mercoledì 31 luglio 2013

Video del parto che sta facendo commuovere Facebook



Il video del parto che sta facendo commuovere Facebook (GUARDA) Su Facebook questo video ha già ricevuto moltissime condivisioni.
. .
L 'amore di una coppia, l'emozione indescrivibile del parto, la paura di non farcela, la gioia del vedere per la prima volta il viso del proprio bambino. Questo video non ha bisogno di altre parole, deve solo esser guardato, dall'inizio, alla fine.


 Ecco la Pagina dei PIANETI 

del Nostro Sistema Solare 




.


. Bookmark and Share .

.

.


IMAGO 

Termine introdotto da C.G. Jung (1875-1961), con riferimento a un’Imago ‘materna’, ‘paterna’, ‘fraterna’ e divenuto di uso comune in psicanalisi. Caratterizzata come ‘rappresentazione o immagine inconscia’, l’Imago è piuttosto uno schema immaginario, un prototipo inconscio che orienta in maniera specifica il modo in cui il soggetto percepisce l’altro, ne orienta cioè le proiezioni. Formatasi sulla base delle prime relazioni del bambino con l’ambiente familiare, l’Imago non va peraltro considerata come correlato di figure reali, ma presenta carattere fantasmatico; così a un’Imago genitoriale minacciosa e terribile possono corrispondere genitori reali estremamente miti...leggi tutto -

 Pagina delle IMAGO 

 http://mundimago.org/imago.html





Le 12 costellazioni dello Zodiaco, che si trovano lungo l'eclittica, 
e vengono quindi percorse dal Sole nel suo moto apparente sulla volta celeste durante l'anno ...QUI - http://www.mundimago.org/costellazioni.html



.

LEGGI TUTTO SULLE STAGIONI
METEOROLOGICHE
ED 
ASTRONOMICHE

.

SITO INTERNET
CHE SI PROPONE DI 
ESPANDERE
IL 
LAVORO CREATIVO


.





LE
IMAGO
DICONO
LA 
VERITA'







.
GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO




. Bookmark and Share .

venerdì 26 luglio 2013

Avere un figlio a 40 anni: in Italia


Avere un figlio a 40 anni: in Italia si tratta di una realtà concreta e anche per certi versi eccezionale.

Il nostro paese detiene infatti il record europeo di mamme over 40. Un figlio su cinque è frutto cioè di una maternità tardiva, scelta che, per motivi economici e sociali ma anche psicologici, è intrapresa sempre più in Occidente. I quarant'anni sono uno spartiacque nella vita di una donna, il momento in cui inizia la seconda metà della vita. E per quanto si cerchi di sentirsi sempre giovani, la psiche inizia una fase di passaggio verso una più ampia maturità, che comprende un cambiamento nella visione della vita, nel modo di vivere il tempo e le relazioni. L'arrivo del primo figlio può fare sentire di più quanto peculiare e delicata sia questa fase dell'esistenza.

Innanzitutto va distinto il caso di prima gravidanza da quello delle donne che hanno già figli: nella prima ipotesi, infatti, i rischi per il feto e per la gestante possono aumentare e restare incinta può essere naturalmente più difficile. Tra le complicazioni maggiori emerge in primis il notevole calo della fertilità: dal punto di vista biologico è nettamente più facile restare incinte entro i 25 anni. Inoltre, il rischio di aborto spontaneo per una donna sana over 40 è approssimativamente il doppio di quello delle gestanti più giovani.

Con l’avanzare dell’età della futura mamma, inoltre, va tenuto presente che sono maggiori le possibilità di anomalie cromosomiche come la Sindrome di Down: la percentuale per le donne che partoriscono dopo i 45 anni è di un bambino su 35. Aumentano, infine, le possibilità di parto prematuro, con tutte le complicanze che ne conseguono.

Donarsi al figlio è meraviglioso, ma a quarant’anni è più difficile perché la donna sente esigenze diverse legate a due eventi naturali: la maternità e l’inizio della maturità individuale. E non è facile farli convivere: bisogna essere consapevoli, ma anche avere il giusto aiuto dal partner, dai familiari e dalla rete sociale.

QUALI SONO I PRO E I CONTRO DI QUESTA SCELTA?

Sicuramente ci sono pro e contro a livello psicologico nel vivere la maternità superati i quarant’anni.

Pro

Generalmente un figlio nato dopo i 40 è frutto di una decisione ponderata e consapevole. Una donna matura può offrire stabilità non solo economica, ma anche emotiva. Ovviamente ogni caso è a sé, ma questa tranquillità e questa maturità hanno senza dubbio un effetto positivo sia nella gravidanza sia nella crescita del futuro figlio.

Se ci si prepara e organizza per tempo, con i giusti aiuti, diventare mamme a 40 anni può essere non solo un'esperienza bellissima, ma anche un trampolino per rinnovarsi in vista della seconda fase della vita.

Contro

I 40 anni sono il tempo della maturità piena: la psiche è ormai strutturata in modo solido. Un cambiamento così radicale nelle abitudini, se intrapreso "per dovere", può essere vissuto come una sottrazione, invece che come un arricchimento. Sono i casi in cui la donna cerca il figlio non perché lo sente veramente, ma perché l'orologio biologico si avvicina alla menopausa. In realtà dentro di lei c'è ancora la figlia che si sente in colpa se non soddisfa il desiderio dei propri genitori di realizzare questo passaggio obbligato nella propria vita; c'è la donna che si è dedicata alla carriera e ora sente di dover acquisire anche il ruolo di madre; c'è la donna che, dopo una vita difficile, vuole ora riappropriarsi di sé e trovare una stabilità.

Cosa deve fare la neomamma per vivere senza rischi questo bellissimo momento?

Ecco sei consigli utili:

Non fare troppi confronti con le neomamme più giovani.
 Non farsi condizionare dai dubbi e dalle paure degli altri.
 Non farsi influenzare dallo sguardo carico di aspettative di genitori e familiari.
 Fare più attenzione alla salute fisica.
 Coltivare la propria rete di amicizie: è un'importante valvola di sfogo e fonte di supporto.

Tenere viva la sessualità e il legame di coppia: essere mamma non significa smettere di essere donna.

Scritto da Dott.ssa Alessandra Cornale
.
.

.

domenica 14 luglio 2013

BLOG DI CIPIRI: Egitto : una rivoluzione contro le violenze sessua...

Egitto 

 una rivoluzione 

contro le violenze sessuali



"I nuovi casi di abusi contro le manifestanti in piazza Tahrir ...
leggi tutto qui ...
BLOG DI CIPIRI: Egitto : una rivoluzione contro le violenze sessua...: "I nuovi casi di abusi contro le manifestanti in piazza Tahrir mi ricordano la mia drammatica esperienza nel 2011", racconta M...


ACCESSORIO ANTI STUPRO


ACCESSORIO ANTI STUPRO 

 Si chiama Rapex, creato dalla dottoressa SONETTE EHLERS, 
è un tampone che la donna inserisce nella sua vagina, ma ha degli spilli... 
leggi tutto  http://cipiri8.blogspot.it/2013/07/accessorio-anti-stupro.html

.
.
.

martedì 9 luglio 2013

ACCESSORIO ANTI STUPRO


ACCESSORIO ANTI STUPRO 

 Si chiama Rapex, creato dalla dottoressa SONETTE EHLERS, 
è un tampone che la donna inserisce nella sua vagina, ma ha degli spilli !!!
 Sì, sono come denti, è un tampone anti stupro, 
per cui il mal intenzionato dovrà andare subito all'ospedale
 a levarsi il morso di decine di spilli...

.
.

.

SPERMATOZOI NEL LIQUIDO LUBRIFICANTE ?



CI SONO SPERMATOZOI NEL LIQUIDO LUBRIFICANTE?

Il liquido lubrificante che esce dal pene nella fase di eccitazione generalmente è prodotto
 dalle ghiandole bulbouretrali o Ghiandole di Cowper. 
Sono piccole ghiandole endocrine, da 3 a 5 mm di diametro, 
situate alla radice del pene all'altezza dell'uretra membranosa. 
La funzione delle ghiandole è la produzione di un secreto denso e viscoso, trasparente
 il liquido di Cowper 
(chiamato anche liquido pre-eiaculatorio o liquido preorgasmico)
 che durante la fase di eccitazione sessuale maschile, 
emerge come piccole quantità di fluido che procede dall'uretra alla cima del pene. 
Questo liquido non contiene spermatozoi e quindi 
non è rischioso per una gravidanza non desiderata.

Dott. Gabriele Antonini Urologo Andrologo Policlinico Umberto I° Roma .


.

.

danza del ventre


danza del ventre
o
BALLO DI PASQUA

La parola pasqua in inglese si dice Easter che è la traslitterazione
 di ISHTAR la dea dell'amore e della guerra.

 Il Mito narra che Ishtar, Dea Madre nell'antica Mesopotamia, perse tragicamente suo marito, Tamouz. Decise così di ricercarlo nell'Ade, il Mondo delle Ombre.
 Il percorso era ostile e tortuoso, e presentava un susseguirsi di sette cancelli
 ai quali appariva di volta in volta un demone guardiano. 
Per poter proseguire il viaggio, ad ogni cancello Ishtar era costretta a lasciare uno dei sette veli
 (donde nasce la danza del ventre, degli anelli e lo spogliarellismo, una danza per ingannare la morte di una passione infernale) veli che teneva appesi sui fianchi (simboli della sua gloria). 
Dopo aver ceduto l'ultimo velo, Isthar poté finalmente riabbracciare il suo amato Tamouz ed ottenne dalla sorella Ereshkigal, Signora degli Inferi, il consenso di poterlo riportare per sei mesi l'anno sulla terra. 

Percepiamo in questa storia l'antico Mito del Ciclo Vitale o del Susseguirsi delle Stagioni sulla Terra, 
dove il viaggio di Ishtar simboleggiava l'inverno, mentre il ritorno dall'oltretomba con il marito, la primavera.

Questi due eventi venivano celebrati dai popoli dell'antichità.
 Nel primo caso veniva organizzato un vero e proprio funerale, al quale seguiva un periodo di digiuno;
 nel secondo, invece, si organizzavano feste e banchetti.
 Per gli ebrei la parola pasqua significa "passaggio" del mar rosso quindi dalla schiavitù alla libertà,
 dalla morte alla vita.

.
.

.

LE BAMBOLE E IL MASCHILISMO



IL MASCHILISMO E' STATO CREATO DALL'UOMO 
MA FOMENTATO CURATO E PRESERVATO DALLE MAMME .

 Le donne ben sanno cosa significano le bambole.... da piccole per loro le bambole erano figlioli da curare ed amare, il maschilismo si vede anche nei giochi dei bambini.... ai bambini danno macchinine pistole computer... alle femmine danno piatti ferri da stiro e bambole... quindi all'uomo già da piccolo gli si dice che il suo amore è il mondo la conquista gli affari, alle donne invece hanno detto che il loro mondo è l'amore, la casa, la maternità.... (e poi ci lamentiamo che il mondo è maschilista quando sono le mamme a fomentarlo!).



LE DONNE BAMBOLE... GIOCATOLI MASCHILI Per gli uomini le bambole servono soltanto per giocare, ecco perchè spesso quando da grandi trovano una donna bella, cioè una bambola, cosa ci fanno? giocano!!!!.... e se possibile di nascosto, un rapporto usa e getta, sanno che la bambola è ingombrante, capricciosa, da non prendere sul serio.


IL MITO FEMMINISTA DELLA BARBIE Il grande mito della Barbie (questa famosa bambola americana) è il fatto che è stata ideata per promuovere la figura femminista: la si veste di infermiera, astronauta, un bikini, da manager .... niente legami e niente mutande! Forse per noi oggi questo non è più comprensibile, ma per l'epoca in cui è nata la Barbie (marzo 1959), Barbie non era una casalinga e neppure la moglie di nessuno. Il suo fidanzatino Ken è stato creato per soddisfare il commercio. Barbie non invecchia, col tempo Ken va in pensione e lei si trova uno più giovane e bello. Con questo modello di femminilità sono cresciute le donne americane e poi anche col tempo la donna europea e oggi quella asiatica. Da un estremo siamo passati all'altro (se l'uomo effeminato fa pietà la donna maschilista fa paura). L'uomo moderno deve vendicarsi delle bambole, per questo continua a spogliarle offrendole le platee ma poi la svaluta e la sputtana con il suo maschilista disprezzo!!!


I GIOCATOLI SONO PER IL BIMBO PROIEZIONE DELLA REALTÀ FUTURA Non sottovalutate mai i giocatoli con cui siete cresciuti, sicuramente vi hanno plasmato molto la maniera di concepire il mondo reale.

LA PREISTORIA DELLA BAMBOLA ERA SACRA Seguendo i reperti archeologici vediamo che le bambole hanno accompagnato l'evoluzione dell'essere umano. Assumendo diversi significati è passata attraverso culti funerari, rituali legati alla prosperità, alla fecondità e alla stilizzazione simboleggiante di divinità e di forze della natura. Se l'uomo è stato creato da Dio, è un impulso interiore dell'uomo cercare di fare come Dio: creare statue che lo assomiglino, plasmarsi e sentirsi nelle proprie mani.


BAMBOLE ASESSUATE CHE DEFORMANO L'EDUCAZIONE SESSUALE Le bambole in commercio hanno comunque una malformazione sessuale che incrementa l'inquietudine nei bambini: le bambole sono asessuati, non hanno organi sessuali, persino la famosa Barbie è priva di capezzoli, quando ero bambino e si giocava alle bambole ovvio i rapporti sessuali erano comunque simulati perché ai bambini non sfugge questo particolare nel gioco quando ne vengono a conoscenza.


LO SAPEVATE CHE Il primo nella storia a commissionare una bambola gonfiabile fu Adolf Hitler per permettere ai propri soldati di soddisfare le loro esigenze sessuali senza compromettere la purezza della razza ariana e sarebbe stata inclusa nel kit di sopravvivenza di ogni soldato. Una bomba distrusse la fabbrica prima della produzione, correva l'anno 1941.


BAMBOLE GONFIABILI PER MENTI PIENE D'ARIA Per alcuni la loro scoperta sessuale non arriva mai alla realtà e rimangono dei Peter Pan anche nel gioco del sesso fino a provare piacere facendo sesso con una bambola di plastica, silicone o vinile... Ci sono oggi sul mercato delle bambole che assomigliano al soggetto reale in una maniera impressionante. Il fenomeno è guardato con curiosità da sociologi, sessuologi e giornalisti, anche perché giungono notizie da tutto il mondo di consumatori così soddisfatti da vivere con una bambola come se fosse una donna reale.


LE BAMBOLE HIGH TECH Le bambole hi-tech ( il cui prezzo può raggiungere i 10.000 euro) sono create con una perfezione che assomiglia il più a quella umana: al tatto sembrano pelle, la temperatura è uguale a quella del corpo umano, persino le parti intime sono datate di vibratori per cui si muovono. Puoi scegliere odore della pelle, colore degli occhi, sudorazione, misura del seno, vagina pelosa o rasata, bocca carnosa e labbra sottili e persino quelle che emettono sensuali sospiri ansimanti (fino al finto orgasmo), insomma una donna a misura della tua fantasia: La loro elasticità permette di queste bambole di assumere qualunque posizione a voi gradita. Ovvio dopo che avrai fatto tutto il Kamasutra una ritoccatica (simile a quella chirurgica) ci vorrà. Tra gli accessori (un completo gadget di prodotti per la pulizia) ci sono scarpe, collane, vestiti (quindi se pensavate che la bambolina non chiedesse spese vi siete sbagliati). Alcune persone giungono a dare una pseudo vita reale alla loro bambola da parlare con lei, confidarle i loro problemi e portarla in vacanze. Alcune parlano ma gli uomini non amano questa funzione dalle bambole.

Leggi il Tuo Kamasutra nel 2016 

.
.

PAURA DI AMARE


PAURA DI AMARE

Il sesso è uno dei migliori modi di conoscere se stessi in profondità quando lo si fa in maniera libera (ma ahimè dove sono le persone libere?), quindi senza pretese da nessuna delle due parti, il che equivale a dire senza LEGAMI, ma questo non lo si concepisce oggi in maniera SANA. Ciò che rovina il sesso naturale è la paura che abbiamo dei legami (non per la responsabilità, ani quella la si ama quando la si fa con piacere, ma per l'annullamento della propria vita), perchè nel sesso il legame è immediato quindi più forte dell'amore (Il legame nell'amore richiede tempo, quindi anni di convivenza, il sesso no, basta una serata). l'amore è altruista per natura, mentre il sesso ha una dose di puro e SANO EGOISMO per natura. Ma a noi non hanno insegnato a condividere apertamente l'egoismo, cioè incontrarsi senza pretese, scambiarsi i propri bisogni senza false promesse: tu godi di me e io godo di te apertamente, trasparentemente, ALTRUISTAMENTE; questo è un sano e VERO egoismo che pochi conoscono (vero nel senso buono dell aparole), uno scambio sano in cui ci si conosce senza possedersi. In amore avviene lo stesso ma la possessione in amore tende dopo a distruggerci (almeno come la società ha impostato l'amore, quindi sto parlando di un amore corrotto da ideologie religiose non molto chiare), perchè in amore non si riesce a mantenere la propria identità sessuale libera: quando si entra nel corpo di un altro avviene comunque una specie di FUSIONE, di possessione, di conquista, di INTROMISSIONE che noi nel nome dell'amore permettiamo ma alla lunga corrode, perchè il punto di arrivo dell'amore è stato impostato falsamente come la rinuncia di se stesse quindi l'annullamento, qui giace la radice naturale della paura. A me l'annullamento fa paura, è una morte inutile che spesso colui o colei che tu ami non se ne accorge, anzi è felice non di te ma di quell'amore che tu dai e con il quale ti sacrifichi. Si finisce per amare non l'altro ma l'amore astratto dell'altro per noi. Come dice un malsano e orribile detto: "Ti amo non per quello che tu sei, ma per quello che io sono quando sto con te!"
il problema non è distaccare il sesso dall'amore (è la cosa più bella che esista: unirsi alla persona che ami), ma far sì che convivano senza che l'uno soffochi distrugga emargini annulli o sottometta l'altro ... per far ciò ci vuole una grande consapevolezza e libertà da tutte e due le parti... parlate con coppie assodate e raffinate e distillate e passate al crogiolo degli anni di convivenza e tutte confermano lo stesso: il sesso chiede sempre maggior libertà e se l'amore non gliela concede, il sesso manda al manicomio l'amore.
.
.

.

FUNERALI ALLEGRI ED EROTICI IN THAILANDIA


FUNERALI ALLEGRI ED EROTICI IN THAILANDIA

Per noi occidentali , cultura di morte, il funerale è pianto e tristezza, in oriente invece si cerca di comprendere la morte come un passaggio ad una vita nuova, per cui alcune tradizioni come in Thailandia, celebrano il funerale con feste, musiche, cibo e persino danze erotiche fino allo spogliarello, tradizioni da centinaia di anni... quindi un vero incontro scontro e contrasto tra eros e Tanatos, proprio come diceva Freud: gli impulsi morte e vita non sono altro che due facce della stressa moneta .
.
.

.

UNA PROPOSTA INDECENTE


LETTERA IN PAPIRO ANTICO

 UNA PROPOSTA INDECENTE

Sono i papiri egiziani del Oxyrhynchus, in questa lettera dice:
 " Dichiariamo noi Apión e Epimas ad Epafrodito, l'amatissimo, se ci permetti sodomizzarti anche tu te la godrai molto, e non ti sculacceremo se ce lo concedi.
 Stateci bene, stateci bene"... e poi accanto aggiunse il disegno di un pene ed un sedere!!!. 

Questi papiri sono scritti in greco
e datano l'epoca della fondazione di Alessandria nell'era di Alessandro Magno

.
.

.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog Amici

E-BOOK

Sosteniamo Mundimago

Poni una Domanda e Clicca il bottone Bianco


CLICCA QUI SOTTO
.



Google+ Followers

Visualizzazioni totali