loading...

venerdì 30 marzo 2012

il proprio sonno


 painting Henri de Toulouse Lautrec

E' così piacevole mescolare il proprio sonno a quello di un altro corpo, caldo e fiducioso: ci si sveglia sazi.

( S. De Beauvoir - " I mandarini " )


.




dormire insieme 
quadro in rame

                                            
 Arte di lavorare il metallo
in incavo e a rilievo, a martello, 
a cesello, a sbalzo, a bulino. 
I metalli più usati sono
 il rame, il bronzo, l’argento, l’oro.
. -


.
loading...

martedì 27 marzo 2012

Addio donne troppo magre o mascoline

  

Addio donne troppo magre o mascoline.

 Oggi l’81% dei maschi italiani preferisce le donne formose, che rappresentano il giusto mix tra complicità e seduzione. Ritenute più femminili (65%) e seducenti (52%) rispetto alle ‘’colleghe’’ filiformi, le donne formose sono le più apprezzate dagli uomini.
Le più desiderate? Seno prosperoso, fianchi generosi e pelle morbida sono le caratteristiche che accomunano Dita Von Teese (69%), regina del Burlesque, Monica Bellucci (63%) e Rossella Brescia (59%).

.


Corsi di ballo burlesque. Ci sono corsi che insegnano ad essere femminili e come spogliarsi in modo sexy, coinvolgente e divertente. Ispirandosi al Burlesque, vi divertirete voi e farete divertire il vostro partner. . . Vi ricordate ...


E’ quanto emerge da un’indagine condotta da Found!, la prima agenzia in Italia di mood marketing communication, realizzata mediante la metodologia Woa (Web Opinion Analysis) attraverso un monitoraggio on line sui principali social network, blog e community interattive, coinvolgendo circa 1200 utenti-uomini tra i 25 e i 55 anni per capire quali caratteristiche deve avere la loro partner ideale.
‘’Con questa indagine abbiamo voluto scoprire qual è oggi il mood della bellezza femminile secondo gli uomini - afferma Saro Trovato, mood maker e fondatore di Found! - Basta eccesso di mascolinità nel gentil sesso. I maschi italiani oggi vogliono le donne ‘’burrose’’, che piacciono e seducono con la loro femminilità.
Lui cerca la donna giocosa e provocante, che lo faccia sentire maschio, naturale e che si faccia guardare, stile Kim Basinger nel film ‘’9 settimane e mezzo’’.
‘’Mentre le donne tendono a scegliere un modello fisico filiforme - afferma Chiara Simonelli, docente di Psicologia dello sviluppo sessuale presso l’Università ‘’La Sapienza’’ di Roma - gli uomini gradiscono invece una donna più femminile, con un po’ di fianchi ed un seno più florido, che sappia essere ironica e intelligente, senza essere aggressiva. La tipologia mediterranea risulta essere la più interessante agli occhi dell’uomo’’.
Che tipo di donne cercano oggi gli uomini? Essi desiderano al loro fianco una vera ‘’femme’’, che esprima femminilità già dal proprio aspetto fisico (65%). Il maschio sogna una donna complice, che sappia sedurlo sia con la mente che con il corpo (54%), giocosa (47%), provocante ma accessibile (44%). ‘’Cerco una ragazza che sappia conquistarmi sia a livello fisico ma soprattutto mentale’’ e ‘’voglio una compagna che non faccia troppo la diva e che esprima la propria femminilità nel modo giusto’’ sono alcune delle principali richieste degli uomini in rete. I maschi italiani vogliono quindi accanto a se’ una ‘’femme fatale’’ che non sia troppo snob, una donna bella ma possibile, conscia della propria bellezza e in grado di non mettere a disagio il proprio lui: a pensarla in questo modo è il 67% degli uomini.
Cosa non piace in una donna? Il sembrare troppo timida (65%) o troppo audace (59%). Gli uomini cercano, infatti, il giusto mix tra giocosità e provocazione. Ritenere che le donne ‘’siano troppo insicure e indecise’’ o che ‘’eccedano nell’aggressività e nella provocazione’’ sono le maggiori accuse rivolte dagli uomini all’ ‘’altra metà del cielo’’. L’aria mascolina (54%) o troppo da diva (44%), un carattere troppo spigoloso (51%) o aggressivo (58%) contribuiscono a rendere le donne meno desiderate agli occhi degli uomini. Altri appunti da fare al gentil sesso? La mancanza di personalità (51%), il voler eccedere con la stravaganza (47%), pensare più al lavoro e meno alla vita di coppia (37%).





 VORREI  MANDARE UN MESSAGGIO A TUTTE LE RAGAZZE.. E DIRE DI NON IMITARE ATTRICI O MODELLE
FACENDO DIETA FERREA O NON MANGIANDO .. E SENTIRSI BRUTTE IN CONFRONTO A LORO PER QUALCHE KILO IN PIU'.
 RICORDATEVI SEMPRE CHE LA BELLEZZA VA OLTRE L' ASPETTO FISICO.
 QUINDI NON DISTRUGGETEVI PER UN IDEALE...
 SII SEMPLICEMENTE TE STESSA..E SARAI BELLISSIMA COSI COME SEI.

 LEGGI TUTTO

Magrezza estrema: colpa dei media? Magrezza estrema: colpa dei media? Giovedì 2 ottobre a Lubiana, in occasione dell'Ottava Conferenza di Psicologia dell'Alpe Adria (8th Alps-Adria Psychology Conference), lo psicologo ...


La plastica minaccia la fertilità maschile



La plastica minaccia la fertilità maschile


SCIENZA: La plastica minaccia la fertilità maschile: La plastica minaccia la fertilità maschile La plastica, oltre ad essere nociva per l’ambiente, rischia anche di compromettere la ferti...

-

.

.

- PREVISIONI per il 2015 -

.
.


SESSO E ZODIACO

Conosci la personalita' di
ogni segno zodiacale
per capire la sua

SENSUALITA'


.






LEGGI ANCHE


. Bookmark and Share
..


 Ecco la Pagina dei PIANETI 

del Nostro Sistema Solare 
.

. Bookmark and Share .
loading...

giovedì 22 marzo 2012

FREE - WEB: Primo gondoliere donna

Primo gondoliere donna



Primo gondoliere donna

Dopo ben 900 anni di dominio maschile a Venezia arriva la prima donna gondoliera. Così è stato aggiunto un altro gradino alla scalata delle donne per raggiungere la piena parità con gli uomini. La fortunata si chiama Giorgia Boscolo ed ha 23 anni.

Ma scopriamo qualcosa in più.
 continua a leggere
FREE - WEB: Primo gondoliere donna: Primo gondoliere donna Dopo ben 900 anni di dominio maschile a Venezia arriva la prima donna gondoliera. Così è stato aggiunto un altro ...

-


.
loading...

lunedì 19 marzo 2012

Contro la violenza alle donne, NUDE


Le proteste di Femen, noto gruppo di femministe prevalentemente ucraine, non si placano. L’ultima manifestazione delle attiviste, divenute famose in tutto il mondo per i loro cortei in topless, ha avuto luogo davanti alla Procura generale di Kiev. Le femministe si sono mostrate a seno nudo per denunciare la commercializzazione del sesso, la prostituzione dilagante e, soprattutto, la violenza ai danni delle donne. “Morte agli stupratori”, “Il Paese vuole vendetta”, c’era scritto sui cartelli mostrati al pubblico della capitale ucraina.
LA PAURA DELLE DONNE - L’ultima protesta è stata innescata dal caso di abuso di cui è stata vittima Oksana Makar, giovane torturata e bruciata viva, e che ha sconvolto l’intera ucraina. “Vogliamo spaventare gli uomini che pensano di poter trattare le donne come animali. Vogliamo portare all’attenzione questo problema, far sapere al mondo cosa sta succedendo in questo paese.



. .

.
VIOLENZA OGNI GIORNO – E per fermarlo”, ha raccontato Inna Schevchenko, una delle attiviste che ha preso parte alla manifestazione. “Ogni giorno donne ucraine vengono violentate. Ma sono troppo spaventate per parlarne, perché nessuno le proteggerà”, fanno sapere le donne di Femen. “Non confessano alla polizia di essere state vittima di stupro, perché sanno che la polizia non le aiuterà mai. E anche se denunciassero, nessuno sarebbe in grado di aiutarle. La gente non si stupisce degli stupri qui”, ha spiegato la Schevchenko.
ARRESTI FREQUENTI - Prima della manifestazione di Kiev, l’8 marzo, Giornata internazionale della Donna, alcune attiviste di Femen sono state arrestate per aver sfilato in topless ad Istanbul. Sono state tenute in prigione per tutta la notte e poi espulse.. Pochi giorni prima altre femministe erano finite in manette per aver manifestato, a Mosca, denunciando brogli alle Elezioni presidenziali vinta da Vladimir Putin. A gennaio tre attiviste sono state arrestate in Svizzera, a Davos, dove era in corso il World Economic Forum. Le manifestanti, sfidando le temperature prossime allo zero, si erano spogliate nude per irrompere nel convegno.



COSA FA FEMEN 

- Sasha Chevtchenko usa i suoi seni come se fossero delle pistole. Slanciata, fiera e certa della sua bellezza, questa ragazza bionda dagli occhi color petrolio, laureata in economia, guida una nuova rivoluzione, armata solo di seni nudi. La donna è da ormai quattro anni una delle muse del gruppo Femen, movimento di attivisti basato a Kiev, in Ucraina. Il gruppo è conosciuto per le sue provocazioni. I suoi membri, armate di tacchi alti e vestiti corti, lottano contro la prostituzione, il declino della democrazia, le ingerenze dello scomodo vicino russo e le turpitudini dei grandi del mondo come Silvio Berlusconi e Dominique Strauss-Kahn. Il loro obiettivo è quello di risvegliare nei loro concittadini una coscienza sociale ormai sparita e schiacciata dalle sue tradizioni patriarcali.


LA NASCITA - A partire dal 2008, Femen ha fatto di tutto pur di far parlare di sé. Le ragazze, sotto vari travestimenti, hanno manifestato a Parigi, Davos, Minsk, Mosca e Kiev, città nella quale avvengono la maggior parte delle manifestazioni. I membri della Femen si trovano a Kiev o al Cafe Cupido, il loro quartiere generale, o nella bottega di Oksana Chatchko, un negozio pieno di vestigia delle manifestazioni passate. Sul pavimento, macchiato di vernice, ecco pezzi di cartone dipinti e guantoni da boxe. Oksana viene Khmelnitsky, un paese a 300 kilometri da Kiev, e dipinge icone da quando aveva otto anni. “Sono sempre stata una ragazza devota -ha detto Oskana- volevo dedicare la mia vita a Dio. I miei genitori però si rifiutavano di farmi entrare in convento. Crescendo poi ho cominciato a studiare filosofia, ho studiato Marx e Engels, fino a quando ho incontrato Anna Hutsol”.


fonte
 http://www.giornalettismo.com/archives/214827/le-femministe-nude-contro-la-violenza-alle-donne/

leggi anche:

La plastica minaccia la fertilità maschile



La plastica minaccia la fertilità maschile


SCIENZA: La plastica minaccia la fertilità maschile: La plastica minaccia la fertilità maschile La plastica, oltre ad essere nociva per l’ambiente, rischia anche di compromettere la ferti...

-

 
.
 .
 .

-
loading...

sabato 17 marzo 2012

nella buona o cattiva sorte



Una delle cause principali della rottura di matrimoni e dei rapporti sentimentali è lo stress quotidiano, che spinge la maggior parte delle coppie alla separazione, con il conseguente allontanamento di uno dei due partner dall’altro.


Sembra però che, in alternativa a questo fenomeno diffuso, alcuni soggetti decidano direstare insieme senza amore e anche senza interesse sentimentale.
Da un'indagine italiana, infatti, è scaturito che una coppia su tre porta avanti il loro rapporto anche se ormai logoro e apatico, solo per non compromettere gli interessi che stanno in gioco. In molti casi, infatti si decide di continuare la relazione o perché si hanno dei figli o perché non si possiede un lavoro e con esso nemmeno un’autonomia economica.
Seguono a questi motivi, quelli di ordine più strettamente personale, che trattengono il coniuge impaurito a non fuggire. In questi casi, prevale nel soggetto, infatti una sensazione di fallimentoo di vergogna, oltre alla consueta paura della solitudine.

Così, non si trova il coraggio di compromettere l'abituale rapporto, continuando a tollerare l’ormai insostenibile situazione, sebbene ciò logori il partner, portandolo alla depressione.
In ogni caso, qualunque sia il motivo, resta comunque l'insoddisfazione del coniuge che "decide" di restare accanto ad un compagno senza provare né attrazione, né sentimento.
E allora, nonostante il grado di sopportazione si abbassa giorno dopo giorno, si resta insieme per compiere le azioni di routine e per trovare le soluzioni ai problemi quotidiani, credendo che solo in questo modo sia più facile affrontare la dura realtà…nella buona e nella cattiva sorte.

Quando però, in alcuni momenti di riflessione, si stila un resoconto della propria vita sentimentale, ci si accorge subito che si è giunti all’ auto annullamento, scaturito dalla totale dedizione all’altro e alla propria famiglia. Solo in questo istante, allora si comprendono le giuste mosse o gli sbagli compiuti nella propria vita.

-


.
loading...

mercoledì 14 marzo 2012

Matrimoni gay




Inaccettabile che  siano vietati


Matrimoni gay  Strasburgo critica l'Italia 

 «Inaccettabile che siano vietati» 

 STRASBURGO -  I matrimoni gay 's'hanno da fare', anche in Italia. Per il Parlamento europeo è inammissibile che alcuni governi «mettano in atto definizioni restrittive della definizione di 'famiglia' allo scopo di negare la protezione legale alle coppie dello stesso sesso e ai loro bambini». È quanto si legge nel paragrafo 7 del rapporto sulla parità dei diritti uomo-donna, preparato dalla radicale di sinistra olandese Sophie in't Veld per dare spazio tra l'altro alle 'quote rosà nei Cda ed approvato dalla plenaria di Strasburgo con 361 sì, 268 no e 70 astenuti. E sul punto dei matrimoni omosessuali è stata battaglia in aula, perchè il Ppe aveva presentato un emendamento che voleva ribadire la competenza degli stati membri in materia. Il centrodestra, come puntualmente avviene a Strasburgo sui temi omosessuali, è andato sotto (322 sì, 342 no, 22 astenuti), battuto dal fronte delle sinistre (socialisti S&D, Verdi e Gue) rafforzato dai liberal-democratici dell'Alde. Ed è stato di nuovo battuto sugli emendamenti che volevano cancellare il paragrafo 5 (che chiede alla Commissione di elaborare proposte per il «mutuo riconoscimento» delle famiglie omosessuali tra i paesi che già le prevedono) e il paragrafo 62 (che propone al Consiglio di riaffermare il principio di non discriminazione «per orientamento sessuale»). Il voto di Strasburgo per Imma Battaglia è invece il segno di «un vento nuovo che spira sull'Europa». «È il vento - ha detto la storica esponente della comunità gay italiana - di una sinistra che rinasce e porta cambiamenti». Per Franco Grillini, responsabili Idv per i diritti civili, il voto dimostra che «l' Italia nei fatti Š fuori dall'Europa dei diritti e delle libertà» e che «la destra italiana rappresenta il vero ostacolo alla modernizzazione del Paese». Per Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, oggi è arrivato «un duro monito anche nei confronti dell'Italia». E Anna Paola Concia, per il Pd, osserva che «dopo le inutili polemiche tutte italiane, è Strasburgo a darci una grande lezione di civiltà indicandoci con chiarezza la strada precisa da percorrere per il riconoscimento dei diritti delle persone gay, lesbiche e transessuali».


Cassazione:
 “I gay hanno diritto a trattamento familiare
 come le coppie sposate” 
La Corte chiude ai matrimoni tra omosessuali,
 ma indica "un trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge a chi è coniugato". 


La Cassazione prende atto del “no” ai matrimoni gay e al riconoscimento di unioni celebrate all’estero. Ma apre in modo altrettanto netto ai diritti che le coppie omosessuali devono vedere riconosciuti: il “diritto alla vita familiare” e a “vivere liberamente una condizione di coppia” con la possibilità di un “trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata”. E’ la prima volta (scrivono i giudici nella sentenza n. 4184 depositata oggi), che la Cassazione si trova ad affrontare il caso di una coppia gay che chiede il riconoscimento del proprio matrimonio contratto all’estero: i due uomini si erano sposati nel 2002 a L’Aja ed avevano poi chiesto la trascrizione del certificato di nozze, come atto pubblico, al comune di Latina dove sono residenti.

Al rifiuto del Comune di riconoscere questo certificato e quindi il matrimonio, la coppia ha fatto ricorso sia in Tribunale che alla Corte d’Appello di Roma, ricorsi entrambi respinti. Da qui l’ulteriore istanza in Cassazione, dove la Prima Sezione Civile motiva la sua decisione – che è comunque di rigetto del ricorso – in circa 80 pagine. La Suprema Corte spiega che, se è vero che in Italia ancora non esiste una legislazione che preveda il matrimonio tra gay (citando a questo riguardo anche la recente sentenza della Corte Costituzionale che appunto aveva detto no ai matrimoni omosessuali), il quadro europeo dei diritti dei gay ed il contesto sociale è fortemente cambiato. Infatti, essendo stata superata grazie alla Convenzione Europea dei diritti dell’Uomo “la concezione secondo cui la diversità di sesso dei nubendi è presupposto indispensabile, per così dire naturalistico della stessa esistenza del matrimonio”, la Cassazione sottolinea che “l’intrascrivibilità delle unioni omossessuali dipende non più dalla loro inesistenza e neppure dalla loro invalidità ma dalla loro inidoneità a produrre quali atti di matrimonio, appunto, qualsiasi effetto giuridico nell’ordinamento italiano”. Le coppie gay, come i coniugi, hanno però il diritto ad una “vita familiare” e ad esigere e a far valere per questo il diritto ad un “trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata”.

Il governo prende atto, ma è tiepido. “La questione del riconoscimento delle unioni omosessuali non è nel programma di governo – precisa il ministro per l’integrazione e la cooperazione, Andrea Riccardi - E’ una questione che riguarda il Parlamento. Credo che bisogna parlarne con le forze politiche”. Per il resto è un coro di esultanze nel centrosinistra e di prudenza nel centrodestra.

I radicali sono i primi a commentare la sentenza: “La classe politica – affermano dall’associazione Certi diritti – agisca di conseguenza e il ministero degli Interni ritiri la circolare che vieta la trascrizione dei matrimoni contratti all’estero dalle coppie gay. E’ un altro passo avanti per il superamento delle diseguaglianze nel nostro paese. Pur non riconoscendo il diritto a trascrivere all’anagrafe il matrimonio contratto all’estero da una coppia di Latina, la sentenza precisa quello che la classe politica continua a negare”. Dello stesso tenore il commento di Massimo Donadi, capogruppo Idv alla Camera: “E’ possibile che in questo paese, quando si parla di temi etici e di diritti civili, la politica arrivi sempre in ritardo? E’ accaduto nel recente passato con la vicenda di Eluana Englaro. Stavolta, sul tema della coppie gay, è la Cassazione a prendere atto dei cambiamenti sociali e ad esprimersi in base al diritto. Non pretendiamo leggi rivoluzionarie – aggiunge – ma che il Parlamento sia almeno in grado di leggere la realtà sociale, comprenderne i mutamenti, e legiferare in maniera conseguente. E’ necessaria una legge che tuteli le coppie omosessuali, come stabilito dalla Cassazione”.

Per l’Arcigay è stata “scritta una pagina storica”, per Nichi Vendola la pronuncia è una nuova pagina di civiltà che “ci fa superare il bigottismo di Alfano”, per i Comunisti Italiani è una “spinta per uscire dal Medioevo”, per Paola Concia (Pd) ora “il Parlamento deve colmare il vuoto legislativo”.

Di contro per Alfredo Mantovano (Pdl) non arriva “nessuna novità dalla sentenza della Cassazione sui gay; perchè tanta esultanza dalla lobby omosessuale? E’ piuttosto l’ennesima conferma che l’ordinamento già riconosce ai conviventi, qualunque sia il loro sesso, a legislazione vigente e sulla base di consolidata giurisprudenza, una serie di diritti in tema, per esempio, di registrazione anagrafica, di tutela della salute, di godimento di alloggi popolari, di assistenza, di nomina di un tutore, di risarcimento danni, e così via”. Carlo Giovanardi la cita addirittura a paradigma di “quanto da anni non ci stanchiamo di ripetere”, rivendicando come “nel quadro costituzionale e legislativo vigente in Italia le coppie omosessuali ‘non possono far valere il diritto a contrarre matrimonio né il diritto alla trascrizione del matrimonio celebrato all’estero, possono vivere liberamente una condizione di coppia e in presenza di specifiche situazioni hanno diritto ad un trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata”.

Nell’area di centrodestra tuttavia si distingue ancora una volta il Fli: “La sentenza conferma che quanto la suprema corte definisce ‘diritto alla vita familiare’ non può discriminare le coppie gay – dichiara Flavia Perina – D’altra parte, non è ragionevole che per ottenere un ‘trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata alle coppie gay tocchi ogni volta far valere in giudizio il proprio diritto. Dunque sarebbe di gran lunga preferibile che il Parlamento provvedesse ad approvare una regolamentazione delle unioni omo-affettive, rimediando ad un ritardo sempre meno ammissibile. Che prima o poi in Italia questo avverrà è fuori discussione. Se avverrà prima anzichè dopo, risparmieremo a milioni di persone l’umiliazione di chiedere come favore ciò che spetta loro come diritto”. Un ragionamento sintetizzato dal collega di partito Benedetto Della Vedova nella formula: “Viva la Cassazione, abbasso Alfano”.

Posizioni evidentemente non molto in linea con altri esponenti del Terzo Polo: “Mi spiace dover raffreddare gli entusiasmi di chi pensa che la recente pronuncia della Cassazione abbia introdotto in Italia il matrimonio omosessuale - afferma il presidente dell’Udc, Rocco Buttiglione – e vorrei anche contenere l’indignazione di quelli che, per la medesima ragione ma con valutazione opposta, sono pronti a rimproverare aspramente i nostri giudici. Le sentenze bisogna leggerle prima di commentarle ma dal poco che ho potuto capire mi sembra che questa volta la Cassazione abbia fatto onestamente il proprio dovere”.



 -
  -


.
loading...

domenica 11 marzo 2012

l’amante ideale secondo le italiane




Non si sta parlando di marito né tantomeno di matrimonio, ma del compagno ideale per una notte di passione, senza complicazioni.
Quali caratteristiche deve avere il prescelto?
Ha cercato di scoprirlo Gleeden.com attraverso un sondaggio che ha coinvolto 1.100 donne di età compresa tra i 30 e i 49 anni, alle quali è stato chiesto di indicare almeno due caratteristiche dell’amante ideale.
La prima “qualità” indispensabile è che l’uomo in questione sia “impegnato”, conditio sine qua non per garantirsi un po’ di passione senza ritrovarsi invischiate in una storia complicata.
Una volta stabilito questo, ecco come sono suddivise le preferenze delle donne italiane:
Bello e maledettamente sexy, perché anche l’occhio vuole la sua parte (45%)
Ricco e con uno status sociale medio alto (33%)
Sorprendente, per le donne che hanno voglia di emozionarsi ancora (28%)
Misterioso, l’arte della seduzione prima di tutto (27%)
Giovane, per ritrovare la freschezza e la spensieratezza della gioventù (36%)
Il dato più interessante è che, mentre per le trentenni lo status sociale risulta importante anche nelle relazioni brevi, le quarantenni preferiscono decisamente l’aspetto, e si sentono attratte da uomini fisicamente prestanti e possibilmente giovani, per compensare con loro ciò che non trovano più nella vita di coppia.

-


.
loading...

venerdì 9 marzo 2012

Fingere l’orgasmo può far bene ?




Il dato è ormai noto a tutti: il 60% delle donne ammette di simulare l’orgasmo durante il sesso.
Se questa informazione ha preoccupato i maschietti di ogni dove, soprattutto perchè non se ne erano mai accorti, i sessuologi sostengono che non sia affatto pericoloso.
Roberta Giommi, ad esempio, in un articolo sul Corriere Della Sera, chiarisce: “Se si finge un orgasmo ogni tanto, questo può essere dovuto al fatto che il partner lo raggiunge in un momento in cui non si è altrettanto predisposte. Ma se fingere sempre significherebbe condannarsi a non vivere la propria sessualità in modo pieno, in una relazione arrivare a farlo “una tantum” può essere un tentativo di non interrompere la complicità, un momento di piacere comune”.
Il problema è che l’uomo raggiunge il maggior piacere durante l’orgasmo, ed è convinto che per la donna sia lo stesso, senza considerare invece che l’emotività femminile è molto più complessa e può raggiungere la soddisfazione in altri modi.
Fingere l’orgasmo, per una donna, può essere semplicemente un modo di rassicurare il compagno sulla propria soddisfazione infondendogli sicurezza, e non un modo di ingannarlo.

-


.
loading...

mercoledì 7 marzo 2012

la pulsione al sesso del maschio



.
.

Secondo uno studio condotto dal professor Mark van Vugt, psicologo evoluzionista della Vrije Universitat di Amsterdam, la pulsione al sesso del maschio è responsabile di tutti gli eventi violenti che si sono verificati nella storia della società.
Dalle guerre agli scontri negli stadi, il professore sostiene che l’istinto di violenza insito negli uomini primitivi li ha aiutati a migliorare il loro status e ad avere più accesso ai partners, ma anche a guerre e violenze.
Basti pensare, ad esempio, a come i primati pattugliano il territorio: se una donna si avvicina sarà ben accolta ma se si avvicina un maschio sarà picchiato e forse ucciso.
L’uomo, per natura, è concentrato ad aumentare le sue possibilità di riproduzione mentre la donna ha un atteggiamento disponibile e amichevole, volto a risolvere i conflitti pacificamente e a proteggere i bambini.

-


.
loading...

RIDO - PIANGO: Domenica, sole cocente,

Domenica, sole cocente,



Domenica, sole cocente, tutti sono vestiti leggeri. Il prete che guarda i fedeli riuniti per la messa, ad un certo punto, nota una ragazza tutta vestita, con impermeabile, ombrello, ecc. Il prete resta un po' perplesso ma poi se la dimentica.
Finita la messa il prete guarda fuori: tuoni, lampi e pioggia a catinelle.
La domenica seguente diluvia; il prete guarda i fedeli vestiti di tutto punto con impermeabili, ombrelli, stivali, ecc.,




RIDO - PIANGO: Domenica, sole cocente,: Domenica, sole cocente, tutti sono vestiti leggeri. Il prete che guarda i fedeli riuniti per la messa, ad un certo punto, nota una rag...

.
.
loading...

BLOG DI CIPIRI: 8-marzo

8-marzo






.

La festa della donna ha la sua origine all'inizio del XX secolo quando un gruppo di operaie ha fatto sciopero per protestare contro le loro condizioni lavorative. ...continua a leggere...
BLOG DI CIPIRI: 8-marzo: . La festa della donna ha la sua origine all'inizio del XX secolo quando un gruppo di operaie ha fatto sciopero...

-


.
loading...

martedì 6 marzo 2012

ravvivare la vita di coppia



riscoprire la passione

 ravvivare la vita di coppia



“Che vita grama, che grama vita, sempre io e te, te e io.. non succede mai niente qua.. guarda che io sono stufa!”
Chi di voi non si è mai ritrovato a pronunciare le stesse parole di Sandra Mondaini quando scalcia nel letto mentre Raimondo legge indisturbato il suo giornale sportivo?
Nulla di più vero: la moglie e il marito, tu e lui, insieme da anni.

.
.



Il romanticismo iniziale ha purtroppo lasciato spazio alle abitudini e alla routine.
Lui vede la moglie con la maschera di bellezza sul viso, le occhiaie o i bigodini in testa. Lei invece lo trova in tuta sul divano quasi aggrovigliato alla TV a guardare la partita e a mangiare le patatine, lo sente la mattina quando, appena sveglio, le dà il buongiorno emettendo strani suoni…
E allora ci si chiede: ma come ci arriviamo insieme a 80 anni?
Sì cari amici e amiche, la vita di coppia è lunga e col tempo l’amore assume forme diverse, si trasforma, e la passione iniziale è effimera e in molti casi… passa.
E allora come sfuggire ad una relazione pesante e noiosa?
Innanzitutto ci vuole impegno da entrambi i partners.
La moglie può iniziare gettando nell’immondizia quello scafandro di pigiama felpato che sembra una roccaforte per lasciare spazio ad una lingerie sexy, calze a rete, guepiere oppure può farsi trovare totalmente nuda nel letto, come la memorabile Marilyn Monroe che indossava solo due gocce di Chanel n. 5.
Fatevi più spesso qualche massaggio alla schiena con l’olio, magari con la musica in sottofondo e luci soffuse….
Cercate di farvi più sorprese e organizzate più spesso weekend romantici o cenette intime.. da quando non ne fate una?
E ora veniamo ai maschietti… Basta con quella partita! Spegnete la TV una volta tanto!
Quando la sera i bambini sono a letto, e probabilmente vostra moglie è stanca, preparatele la vasca da bagno con schiuma, oli profumati e candele accese… E se non avete la vasca…potete farvi la doccia insieme!
Compratele fiori più spesso, anche fuori dalle grandi occasioni! Portatela a cena fuori in ristoranti nuovi, ogni tanto cucinate per leri: la donna ha bisogno di sentirsi adorata, amata e stupita.
E allora forza! La passione non è finita… ce l’avete dentro di voi e và alimentata fino a diventare nuovamente un fuoco vivo.

-


.
loading...

venerdì 2 marzo 2012

Il triangolo

.

Il triangolo

.

Può accadere di innamorarsi di due persone contemporaneamente e di trascorrere con entrambe dei bei momenti da amanti, riuscendo, però, a tenere nascosta la cruda verità, senza trascurare né l'uno, né l'altro partner.

Capita, infatti, spesso di invaghirsi di un’altra persona e di provare una forte attrazione per questa anche se si ha già un compagno. E questo non è imputabile come tradimento se si rimane fedeli al primo amore, senza creare ripercussioni sulla coppia.
Ma quando si decide di portare avanti entrambe le relazioni, nascondendole ed omettendo ad ambedue le (o gli) amanti la rispettiva esistenza, si può ancora giustificare la scelta fatta? Con l'avvio della seconda storia, iniziano le bugie, accompagnate, spesso, da scuse ogni giorno più grosse e ben pianificate, vivendo così storie incomplete e non soddisfacenti e schivando la realtà. In tal modo si gioca con i sentimenti senza rendersi conto, però, che il gioco diventa duro e che si toglie tempo sia all'una che all'altra relazione.
Continuando, però ci si abitua a simulare, ad indossare una maschera, a fingere che tutto vada liscio come l'olio, limitando le proprie emozioni, imbrigliate dentro ad un cuore, ormai, divenuto di ghiaccio. Non si ha la forza di smettere, non tanto perché si sta bene in quella situazione, ma quanto per la paura della solitudine e soprattutto della sconfitta. Pur di non soffrire, allora si decide di sostenere due storie parallele, anche se questo costa molta fatica e una vita stentata e finta.

A questo punto diventa quasi d’obbligo fermarsi un secondo e fare chiarezza dentro di sé, decidendo di concludere uno dei due rapporti e di scegliere chi più stimola emozioni e sentimenti forti. Anche se la decisione risulta dura da prendere, solo così si limitano conseguenze negative e soprattutto si evita di fare soffrire entrambi i partner o, addirittura, si rischia di rimanere da soli. In qualunque caso, prima di tutto, bisognerebbe capire se ciò che si prova è amore vero o solo un interesse momentaneo, visto che il primo coincide con la consapevolezza di aver trovato una persona unica e con la decisione di stare solo con essa.
Ma non sempre le cose vanno così e, spesso nascono dei triangoli amorosi che si prolungano nel tempo solo perché non si ha il coraggio di rinunciare ad uno dei due oggetti d’amore e di desiderio o anche per non ferire nessuno di essi.

Arrivati sino a qui cosa diventa giusto da fare e cosa diventa sbagliato? È meglio confessare tutto o continuare con due storie diverse?


-


.
loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog Amici

E-BOOK

Sosteniamo Mundimago

Poni una Domanda e Clicca il bottone Bianco


CLICCA QUI SOTTO
.



Google+ Followers

Visualizzazioni totali