domenica 27 dicembre 2009

Prima di sposarsi.........




Prima di sposarsi:
Lei: Ciao!
Lui: Finalmente! Da quanto tempo aspettavo questomomento!
Lei: Vuoi che vada via?
Lui: NO! Come ti viene in mente? Solo a pensarci,rabbrividisco!
Lei: Mi ami?
Lui: Certamente! A tutte le ore del giorno e della notte!
Lei: Mi hai mai tradito?
Lui: NO! MAI! perché me lo chiedi?
Lei: Vuoi baciarmi?
Lui: Sì, ogni volta che ne ho l’occasione!
Lei: Saresti mai capace di picchiarmi?
Lui: Sei impazzita? Lo sai come sono io!
Lei: Posso fidarmi di te?
Lui: Sì!
Lei: Tesoro

… Dopo sette anni di matrimonio:
Basta leggere il testo dal basso in alto.

.



Sono Web Designer, Web Master e Blogger, creo siti internet e blog personalizzati
 a prezzi modici e ben indicizzati. 
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Mi diletto alla creazione di loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.

MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/



FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .

MUNDIMAGO


.

domenica 20 dicembre 2009

L'amore non è già fatto.Si fa.....


Non e' un vestito gia' confezionato,
ma stoffa da tagliare, cucire.
Non e' un appartamento 'chiavi in mano',
ma una casa da concepire, costriure,
conservare e spesso riparare.
Non e' vetta conquistata, ma partenza dalla valle,
scalate appassionanti,
cadute dolorose nel freddo della notte
o nel calore del sole che scoppia.
Non e' solido ancoraggio nel porto della felicita'
ma e' un levar l'ancora, e' un viaggio in pieno Mare,
sotto la brezza o la tempesta.
Non e' un 'si' trionfale,
enorme punto fermo che si segna fra le musiche,
i sorrisi e gli applausi, ma e' una moltitudine di 'si'
che punteggiano la Vita,
fra una moltitudine di 'no'
che si cancellano strada facendo.
Non e' l'apparizione improvvisa di una nuova Vita,
perfetta fin dalla nascita,
ma sgorgare di sorgente
e lungo tragitto di fiume dai molteplici meandri,
qualche volta in secca, altre volte traboccante,
ma sempre in cammino verso il Mare infinito.

Non e' un vestito gia' confezionato,
ma stoffa da tagliare, cucire.
Non e' un appartamento 'chiavi in mano',
ma una casa da concepire, costriure,
conservare e spesso riparare.
Non e' vetta conquistata, ma partenza dalla valle,
scalate appassionanti,
cadute dolorose nel freddo della notte
o nel calore del sole che scoppia.
Non e' solido ancoraggio nel porto della felicita'
ma e' un levar l'ancora, e' un viaggio in pieno Mare,
sotto la brezza o la tempesta.
Non e' un 'si' trionfale,
enorme punto fermo che si segna fra le musiche,
i sorrisi e gli applausi, ma e' una moltitudine di 'si'
che punteggiano la Vita,
fra una moltitudine di 'no'
che si cancellano strada facendo.
Non e' l'apparizione improvvisa di una nuova Vita,
perfetta fin dalla nascita,
ma sgorgare di sorgente
e lungo tragitto di fiume dai molteplici meandri,
qualche volta in secca, altre volte traboccante,
ma sempre in cammino verso il Mare infinito.


-


.

mercoledì 16 dicembre 2009

Tornare ad amare dopo una delusione



In seguito ad una grande delusione d’amore, quando si è ormai persa la speranza di trovare l’anima gemella, ecco un nuovo colpo di fulmine. Dopo anni di singletudine, sentire il cuore che batte ancora forte per un’altra persona fa piacere, ma spaventa; tuttavia bisogna avere il coraggio di rischiare!




Difficile lasciarsi andare

Dopo un lungo periodo trascorso da soli, quando l’amore arriva all’improvviso, spesso rompe ogni equilibrio. È assolutamente naturale avere difficoltà a lasciarsi trasportare da un sentimento così forte, soprattutto quando non si è più abituati. I timori che possono frenare sono la conseguenza di fattori diversi ma, nella maggior parte dei casi, c’è un elemento comune: un meccanismo inconscio di difesa che spinge ad avere paura dell’amore, per difendersi dalla sofferenza. Molto spesso la solitudine è arrivata dopo una relazione burrascosa o un rapporto finito male; per questo si ha la paura di lasciarsi andare: per non rischiare si essere delusi un’altra volta.



La voglia di indipendenza

Un freno ad una nuova storia può anche derivare dalla paura di rovinare il proprio equilibrio da single e di essere costretti a rinunciare alla ritrovata libertà e all’indipendenza. Quando non si hanno legami, ogni azione, gesto o decisione dipende solo dalla propria volontà, senza costrizioni o limitazioni, mentre in coppia le cose tendono a cambiare, perché è inevitabile dover rendere conto al compagno. Amare significa anche trovare compromessi con l’altro, gettare la maschera e rivelarsi per come si è, con difetti e debolezze, andando incontro alle esigenze del partner e rinunciando, a volte, alle proprie. Chi non è più abituato a questi meccanismi, dunque potrebbe avere difficoltà ad accettarli nuovamente.



Vincere le resistenze

Superati gli scogli iniziali, fatti di tentennamenti e timori, lasciarsi andare nuovamente all’ebbrezza di un sentimento, alle emozioni del corteggiamento e della passione, è un toccasana da molti punti di vista. Quella che inizialmente può essere una bufera emotiva finisce per diventare linfa vitale, energia nuova e stimolo per riaffacciarsi alla vita con maggior sicurezza. Credere nell’amore è un ingrediente prezioso per il benessere di una persona e per il suo equilibrio psicologico.



Buttarsi

Ecco alcuni consigli per riconoscere i propri timori e trovare il coraggio di superarli.

1.Capire i propri dubbi: riflettere su cosa impedisce di aprirsi all’amore, anche con l’aiuto di un esperto, ma non aggirare l’ostacolo, rifiutando l’innamoramento a priori perché è un atteggiamento che rimanda il problema e non lo risolve.

2.Provare: dopo l’analisi delle paure provare a lasciarsi andare nella storia, vivendola appieno e godendo di tutto ciò che offre.

3.Non fare confronti: paragonare le vecchie storie con quella nuova è un errore.

4.Essere se stessi: gettare la maschera fin dall’inizio e parlare liberamente dei propri timori.

5.Superare i propri limiti: se si è troppo razionali bisognerebbe provare a lasciarsi andare all’istinto. E poi è fondamentale coinvolgere il partner nei propri interessi.



La philofobia

Il timore di innamorarsi, o philofobia, può essere un blocco psicologico vero e proprio. Nei casi più seri questa paura si manifesta con gli stessi sintomi dell’attacco d’ansia: difficoltà respiratorie, sudorazione, nausea, tachicardia e insonnia. Vivere questa condizione significa essere colti dall’ansia anche solo all’idea di avvicinarsi a un partner, di provare affetto ed essere ricambiati.


-


.

mercoledì 9 dicembre 2009

Ragioni per cui gli uomini lasciano le donne



Succede che a un certo punto l’uomo con cui condividevamo desideri e progetti, decide di lasciarci, e che le motivazioni che ci racconta non ci convincono. Capita così che ci ritroviamo davanti ad un caffè, sole o con le amiche ad analizzare senza tregua cosa è andato storto. Ecco perché può essere importante conoscere la verità, per ricominciare a muoversi e guardarsi intorno.


La mancanza di un’intesa

La prima cosa che viene in mente quando un uomo ci lascia è che abbia un’altra, forse più giovane e più bella di noi. Ma non sempre è così, perché l’uomo non si muove solo per interessi sessuali, e se decide di lasciare la compagna è perché probabilmente all’interno della coppia gli manca qualcosa di fondamentale, che va oltre l’aspetto sessuale.
I maschi non cambiano partner perché hanno preso una sbandata, ma al contrario, un nuovo amore o un flirt sono il pretesto per chiudere qualcosa che non funzionava giù prima e che fa sentire uomini a metà.


Il richiamo del passato

Ci sono uomini totalmente incapaci di staccarsi dall’idea che si sono creati intorno alla figura della ex compagna, continuando ad idealizzarla perché così facendo rivedono se stessi in un momento felice della loro vita. Ma per queste persone sarà difficile impegnarsi davvero in un rapporto nuovo, perché inconsciamente hanno già deciso dentro di loro che non troveranno mai una donna come la ex e piuttosto che rischiare nel presente vivono in un continuo confronto con il passato.


Il desiderio di avventura

Le donne sono sicuramente più brave a finire una storia, ma quando sono gli uomini a farlo, restano davvero pochi margini per tornare indietro. Questo accade perché sentono che viene a mancare la sfida, e l’uomo una volta raggiunti degli obiettivi, ha nuovamente il desiderio di mettersi in gioco. Sono molti quelli che pensano che la vita di coppia li rende più stanchi, meno ricettivi, mentre fuori c’è un modo pieno di vita e avventura. Sono i single di reflusso, uomini che hanno voglia di ricominciare da se stessi e che vedono la compagna come un freno alle loro ambizioni, e la donna di fronte a questo maschio ha davvero poche possibilità.



Quando lei è troppo sexy

C’è una categoria di donne iper-seduttive non solo con il compagno ma anche al di fuori della coppia; hanno bisogno di conferme e spesso riferiscono al compagno i complimenti di cui sono oggetto. Ma agli uomini questo gioco piace poco perché li fa sentire insicuri e così spesso preferiscono mollare.


Quando i doveri sono a senso unico

L’amore non è solo farfalle nello stomaco e quando una relazione si fa seria dovrebbe diventare anche un reciproco scambio di attenzioni; ma spesso capita che i bisogni dell’uomo vengano completamente trascurati perché ci sono donne che partono da un pregiudizio verso se stesse considerandosi deboli e bisognose di cure continue, e concentrate solo sulle proprie necessità non prendono in considerazione i bisogni del partner, che inevitabilmente andrà a cercarsele da un’altra parte.

Non si sentono all’altezza

Con l’epoca moderna le donne si sono sentite più libere di accedere a ruoli professionali prestigiosi, ma non sempre tutto ciò si rivela un vantaggio per la coppia. Gli uomini che hanno partner in gamba, intelligenti e in carriera sentono di non essere all’altezza delle aspettative, anche perché spesso sono proprio le donne a far percepire ai compagni questa differenza, insinuando che forse si meriterebbero uomini di maggior prestigio. Alla lunga l’uomo si stuferà.

LEGGI ANCHE

COME SARA' LA TUA VITA SESSUALE NEL 2016





Sono Web Designer, Web Master e Blogger, creo siti internet e blog personalizzati
 a prezzi modici e ben indicizzati. 
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Mi diletto alla creazione di loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.

MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/



FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .

MUNDIMAGO


.

lunedì 7 dicembre 2009

Come si bacia...........




Come si bacia? Per i più inesperti, o per chi magari si vuole rinfrescare un po' la memoria, mettiamo in questa pagina qualche consiglio e delucidazione sull'Arte di Baciare...

CONSIGLI UTILI
1 Denti puliti e alito fresco: prima regola di un buon baciatore è mantenere i denti perfettamente puliti e avere un alito fresco. Poi partire con molta calma, sporgere gradualmente le labbra e dare tempo alla partner di rispondere, senza assalirla come per volerla mangiare. Occorre poi liberare la mente da ogni pensiero, ricordando che una delle migliori tecniche consiste nell'attorcigliare le labbra e stuzzicare di tanto in tanto il collo e i lobi degli orecchi.
2 Respirare dal naso: il bacio profondo alla francese va gustato e, per poterlo fare a lungo, bisogna abituarsi a respirare dal naso. Se si vuole smettere, non staccare d'improvviso o, peggio, non fingere una crisi di soffocamento asciugando la bocca coni dorso della mano, ma chiudere lentamente le labbra come per fare una pausa.
3 Pausa di riflessione: prima di allontanarsi del tutto, aspettare di vedere se il partner vuole ricominciare oppure no. Se invece si è proprio stufi ci si può scostare gentilmente, ma anche in maniera brusca: quest'ultimo metodo può sembrare sconcertante ma è possibile trasformarlo nell'inizio di uno stuzzicante tira e molla.

COME BACIARE
Per prima cosa non avventatevi sulla bocca come se fosse un bignè. Comiciate a baciare leggermente le zone del viso in prossimità delle labbra.... Mordicchiare può essere un variante che rompe la monotonia, ma ricordate che non sono due bistecche al sangue.
Accarezzate con le vostre labbra quelle del partner, e sfiorate il viso delicatamente, non affrettate le cose. Bisogna attendere che labbra si dischiudano, non forzate gli eventi e fate delle pause. E' il modo migliore per apprezzare davvero un bacio, soprattutto se si tratta del primo.
Una volta per tutte: non esiste il bacio standard, è un gioco tra i due, un rincorrersi, fuggire, abbracciarsi... Non deve mai essere una prova di forza. Non pensate solo a voi stessi, anzi cercate di scoprire cosa piace di più all'altro...
Non pensate a quello che potrebbe succedere dopo. Concentratevi solo sulla delizia di quel bacio, sulle vostre labbra. E' bene isolarsi mentalmente da ciò che avete intorno. In quell'istante dovrebbe esistere niente altro che voi e l'altra persona.
Baciare con gli occhi chiusi o aperti? Chiusi senza dubbio! E' il modo migliore per apprezzare il bacio e "vedere" le sensazioni ed i colori che fa provare!
Il bacio alla francese: è un bacio con la bocca aperta, e generalmente prevede il contatto tra le lingue. Il più intimo.

I VARI TIPI DI BACIO:
Il bacio eschimese: un bacio affettuoso che si i pratica strofinando le punte dei nasi dei due partner.
Il succhiotto: un bacio talmente profondo che lascia un marchio sulla pelle. Lo si effettua appoggiando le labbra sulla pelle e succhiando profondamente (attenzione, può essere doloroso!).
Il bacio della farfalla: molti medici sostengono che sia piuttosto pericoloso: si pratica con gli occhi, "spazzolando" le ciglia del partner. L'effetto è una sensazione di solletico, come quella che si prova quando una farfalla sbatte le sue ali sulla pelle.
Il bacio a distanza: uno dei partner si bacia la mano, poi la distende e vi soffia sopra in direzione dell'altro, "spedendo" il bacio. Il secondo lo "acchiappa" e se lo mette in tasca. Platonico.
L'accarezzante: mentre le vostre labbra sfiorano il collo e le labbra del partner, le vostre dita accarezzano delicatamente il corpo, senza tirar fuori gli artigli però...
Ad occhi aperti: per chi non si lascia mai cogliere di sorpresa. magari non andrà mai incontro a delusioni ma forse non conoscerà mai la vera passione.
Democratico e affettuoso: di chi non fa discriminazioni. Tutti ricevono da lui/lei un bacio sulla guancia: zii, bambini, amici, amanti, ex amanti, ecc.. Amate sentirvi vicino agli altri in modo democratico e disarmante. Peccato che non sia nulla di veramente sentito.
Il bacio di Giuda: è quello del tradimento.
L'ultimo bacio: può essere uno qualsiasi dei precedenti. Ma per l'ultima volta.
.
-


.

divorzo per petomania..........



Una donna si reca dall'avvocato per chiedere il divorzio.
L'avvocato chiede quale siano le cause che l'hanno spinta a tale gesto.
La donna:
- Vede avvocato, mio marito, specialmente quando è sdraiato e dopo aver mangiato pesante, incomincia con delle, ehm..., evacuazioni gassose tremendamente puzzolenti!
- Beh, signora, come faccio a portare in tribunale una storia simile? E poi ci vogliono delle prove!
- Ma io ho le prove: guardi!
E tira fuori una foto che mostra all'avvocato.
- E allora? Questa è la foto di una normalissima stanza da letto...
- La guardi bene!
- Cosa c'è che non va? C'è il letto, il comodino, un armadio...
- Le dico di osservarla attentamente!
- Senta io non riesco a vedere proprio nulla!
- Ah no? E mi dica... lei un Crocifisso che si tappa il naso l'ha mai visto?!?
.
-


.

CASALINGA SEXY..........



- Una casalinga confida all'amica incontrata al mercato le proprie frustrazioni:
- Sai, con mio marito non è che poi vada così male, ma lui è sempre svogliato e soprattutto ormai non mi guarda quasi più. Figurati che quando torna a casa la sera, tutto quello che sa dirmi è:
"Ahò! Che se magna stasera?"
- Sai, Piera, gli uomini sono tutti un po' uguali, così infantili e prevedibili.
Anch'io avevo il tuo problema, ma sono riuscita a risolverlo in un modo semplicissimo...
- Davvero, Fausta? Ma come? Dimmi tutto, ci voglio provare anch'io!
- Comprati un completino nero un po' "aggressivo"... e soprattutto una mascherina nera!
Gli apri la porta vestita così e... l'effetto è assicurato!
- Non mi dire! Basta così poco? Beh, provo... tanto per quello che mi costa...
Dopo una settimana, si rivedono al mercato:
- Allora, Piera, come è andata?
- Vuoi proprio saperlo? Ho presentato domanda di separazione
- Non ci posso credere! Forse non gli è piaciuto il tuo completino nero?
- Peggio... quando è tornato... gli ho aperto la porta e lui mi fa:
- "A Zorro... che se magna stasera?"


-


.

Historia de un encuentro...........



Historia de un encuentro

Mirase un instante

en un encuentro casual,

un hombre a una mujer,

en el cruzar de sus vidas.



Un fugaz momento

la contemplación duró,

en silencio de bellos ojos,

húmedos, de iris negros.



Por las miradas se acercaron,

se entrecruzaron las manos,

se besaron atrayentes labios,

y compartieron: silencios.



La imagen quedó grabada

en el alma del muchacho,

quien deseo estar con la bella,

no durando solo un encuentro.



…Y no la volvió a ver,

pese a la búsqueda desesperada,

intentando, se fueron marchando

momentos, noches y días.



Luego embargó el misterio a su alma,

con mil preguntas de la mujer,

mientras parecía tener imborrable pena,

como compañía incansable...



La pregunta constante:

¿Extraña amada que me has besado

me amarás alguna vez?

¿Porque al mismo lugar no vuelves?



Pasados meses, sin poder olvidarle,

sin comprender ese lazo que los unió,

pues parte de su corazón parecía desgarrarle...

quiso expresar en voz alta su lamento.




Iba a abrir su reseca boca,

y se detuvo a pensar en las palabras,

queriendo estas sean música,

expresando la pena que sentía.



Aguardó a una bella noche serena.

Por sobre él, infinito y estrellas,

en él, ausencia y permanencia.

Comenzó a recitar versos con rima.



Viento calmo lo acompaña

en susurros que parecían entenderle.

El muchacho expresa,

nacido poema, de su querer.



Se sintió bien y se dio cuenta

que en el mundo había nacido

un nuevo poeta. Sus letras...

aun perduran en los libros.



En su primer poema hablaba

de aquella mujer que la amó por besarla,

y de noventa sueños que no pudieron ser,

como así tampoco el olvidarla.



Ella... dos veces se preguntó,

que hubiera sido si hubiera

vuelto por la misma senda,
en la cual a un desconocido besó.

Javier R. Cinacchi


.

Conosci lo ZODIACO 

per Sapere cosa Piace al/la Tuo/a  PARTNER





Sono Web Designer, Web Master e Blogger
Creo Siti Internet , blog personalizzati.
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Creo loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.
MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/

.


felicita' nascosta...



la felicita' nascosta

Non siete giustificati d'essere tristi quando la vostra tristezza
è dovuta a motivi egoistici. Mi direte di avere valide ragioni
per essere infelici, perché incontrate solo fallimenti e non
vedete un vero avvenire davanti a voi.
Ebbene, vedete male: i giorni si susseguono e non si rassomigliano,
e anche se oggi il sole è nascosto dalle nubi, domani lo vedrete sorgere
e tutto vi sorriderà.
«Sì - diranno alcuni - ma io sono già vecchio. Cosa posso sperare?»

Siete ancora un bambino
a cui tutte le speranze sono permesse e che ricomincerete una nuova vita,
arricchita delle esperienze del passato?

Un altro si lamenta: «Ero ricco e ho perduto tutto!» Ma potrete riguadagnare quelle ricchezze,
chi ve lo impedisce? «Ho perduto degli esseri che amavo.»

Se li avete amati veramente, li ritroverete.

Esistono risposte a tutti gli argomenti che la tristezza vi presenta.
Non bisogna sempre insistere sulla debolezza, sul dispiacere, sulla fatica,
sui fallimenti, sulle perdite.
Tutto si risolve quando si chiamano in aiuto l'amore,
la saggezza e la verità.

-


.

FANTASÍA.........




FANTASÍA

Volar... a favor ó contra el viento;
irse lejos... sin punto, a la deriva,
sin chocar y sostener siempre viva
la felicidad durante todo momento.

Apreciar el mar... todo, por completo;
poder visualizar hasta lo más hondo,
tocar desde el cielo su incógnito fondo,
sentir sus serenas aguas cuando quieto.

Caminar por el sol, dios incandescente,
sonreír al palpar sus ardientes llamas
aunque sepas que lo que en sí tramas
es llevarte un pedazo, energía de su fuente.

En un agujero negro lograr entrada,
descubrir el secreto de ese misterio
científico que por desconocido es serio
y traerlo de vuelta como si nada.

Hablar con los sin vida, ya desaparecidos;
saber sus pensamientos a la hora presente,
conocer del más allá lo que se siente
para hacer un Poema de lo nunca sabido.

A escondidas, de alguna forma, adentrarse;
y espiar cauteloso lo sucedido en el cielo.
Guardar secreto de ese cumplido anhelo
al ver al jefe, tranquilo, como ordenarse.

Crear y cantar un himno universal de paz;
para todo ser viviente exista un solo idioma
así puedan entender y ni siquiera dejar en coma,
sino eliminar infinito la violencia de la faz

de la tierra; desaparecer aquella cruz,
de historia bárbara para haber matado al hijo,
con semejante castigo, con el que dejó fijo
la paga de nuestros pecados... Jesús.

Cumplir cada persona sin importar quien,
haga por propia convicción lo positivo;
sembrarlo, abonarlo, permanecerlo vivo
para que cada uno sea persona de bien.



Fulminar la imagen del tridente y los cuernos,
inscribir transparente la idea y el entablo
eterno de desaparecer por fin al diablo
de manera que se cierre la gran puerta del infierno.

Volar... y extraviarse entre colores y aroma en flor;
irse lejos... con la fragancia dulce, única y encantadora;
encontrar la fantasía de hallar esa pareja embriagadora
dueña de los pensamientos, de la fantasía, del amor...



Alviz Neleb


..TRADUZIONE ....

FANTASY

Vola ... a favore o contro il vento;
vado ... nessun punto, alla deriva,
senza collisione e mantenere sempre viva
felicità nel corso del tempo.

Godersi il mare ... Tuttavia, completamente
in grado di visualizzare il più profondo,
toccare il cielo di sfondo in incognito,
sentire la calma, quando ancora le acque.

Passeggiando per il dio del sole incandescente
sorriso a toccare il suo ardente fiamme
ma voi sapete che i frame
è prendere un pezzo della sua fonte di energia.

In un buco nero per il raggiungimento di ingresso
scoprire il segreto di questo mistero
scienziato che è noto da gravi
e ricondurlo, come al solito.

Parlare con i morti e dispersi;
conoscere il vostro pensiero in questo momento,
sentire al di là di quanto è
una poesia per non si sa mai.

Un nascosto, in qualche modo, all'interno;
espiar cauto e ciò che è accaduto in cielo.
Salva questo segreto desiderio soddisfatto
ha visto la testa, la calma, come predisposto.

Creare e cantare un inno di pace universale;
per ogni essere vivente non vi è una sola lingua
essi possono anche comprendere e fermare in coma
infinito, ma di eliminare dalla faccia della violenza

di terreni che attraversano scomparsi,
barbara storia per avere ucciso il bambino,
con una simile punizione, che è stato fissato
pagare per i nostri peccati ... Gesù.

Appuntamento ogni persona, non importa che
fare bene il proprio convincimento;
semina, concimazione, per un soggiorno vivo
in modo che ogni persona è buona.



Immagine del tridente di tuono e le corna
trasparente registrare l'idea e impegnati
eterna scopo di distanza dal diavolo
in modo da chiudere il grande cancello di inferno.

Vola ... e la perdita di colore e nel profumo dei fiori;
vado ... con il dolce profumo, unico e affascinante;
trovare la fantasia di trovare inebriante che coppia
proprietario del pensiero, la fantasia, l'amore ...



Alviz Neleb

poema de William Blake

LA NOCHE..........



(poema de William Blake)


LA NOCHE

Desciende el sol por el oeste,
brilla el lucero vespertino;
los pájaros están callados en sus nidos,
y yo debo buscar el mío.
La luna, como una flor
en el alto arco del cielo,
con deleite silencioso,
se instala y sonríe en la noche.
Adiós, campos verdes y arboledas dichosas
donde los rebaños hallaron su deleite.
Donde los corderos pastaron, andan en silencio
los pies de los ángeles luminosos;
sin ser vistos vierten bendiciones
y júbilos incesantes,
sobre cada pimpollo y cada capullo,
y sobre cada corazón dormido.
Miran hasta en nidos impensados
donde las aves se abrigan;
visitan las cuevas de todas las fieras,
para protegerlas de todo mal.
Si ven que alguien llora
en vez de estar durmiendo,
derraman sueño sobre su cabeza
y se sientan junto a su cama.

Cuando lobos y tigres aúllan por su presa,
se detienen y lloran apenados;
tratan de desviar su sed en otro sentido,
y los alejan de las ovejas.
Pero si embisten enfurecidos,
los ángeles con gran cautela
amparan a cada espíritu manso
para que hereden mundos nuevos.
Y allí, el león de ojos enrojecidos
vertirá lágrimas doradas,
y compadecido por los tiernos llantos,
andará en torno de la manada,
y dirá: "La ira, por su mansedumbre,
y la enfermedad, por su salud,
es expulsada
de nuestro día inmortal.
Y ahora junto a ti, cordero que balas,
puedo recostarme y dormir;
o pensar en quien llevaba tu nombre,
pastar después de ti y llorar.
Pues lavada en el río de la vida
mi reluciente melena
brillará para siempre como el oro,
mientras yo vigilo el redil.

TRADUZIONE ,,,(poesia di William Blake)


VITA NOTTURNA

Il sole scende a ovest,
La sera risplende luminosa;
gli uccelli sono in silenzio i loro nidi,
e devo trovare il mio.
La luna, come un fiore
l'alto arco del cielo
silenziosa con gioia,
installato e sorrisi nella notte.
Addio, campi verdi e boschi tali
mandrie in cui trovate il vostro divertimento.
Se pascolare pecore, cammina in silenzio
i piedi degli angeli luminose;
invisibile benedizioni riversato
incessante e le gioie,
sul nascere ogni gemma,
e su ogni cuore addormentato.
Se vuoi in nidi unimagined
rifugio dove gli uccelli;
visitare le grotte di tutte le bestie,
per proteggerli da ogni male.
Se vedi qualcuno che grida
invece di dormire,
capannone dormire sulla sua testa
e sedersi accanto al suo letto.

Quando i lupi e le tigri urlo per la loro preda,
smettere di piangere e triste;
cercare di deviare la loro sete in un altro senso,
e lontano da pecora.
Ma se speronato arrabbiato,
angeli con grande cautela
coprire ogni spirito gentile
nuovi mondi di ereditare.
E lì, il "occhi rossi" Leon
vertirá lacrime d'oro,
Compadecida e le grida di gara,
passeggiata attorno alla mandria,
e dire: "La rabbia, per la sua dolcezza,
e le malattie, la loro salute,
viene espulso
giorno del nostro immortale.
Ed ora con lei, agnello proiettili
Sono in grado di sedersi e di sonno;
o pensare che si ha il tuo nome,
pascolo e dopo aver lutto.
Poi lavati nel fiume della vita
i miei capelli lucenti
brillare per sempre come l'oro,
mentre guardo la piega.


-


.

Amo amor..........



Amo amor


Anda libre en el surco, bate el ala en el viento,
late vivo en el sol y se prende al pinar.
No te vale olvidarlo como al mal pensamiento:
¡le tendrás que escuchar!

Habla lengua de bronce y habla lengua de ave,
ruegos tímidos, imperativos de mar.
No te vale ponerle gesto audaz, ceño grave:
¡lo tendrás que hospedar!

Gasta trazas de dueño; no le ablandan excusas.
Rasga vasos de flor, hiende el hondo glaciar.
No te vale decirle que albergarlo rehúsas:
¡lo tendrás que hospedar!

Tiene argucias sutiles en la réplica fina,
argumentos de sabio, pero en voz de mujer.
Ciencia humana te salva, menos ciencia divina:
¡le tendrás que creer!

Te echa venda de lino; tú la venda toleras.
Te ofrece el brazo cálido, no le sabes huir.
Echa a andar, tú le sigues hechizada aunque vieras
¡que eso para en morir!




Gabriela Mistral


TRADUZIONE

Amore amore



Anda libero nella scanalatura, l'ala di pipistrello nel vento
vivo in ritardo il sole ed è rivolto alla pineta.
È meglio non dimenticare il male, come il pensiero:
Devi ascoltare!

Discorso di lingua e di lingua parlata in bronzo di uccelli
preghiere timido imperativi mare.
È meglio non mettere in grassetto gesto, grave cipiglio:
Dobbiamo rimanere!

Trace proprietario spende scuse non si ammorbidiscono.
Strappante tazze fiore, un profondo spacco spaccato ghiacciaio.
È meglio non negare rifugio a dire che:
Dobbiamo rimanere!

È il motto di spirito sottile nello specchio ammenda
salvia argomenti, ma nella voce femminile.
Scienza umana salverà meno scienza divina:
Devi crederci!

I miss venda il lino, si tollera la venda.
Scarica il braccio caldo, si sa, non fuggire.
Fate una passeggiata, ma si vedeva ancora stregato
Quindi, al fine di farli morire!


Gabriela Mistral

-


.

domenica 6 dicembre 2009

Definizioni del matrimonio


.

Definizioni del matrimonio :

Definizione religiosa:
Atto religioso che produce un crocifisso in più e una vergine in meno.

Definizione giuridica:
Sentenza in cui il "condannato all'ergastolo" si libera solamente per cattiva condotta.

Definizione matematica:
Somma di fastidi, sottrazione di libertà, moltiplicazione di responsabilità, divisione dei beni.

Definizione ponderale:
Il metodo più veloce per ingrassare.

Definizione militare:
l'unica guerra in cui si dorme con il nemico.

Definizione filosofica:
Nessuna donna ha ciò che si aspettava e nessun uomo si aspettava ciò che ha.

Definizione catastrofica:
Serve a risolvere dei problemi che non avresti mai avuto se non ti fossi sposato.

-


.

venerdì 4 dicembre 2009

Amore e Psiche




Canova Antonio
Amore e Psiche

Nella sua ansia di una purezza ideale, il Canova recuperava con naturalezza la tradizione luministica e sottilmente pittorica della scuola veneta e la raffinata preziosità di superfici che già aveva informato le favole ovidiane del Bernini; un delicato, indefinibile ritegno situa però l'opera canoviana in una strana alternanza di olimpico splendore e di morbida timidezza, quasi incertezza o pudore.
.
Un re ed una regina avevano tre figlie. Le maggiori erano andate in spose a pretendenti di sangue reale, ma la più piccola, di nome Psiche, era talmente bella che nessun uomo osava corteggiarla, tutti l’adoravano come fosse una dea. Alcuni credevano che si trattasse dell’incarnazione di Venere sulla terra. Tutti adoravano e rendevano omaggio a Psiche trascurando però gli altari della vera dea, perfino i templi di Cnido, Pafo e Citera erano disertati per una mortale. Afrodite sentendosi trascurata ed offesa, a causa di una mortale, pensò di vendicarsi con l’aiuto di suo figlio Amore e delle frecce amorose. La vendetta d’Afrodite consisteva di far innamorare Psiche dell’uomo più sfortunato della terra, con il quale doveva condurre una vita di povertà e di dolore. Amore accettò subito la proposta della madre ma, appena vide Psiche rimase incantato della sua bellezza.

 Confuso dalla splendida visione, fece cadere sul suo stesso piede la freccia preparata per Psiche cadendo cosi, vittima del suo stesso inganno. Egli iniziò cosi ad amare la ragazza e non pensò neanche per un attimo di farle del male. Nel frattempo i genitori di Psiche si preoccupavano perché un gran numero di pretendenti veniva ad ammirare la figlia, ma nessuno aveva il coraggio di sposarla. Il padre, preoccupato decise di consultare un oracolo d’Apollo per sapere se la figlia avesse trovato un marito, l’oracolo però gli comunicò una brutta notizia. Egli avrebbe dovuto lasciare la figlia sulla sommità di una montagna, vestita con abito nuziale. Qui essa sarebbe stata corteggiata da un personaggio temuto dagli stessi dei. Malgrado questo, i genitori non volendo disubbidire alle predizioni dell’oracolo, portarono, al calar del sole, Psiche sulla montagna prescelta vestita di nozze, e la lasciarono lì sola al buio. Solo quando lei restò da sola venne uno Zefiro che la sollevò e la trasportò in volo su un letto di fiori profumati. Psiche si svegliò quando sorse il sole e guardandosi attorno vide un torrente che scorreva all’interno di un boschetto. Sulle rive di questo torrente s’innalzava un palazzo d’aspetto cosi nobile da sembrare quello di un dio. Psiche, quando trovò il coraggio di entrare, scoprì che le sale interne erano più splendide, tutte ricolme di tesori provenienti da ogni parte del mondo, ma la cosa più strana era che tutte quelle ricchezze sembravano abbandonate. Lei di tanto in tanto si domandava di chi fossero tutti quei beni preziosi, e delle voci gli rispondevano che era tutto suo e che loro erano dei servitori al suo servizio.

 Giunta la sera lei si coricò su un giaciglio e sentì un’ombra che riposava al suo fianco, si spaventò, ma subito dopo, un caldo abbraccio la avvolse e sentì una voce mormorarle che lui era il suo sposo, e che non doveva chiedere chi fosse ma soprattutto non cercare di guardarlo, ma di accontentarsi del suo amore. La soffice voce e le morbide carezze vinsero il cuore di Psiche e lei non fece più domande. Per tutta la notte si scambiarono parole d’amore, ma prima che l’alba arrivasse, il misterioso marito sparì, promettendole che sarebbe tornato appena la notte fosse nuovamente calata. Psiche attendeva con ansia la notte, e con questo l’arrivo del suo invisibile marito, ma i giorni erano lunghi e solitari, quindi decise, con l’assenso del marito, di fare venire le sue sorelle, anche se Amore l’avvertì che sarebbero state causa di dolore e d’infelicità. Il giorno seguente, un Zefiro portò le due sorelle da Psiche, lei fu felice di rivederle, e le due non furono di meno vedendo le ricchezze che possedeva. Ogni volta che le due facevano domande sul marito, Psiche sviava sempre la risposta o rispondeva che era un ricco re che per tutto il giorno andava a caccia. Le sorelle s’insospettirono delle strane risposte che dava Psiche, loro credevano che stesse nascondendo il marito perché era un mostro. Queste allusioni Psiche li smentì tutte, fino a quando non cedette e raccontò che lei non aveva mai visto il marito e che non conosceva nemmeno il suo nome. Allora le due maligne, accecate dalla gelosia, insinuarono nella mente della povera ragazza che suo marito doveva essere un mostro il quale nonostante le sue belle parole non avrebbe tardato a divorarla nel sonno. Quella notte come sempre Amore raggiunse Psiche e dopo averla abbracciata si addormentò. Quando fu sicura che egli dormisse, si alzò e prese una lampada per vederlo e un coltello nel caso in cui le avrebbe fatto del male. Avvicinandosi al marito la luce della lampada gli rivelò il più magnifico dei mostri, Amore era disteso, coi riccioli sparsi sulle guance rosate e le sue ali stavano dolcemente ripiegate sopra le spalle. Accanto a lui c’erano il suo arco e la sua faretra. La ragazza prese fra le mani una delle frecce dalla punta dorata, e subito fu infiammata di rinnovato amore per suo marito. Psiche moriva dalla voglia di baciarlo e sporgendosi, su di lui, fece cadere sulla sua spalla una goccia d’olio bollente dalla lampada. Svegliato di soprassalto, Amore balzò in piedi e capì quello che era successo e disse che lei aveva rovinato il loro amore e che ora erano costretti a separarsi per sempre. Lei si gettò ai suoi piedi ma Amore dispiegò le ali e scomparve nell’aria e con lui anche il castello. La povera Psiche si ritrovò da sola nel buio, chiamando invano l’amore che lei stessa aveva fatto svanire. Il primo pensiero di Psiche fu quello della morte, correndo verso la riva di un fiume lei si gettò dentro ma la corrente pietosa la riportò sull’altra riva, cosi iniziò a vagare per il mondo a cercare il suo amore. Amore, invece, tormentato dalla febbre per la spalla bruciata, o forse dallo stesso dolore di Psiche, trovò rifugio presso la dimora materna. Afrodite, quando venne a sapere che suo figlio aveva osato amare una mortale, che tra l’altro sua rivale, lo aggredì. Ma non potendo fare niente di male al figlio pensò di vendicarsi su Psiche, e con il permesso di Zeus mandò Ermes in giro per il mondo a divulgare la notizia che Psiche doveva essere punita come nemica degli dei, e che il premio per la sua cattura sarebbero stati sette baci che la stessa dea avrebbe donato.

 La notizia giunse fino alle orecchie di Psiche, che decise di sua volontà di andare sull’Olimpo a chiedere perdono. Appena arrivata sull’Olimpo, Afrodite, le strappò i vestiti e la fece flagellare, affermandole che questa era la punizione di una suocera addolorata per il figlio malato. Dopodiché le ordinò di ammucchiare un cumulo di grano, orzo, miglio e altri semi; di prendere un ciuffo di lana dal dorso di una pecora selvatica dal manto dorato; di riempire un’urna con le acque delle sorgenti dello Stige. In poche parole tutti compiti impossibili, che però Psiche riuscì a compiere con l’aiuto di formiche, che accumularono il grano, di una ninfa, che le spiegò come e quando avvicinare la pecora, e perfino dell’aquila di Zeus, che l’aiutò a prelevare le acque dello Stige.

 Queste erano solo alcune delle crudeltà che Afrodite infliggeva alla povera Psiche, ma quando Amore seppe di quello che stava succedendo in casa di sua madre, salì sull’Olimpo da Zeus per permettere il suo matrimonio con Psiche. Zeus, non potendo rifiutare la supplica di Amore, fece riunire tutti gli dei dove partecipò anche Psiche. A questa assemblea Zeus decise di elevare al grado di dea, Psiche. Cosi dicendo egli diede la coppa di nettare divino alla mortale che accettò con molta paura. Dopo svariate sofferenze, Psiche fu ben accolta sull’Olimpo, anche da sua suocera poiché aveva ridonato il sorriso al figlio, lo stesso giorno fu allestito un banchetto nuziale per festeggiare la nuova coppia. Amore e Psiche avevano trovato la felicità, ed il loro figlio fu una splendida femminuccia, alla quale fu dato il nome di Voluttà.


-


.

giovedì 3 dicembre 2009

Transgender: cambiare sesso ....


.




Transgender: cambiare sesso

Un uomo su 40 mila e una donna su 150 mila soffrono di un disturbo dell’identità di genere. In Italia si fanno all’anno 24 interventi per diventare femmina e 7 per diventare maschio.


Il disturbo d’identità di genere

Il transessuale è colui, o colei, che fisicamente uomo si sente donna, oppure è donna e si sente uomo. Si tratta di un disturbo dell’identità di genere (Dig) che innesca la volontà di cambiare sesso, a differenza dell’omosessuale e del travestito.

Ma quali sono le cause?
Oltre a quelle psicologiche, ambientali e familiari, i nuovi studi sostengono che vi sia una anomala azione degli ormoni materni durante la gravidanza. Analizzando cervelli di transessuali con la risonanza magnetica è stato osservato che queste persone presentano strutture più simili a quelle del genere psicologico rispetto a quelle del sesso fisico. Rispetto al passato si esce maggiormente allo scoperto, perché si è appoggiati dalla legge e da specialisti competenti che lavorano in centri di riferimento pubblici. In Italia nel 1982 la legge ha approvato gli interventi per il cambio di genere sessuale.



L’iter

Chi decide di cambiare sesso, deve seguire un percorso delineato dalle linee guida dell’Onig (osservatorio nazionale sull’identità di genere). Per sei mesi rimane in osservazione con colloqui psicologici e indagini ormonali, cui segue un periodo di “test di vita reale” e somministrazione di ormoni. A quel punto medici e psicologi, consegnano le relazioni al tribunale di residenza, che può avvalersi di un consulente (Ctu). Una sentenza consentirà l’intervento di rassegnazione chirurgica dei caratteri sessuali e l’adeguamento dei dati anagrafici.



La trasformazione da uomo a donna

La trasformazione dei genitali esterni maschili in caratteri femminili comporta un periodo demolitivo (asportazione dei testicoli e del pene) e uno ricostruttivo (creazione di una vagina e di genitali esterni simili a quelli femminili).
La cute scrotale viene usata per la creazione delle grandi labbra e negli ultimi anni è stata studiata una tecnica che permette di ricostruire il clitoride, collocandolo nella sede naturale. Sotto al clitoride viene sistemata l’uretra e sotto ancora la neovagina che però non ha una lubrificazione autonoma.
Per quanto riguarda il seno molti decidono di farlo sviluppare con la terapia ormonale, anziché ricorrere alla chirurgia.


Trasformazione da donna a uomo

Questo intervento è molto più complicato e prevede vari tempi operatori.
La prima fase consiste nella riduzione mammaria (prima ormonale e poi chirurgica per dare l’aspetto di un torace maschile). Poi segue l’Istero–annessectomia con un unico intervento chirurgico di asportazione di utero e ovaie. La vagina, in genere, non viene rimossa perché tende a ridursi spontaneamente e, se richiesto, può essere asportata successivamente. A questo punto è necessaria la falloplastica (un intervento opzionale che non tutte le persone con Disturbo dell'Identità di Genere vogliono effettuare).
Esistono diversi metodi chirurgici a seconda di ciò che si vuole ottenere:

•realizzazione di un organo di forma cilindrica simile al pene per una funzione estetica;
•costruzione di neouretra che permetta la fuoriuscita dell’urina all’apice dell’organo costruito per una funzione urinaria;
•inserimento nel fallo di una protesi del tipo di quelle usate per l’impotenza con possibilità di rendere rigido l’organo costruito e idoneo a rapporti sessuali con penetrazione per una funzione sessuale.

LA LUMACA E' ERMAFRODITA 



La Lumaca si muove lentamente, restando sempre aderente alla Terra. Per questo motivo essa rappresenta il procedere con gradualità ma sicurezza verso un obiettivo. La Lumaca ci ricorda che a volte è meglio avere cautela e non dare nell’occhio se si vuole arrivare a destinazione.

L’elemento a cui essa è legata è l’elemento Terra, l’elemento della stabilità, della sicurezza e delle ricchezze nascoste nei visceri delle montagne. La Lumaca è dunque anche un simbolo di prosperità, ricchezza e sicurezza materiale.
Questo significato è rafforzato dal fatto che essa porta sempre con sé il suo guscio, cioè la sua casa, per cui tutto ciò che le serve lo ha in sè. E’ anche ermafrodita per cui possiede sia gli organi genitali maschile che femminili...

LEGGI LA STORIA

 DELLA LUMACA




ALCUNE FOTO CURIOSE


.-



.
.



Sono Web Designer, Web Master e Blogger, creo siti internet e blog personalizzati
 a prezzi modici e ben indicizzati. 
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Mi diletto alla creazione di loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.

MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/



FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .

MUNDIMAGO


.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog Amici

E-BOOK

Sosteniamo Mundimago

Poni una Domanda e Clicca il bottone Bianco


CLICCA QUI SOTTO
.



Google+ Followers

Visualizzazioni totali