giovedì 23 giugno 2011

MILANO , Ciro e Guido si sposano



MILANO 

Ciro e Guido si sposano


MILANO - Ciro e Guido si sposano. Il giorno delle nozze è fissato per domenica 26 giugno nella chiesa valdese di Milano. La prima chiesa a officiare un matrimonio gay in Italia. Ciro e Guido si sono conosciuti sette anni fa, sono di Milano e nei mesi passati hanno fatto richiesta di poter celebrare la loro unione nella chiesa valdese. La religione protestante non prevede il sacramento del matrimonio, ma benedice l'unione della coppia, lasciando alle diverse chiese di farlo anche con le coppie dello stesso sesso. Lo scrive vanityfair.it. Il pastore Giuseppe Platone della chiesa di Milano che benedirà la coppia, spiega: "Noi prenidamo solo atto di un legame vissuto nella responsabilità e reciprocità. Se dovessimo seguire ancora la Bibbia senza tenere conto di quando è stata scritta dovremmo praticare la lapidazione dell'adultera". E' necessario sottolineare che nel mondo fatta eccezione per l'Italia e alcuni Paesi, le unioni tra persone dello stesso sesso, sono in qualche forma riconosciute quasi ovunque. Negli Stati Uniti il matrimonio gay è legale in Iowa, Connecticut, Massachusset, Vermont e New Hampshire e è notizia proprio di questi giorni dell'apertura di Obama nei confronti delle coppie omosessuali. In Africa 38 Paesi su 53 puniscono l'omosessualità, solo il Sud Africa ha legalizzto le unioni civili. La Danimarca nel 1989, primo Paese ha autorizzato le nozze civili a seguire poi anche la Norvegia, Finlandia e Islanda. In Francia dal 1999 sono in vigore i Pacs che regolano tutte le unioni civili, sia etero che omo. I Paesi Bassi con una legge nel 2001 sono stati il primi a introdurre il matrimonio gay. Anche in Germania, da dieci anni una sorta di contratto di vita comune, garantisce diritti alle coppie gay, simili a quelli delle coppie sposate. Le nozze sono in vigore in Belgio dal 2003 e dal 2005 nel Regno Unito le coppie gay godono di garanzie. In Spagna, Zapatero nel 2005 ha introdotto il matrimonio gay, consentendo anche le adozioni. Nel 2010 il Portogallo ha dato il via libera con una legge al matrimonio gay. La Svezia è invece l'unico Paese, dove le coppie omosessuali possono sposarsi anche in Chiesa.


.



Sono Web Designer, Web Master e Blogger, creo siti internet e blog personalizzati
 a prezzi modici e ben indicizzati. 
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Mi diletto alla creazione di loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.

MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/



FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .

MUNDIMAGO


.

martedì 21 giugno 2011

Pillola dei 5 giorni dopo



Siamo in attesa del via libera da parte dell'Agenzia italiana del farmaco anche se il Consiglio Superiore di Sanità: ha dato all'unanimità parere favorevole alla pillola EllaOne, già approvata dall'Autorità farmacologica europea nel marzo 2009, purché non venga usata in caso di gravidanza accertata.

La "nuova" pillola, che andrebbe assunta entro cinque giorni da un rapporto sessuale non protetto per evitare una gravidanza indesiderata, non è considerata un abortivo dal Css, ma un contraccettivo d'emergenza: già in commercio in Gran Bretagna, Francia, Germania, Spagna e Stati Uniti, e dunque molto probabilmente in arrivo anche in Italia.

L' unica condizione necessaria per l'assunzione è che prima venga effettuato il test di gravidanza per escludere qualsiasi probabilità che sia in corso una gravidanza.


Dichiarazione della senatrice radicale Donatella Poretti
Dopo il parere del Consiglio Superiore di Sanità quanto impiegherà l'Aifa per l'immissione in commercio, e quindi per trovare in farmacia EllaOne, la pillola contraccettiva che ha effetto fino a 5 giorni dopo un rapporto sessuale non protetto?
Quali altri ostacoli e trabocchetti riusciranno ad inventarsi i detrattori della contraccezione d'emergenza?
Il Css ha impiegato oltre un anno per confermare ciò che l'autorità farmacologica europea (Emea) aveva già certificato nel marzo 2009, ossia che questo farmaco è un contraccettivo e non un abortivo. L'Aifa, che aveva già consultato un ginecologo e poi il Css, ora non potrà fare altro ciò che avrebbe già dovuto fare da tempo, intervenire per quanto di sua competenza: la modalità di vendita -con obbligo di ricetta- e in caso la sua rimborsabilità.
Purtroppo questa vicenda è l'ennesima conferma che nel nostro Paese lo Stato di diritto e la certezza delle regole sono un miraggio. Quando è possibile si inventano leggi, regolamenti, inghippi burocratici, indagini parlamentari pur di rallentare aggiornamenti anche solo farmacologici, se non medici e scientifici, gli esempi vanno dall'aborto farmacologico e l'obbligo di ricovero, all'obbligo di ricetta per la pillola del giorno dopo, dalla legge 40 sulla fecondazione assistita fino alla ricerca con le staminali embrionali...
Per ritardare l'immissione in commercio della Ru486 nel rispetto della legge 194 l'Aifa impiegò 763 giorni invece dei 90 di prassi, oggi per la pillola dei 5 giorni dopo l'Aifa ha la pratica aperta dal gennaio 2010 e dopo un anno e mezzo, è ora un atto dovuto porre fine al ritardo.
Con il senatore Marco Perduca, avevamo presentato una interrogazione sulla vicenda, la cui risposta è ancor più utile oggi da avere.

.-


.

le donne preferiscono la qualità, gli uomini la quantità



le donne preferiscono la qualità, gli uomini la quantità

 Che l'estate sia spesso associata alla nascita di nuove storie e nuovi incontri è ormai noto a tutti...

La voglia di stare fuori all'aria aperta, di conoscere persone nuove, di cambiare abbigliamento modifca a un qualche livello il nostro carico energetico che ci predispone maggiormente verso l'altro (o gli altri) e soprattutto ci dona qualla "carica positiva" che rende un pò tutti più seducenti e seduttivi!

Al di là della stagione le differenze di genere si mantengono e in particolare nella sessualità di uomini e donne emerge una differenza da tenerer in considerazione. Sembrerebbe infatti che le donne preferiscano rapporti intimi di qualità a discapito della quantità: insomma il motto potrebbe essere "pochi ma buoni", a differenza degli uomini che invece sembrerebbero preferire la quantità!

Un aspetto quindi da prendere in considerazione per poter vivere al meglio l'intimità di coppia perchè se si conosce l'esistenza di questa differenza allora si potranno affrontare e gestire in modo più costruttivo evitando, magari, malesseri inutili!


-


.
-


.

venerdì 17 giugno 2011

LA RESILIENZA, La capacità reattiva delle persone alle avversità, Consigli per i momenti più difficili

 

 

 

 

LA RESILIENZA

La capacità reattiva delle persone alle avversità

Consigli per i momenti più difficili



Resilienza significa "riprendersi" dalle esperienze difficili.
Questa non è una caratteristica che le persone hanno oppure no. Riguarda comportamenti pensieri e azioni che chiunque può imparare e sviluppare.

Accrescere la resilienza è un percorso personale. Un approccio che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra. Le persone usano varie strategie, anche come riflesso di differenze culturali.
Come sviluppare resilienza:

Crea rapporti. Buone relazioni con i familiari più prossimi, con gli amici, o con gli altri, sono importanti. Accettare aiuto e sostegno da chi è interessato a voi e vi ascolta rafforza la resilienza. Alcune persone trovano che essere attivi in gruppi civici, organizzazioni religiose, o altri gruppi locali fornisca supporto sociale e che possa aiutare a recuperare speranza. Assistere gli altri nel momento del bisogno può beneficiare anche chi aiuta.

Evita di vedere le crisi come problemi insormontabili.  Non puoi cambiare il fatto che eventi altamente stressanti succedano, ma puoi cambiare come interpreti e rispondi agli stessi. Prova a guardare oltre al presente e a come le circostanze future possono essere un po’ migliori. Fai attenzione a qualsiasi esile possibilità di stare un po’ meglio quando hai a che fare con situazioni difficoltose.

Accetta il fatto che il cambiamento è parte della vita.  Certi obiettivi possono non essere più conseguibili per effetto di circostanze avverse. Accettare le situazioni che non possono essere modificate può aiutarti a focalizzarti su quelle che puoi cambiare.

Muoviti verso i tuoi obiettivi. Sviluppa obiettivi realistici. Fa’ qualcosa regolarmente, anche se sembra una realizzazione piccola, che permetta di muoverti verso i tuoi obiettivi. Invece di focalizzarti sui compiti che sembrano irrealizzabili, domanda a te stesso, " Che cosa posso compiere oggi che mi aiuti a muovermi nella direzione in cui voglio andare?".

Compi azioni decise. Nelle situazioni avverse, per quanto puoi, agisci. Compi azioni decise, piuttosto che staccarti completamente dai problemi e dalle fonti di stress e desiderare soltanto che scompaiano.

Cerca opportunità per imparare  Le persone spesso imparano qualcosa su loro stesse e osservano come, per certi aspetti, nella lotta con la perdita sono cresciute. Molte persone che hanno avuto esperienze tragiche ed avversità, hanno conseguito miglioramenti nelle relazioni, un più ampio senso di forza personale anche in momenti di vulnerabilità, un incremento di autostima, una più sviluppata spiritualità, e un maggiore apprezzamento per la vita.
Nutri una visione positiva di te stesso.  Accrescere la fiducia nella capacità di risolvere problemi e fidarsi dell’aiuto del proprio istinto sviluppa resilienza.
  
Mantieni le cose in prospettiva. Anche quando si fa fronte a eventi molto dolorosi, prova a considerare le situazioni stressanti in un più ampio contesto e mantieni una prospettiva di lungo periodo. Evita di gonfiare oltre misura gli eventi.

Mantieni una visione fiduciosa.  Una visione ottimistica ti permette di aspettarti che nella tua vita succedano buone cose. Prova a visualizzare quello che vuoi, piuttosto che preoccuparti di quello che temi.

Prenditi cura di te stesso.  Presta attenzione ai tuoi bisogni e ai tuoi sentimenti. Impegnati in attività che ti piacciono e che trovi rilassanti. Esercitati regolarmente. Prenderti cura di te stesso aiuta a mantenere la tua mente e il tuo corpo pronti per affrontare le situazioni che richiedono resilienza.

Impara dal tuo passato. Focalizzare le passate esperienze e fonti di forza personale può aiutarti a capire quali strategie potrebbero funzionare per accrescere la resilienza.

Altri modi per rafforzare la resilienza possono essere d’aiuto. Per esempio, alcune persone scrivono riguardo ai loro pensieri e sentimenti più profondi relativi al trauma o agli altri eventi stressanti della loro vita. La meditazione e le pratiche spirituali aiutano alcune persone a sviluppare un senso di connessione e a riacquistare speranza.
La chiave è individuare i modi più adatti e che funzionano meglio, nell’ambito della tua personale strategia per favorire la resilienza.


-


.

giovedì 16 giugno 2011

BLOG DI CIPIRI: E’ in atto un grave furto alle donne italiane


. BLOG DI CIPIRI: E’ in atto un grave furto alle donne italiane: "E’ in atto un grave furto alle donne italiane , FIRMA ANCHE TU! Luogo Italia http://www.pariodispare.org/index.php?option=com_conten..."

Il Governo, con l'aumento dell’età pensionabile delle donne nel pubblico impiego (come da standard europei), si era impegnato ad utilizzare i risparmi che ne derivano ...

-


.

mercoledì 8 giugno 2011

ZODIACO: la magia che vi riporterò qui servirà ad allontana...



ZODIACO: la magia che vi riporterò qui servirà ad allontana...: "la magia che vi riporterò qui servirà ad allontanare qualcuno che ci ostacola il cammino in amore  . . Questa magia sarà as..."

Questa magia sarà assai difficile da mettere in atto per il semplice fatto che non è così facile trovare la pianta Circea ovvero la famosa erba magica chiamata Mandragora


-


.
-


.

venerdì 3 giugno 2011

BLOG DI CIPIRI: Milano SI muove, 5 referendum per cambiare la citt...




Il 12 e 13 GIUGNO, insieme ai referendum nazionali a Milano si votano anche 5 REFERENDUM PER L’AMBIENTE!!! promossi dal comitato di Milano si muove, qui puoi trovare i 5 quesiti in dettaglio

BLOG DI CIPIRI: Milano SI muove, 5 referendum per cambiare la citt...: "Milano SI muove, 5 referendum per cambiare la città Posted: maggio 30th, 2011 http://www.milanosimuove.it/ Il 12 e 13 GIUGNO,..."

-


.

giovedì 2 giugno 2011

Si cercano coppie di persone separate o ex fidanzati che hanno voglia di raccontarci la loro storia ed i motivi per i quali è finita



Si cercano coppie di persone separate 
o ex fidanzati che
hanno voglia di raccontarci la loro storia
 ed i motivi per
i quali è finita

Si cercano coppie di persone separate o ex fidanzati che hanno voglia di raccontarci la loro storia ed i motivi per i quali è finita. Se siete interessati inviate un'e-mail a: coppie2011@libero.it -

.
 .
 .

-
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog Amici

E-BOOK

Sosteniamo Mundimago

Poni una Domanda e Clicca il bottone Bianco


CLICCA QUI SOTTO
.



Google+ Followers

Visualizzazioni totali