pezzo, e gli è rimasto perfino il tempo di leggere ‘Guerra e pace’ mentre ti aspettava. ‘Perché ci hai messo tanto?’, ti chiede irritato. ‘C’era molta coda’, ti limiti a rispondere. E questo è il motivo per cui noi donne andiamo in bagno in gruppo, per solidarietà, perché una ti tiene la borsa e il cappotto, l’altra ti tiene la porta e l’altra ti passa il fazzoletto da sotto la porta; così è molto più semplice e veloce, perché tu devi concentrarti solo nel mantenere ‘la posizione’ (e la dignità).
Questo scritto è dedicato alle donne di tutto il mondo che hanno usato un bagno pubblico e a voi uomini, 
perché capiate come mai ci stiamo tanto dentro.


.

..

.
leggi tutto sullo zodiaco
.



NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE 

http://www.mundimago.org/carte.html


GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO


.

.
. Bookmark and Share .
loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog Amici

E-BOOK

Sosteniamo Mundimago

Poni una Domanda e Clicca il bottone Bianco


CLICCA QUI SOTTO
.



Google+ Followers

Visualizzazioni totali