loading...

domenica 19 aprile 2015

Non Siamo Adatti a Fare Figli se ?





Umberto Galimberti: 

la nostra società ad alto tasso di psicopatia

 non è adatta a fare figli

Se nei primi tre anni di vita i bambini non sono accuditi e ascoltati nel modo giusto rischiano di diventare degli analfabeti emotivi, privi di orientamento. A lanciare l'allarme è il professore di Filosofia della Storia all'Università Ca'Foscari di Venezia. 

Che aggiunge: per arrivare alla testa dei ragazzi bisogna prima conquistare il loro cuore.

Il rapporto tra l’uomo occidentale e la tecnica, luogo della razionalità assoluta che non lascia spazio alle pulsioni e passioni. Sull’educazione dei giovani in particolare, sull’empatia e le emozioni che li attraversano è diretto e schietto. I giovani soffrono di una sorta di analfabetismo emotivo.  I sentimenti, infatti,  non sono una dote naturale e non si trasmettono geneticamente. I sentimenti si apprendono: e soltanto attraverso la costruzione di mappe emotive si possono costruire relazioni e legami. Le mappe emotive si formano attraverso la cura che i bambini ricevono nei primi tre anni di vita e servono a sentire il mondo e a reagire agli eventi in modo proporzionato.

Cosa intende per “mappe emotive”?

Mi riferisco alla dimensione emotivo, sentimentale di un individuo. Se nei primi tre anni di vita i bambini non sono seguiti, accuditi, ascoltati allora ci si trova di fronte ad un misconoscimento che crea in loro la sensazione di non essere interessanti, di non valere niente.  Crescono così senza una formazione delle mappe cognitive, rimanendo a un livello d’impulso. Gli impulsi sono fisiologici, biologici, naturali. Il passo successivo dovrebbe essere di passare dagli impulsi alle emozioni ovvero a una forma più emancipata rispetto all’impulso. L’impulso conosce il gesto, l’emozione conosce la risonanza emotiva di quello che si compie e di quello che si vede. Poi si arriva al sentimento che è una forma evoluta, perché non solo è una faccenda emotiva, ma anche cognitiva. Il sentimento si apprende. Le mamme comprendono i bambini che non parlano perché li amano. Gli amanti, proprio perché si amano, si capiscano tra loro molto più di quanto i loro discorsi non dicano e siano comprensibili agli altri. Il sentimento è cognitivo e consente di percepire il mondo esterno e gli altri in maniera adeguata, con capacità di accoglienza e di risposta adeguate alle circostanze.

Dove e quando si apprendono i sentimenti?

Dobbiamo convincerci che il sentimento non è una dote naturale, è una dote che si acquisisce culturalmente. Gli antichi imparavano i sentimenti attraverso le storie mitologiche. Se guardiamo alla storia greca ci ritroviamo tutta la gamma dei sentimenti possibili, Zeus il potere, Afrodite l’amore, Atena l’intelligenza, Apollo la bellezza, etc. C’era tutta la fenomenologia dei sentimenti umani. Noi invece li impariamo attraverso la letteratura, che è il luogo dove si apprende che cosa sono il dolore, la noia, l’amore, la disperazione, il suicidio, la passione, il romanticismo. Ma se la letteratura non viene “frequentata” e i libri non vengono letti, se la scuola disamora allora il sentimento non si forma. E se la cultura non interviene, i ragazzi rimangono a livello d’impulso o al massimo di emozione. Per questo sono convinto che non tutte le società sono idonee a far figli.

non esiste piu' la famiglia numerosa

La nostra societa' non è idonea perché i genitori, per sopravvivere, devono lavorare in due e quindi il tempo per la cura dei figli non c’è. I figli sono affidati a un esercito di baby sitter, o peggio alla baby sitter di tutte le baby sitter  che è la televisione. I genitori non hanno tempo di stare con i bambini e si difendono cercando di dare loro un tempo-”qualità”, ma i bambini hanno bisogno di tempo-quantità. Hanno bisogno di essere riconosciuti passo dopo passo, disegno dopo disegno, domanda dopo domanda. Non basta fare quattro week end giocosi per avere una relazione con i figli.  E se non si ha questo tempo, dobbiamo rassegnarci  a avere dei figli  in cui  le mappe emotive e cognitive non si formano. Queste mappe però sono fondamentali perché diventano la modalità con cui si fa esperienza, se le mappe non sono formate questa esperienza avviene a caso e non viene mai del tutto elaborata.

La scuola potrebbe rimediare a questa mancanza?

Per quanto riguarda la scuola, bisognerebbe che i professori, oltre a sapere la loro materia, fossero anche in grado di comunicarla e di affascinare.  Perché l’apprendimento, lo dice Platone, avviene per via erotica. Noi stessi abbiamo studiato volentieri le materie dei professori di cui eravamo innamorati e abbiamo tralasciato quelli di cui non avevamo alcun interesse. A scuola è importante saper appassionare perché gli adolescenti vivono l’età per cui l’unica cosa che conta è l’amore,  e se gli adolescenti si occupano dell’amore bisogna andare là a cercarli. Attirarli a livello emotivo significa trovare la breccia per passare poi al livello intellettuale. Se invece si scarta la dimensione emotiva, sentimentale, affettiva allora non si arriva neppure alle loro teste.


Se le mappe non sono si sono costituite, cosa può succedere?

Se le mappe emotive non si formano abbiamo un rapporto squilibrato, una risonanza emotiva inadeguata  rispetto agli eventi da affrontare. Prendiamo un esempio tra i casi patologici degli ultimi anni. Il giorno in cui Erika e Omar uccisero la madre e il fratellino, si recarono, come ogni giorno, a bere la birra al bar del quartiere. Questa reazione è la conseguenza della mancata presenza di mappe emotive e di risonanza di quanto accaduto. Mancanza che non ha consentito loro di riconoscere la differenza tra bene e male. Il filosofo Immanuel Kant diceva che la definizione di bene e male possiamo anche non definirla perché ognuno la comprende e la sente da sé. Usa proprio la parola sentire, e se la differenza tra bene e male non si sente e non si percepisce rischiamo che un ragazzo non capisca la differenza che c’è tra corteggiare una ragazza o stuprarla, o tra discutere con il professore e prenderlo a calci. Non sentire più la differenza tra bene e male, tra il giusto e l’ingiusto, tra ciò che grave e ciò che non lo è, denota una mappa emotiva non costituita.

Che soluzione bisognerebbe adottare?

Non penso che tutto sia riparabile. Se i figli non sono stati curati e seguiti nel modo giusto diventaranno degli handicappati psichici, soffriranno di psicopatia, la psiche non registra, non ha una risonanza emotiva rispetto alle azioni che si compiono agli eventi a cui assiste. Quante volte di fronte ad una persona per terra si è indifferenti? Questa è una psicopatia ovvero  un’apatia della psiche che non  registra il caso, la situazione.  Si possono picchiare i neri, i  Rom perché tanto non c’è la percezione che l’altro è simile, è una persona come te, anche questa è una forma di psicopatia. Viviamo in una società ricca e non più povera e semplice come una volta, dove il confine tra bene e male, il permesso e il proibito era ben segnalato. Oggi tutto è permesso, la società è opulenta e abbondante, i bambini ricevono una quantità di regali, anche quelli che non desiderano. Si estingue addirittura il desiderio perché i bambini vengono gratificati prima ancora di desiderare. E questi, purtroppo, sono processi che allenano l’apatia della psiche.

LEGGI ANCHE


Allattare al seno fa bene. 
E non è solo un luogo comune. Ad avvalorare la tesi c’è infatti un nuovo studio. La ricerca, condotta su 6.000 bambini brasiliani a partire dal 1982, ha dimostrato che addirittura migliorerebbe il quoziente intellettivo del bambino, apportando significativi miglioramenti alla sua vita...
 http://cipiri3.blogspot.it/2015/04/allattare-al-seno-fa-bene-bimbo-e-mamma.html

LEGGI ANCHE COME PROLUNGARE IL PIACERE SESSUALE 



.

LEGGI ANCHE

COME SARA' LA TUA VITA SESSUALE NEL 2016





Sono Web Designer, Web Master e Blogger, creo siti internet e blog personalizzati
 a prezzi modici e ben indicizzati. 
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Mi diletto alla creazione di loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.

MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/



FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .

MUNDIMAGO


.
loading...

venerdì 17 aprile 2015

Prolungare il Piacere Sessuale




Sesso Tantrico 

 Prolungare il Piacere Sessuale

 Chi lo ha sperimentato ha dichiarato di aver provato sensazioni di piacere molto forti e, anche se ogni tanto se ne sente parlare, sono poche le persone che sanno davvero di cosa si tratta.

Il sesso tantrico è una vera e propria dottrina e ha poco a che fare con le posizioni sessuali del Kamasutra. Si tratta di una disciplina, nata in India intorno al 400 a.c., che ha come obiettivo la conoscenza e la maturazione di se stessi, in cui la sessualità è il mezzo per unirsi all'altro e accendere la scintilla della natura-Buddha di una persona.

Il tantra Nella nostra società si vive la sessualità sempre più con la testa, dimenticandosi del corpo; il sesso tantrico insegna l'esatto contrario, basandosi sui principi di lentezza, attenzione, naturalezza e complicità. La cosa fondamentale è tralasciare l'ansia dell'orgasmo, della performance e del risultato, ma imparare a godere dell'erotismo nella sua totalità.

Per superare i limiti psicofisici del piacere ci sono 4 chiavi che arricchiscono la nostra vita sessuale:
l'attenzione, il suono, il respiro e il movimento.


Le basi del sesso tantrico

La prima, l'attenzione, consiste nell'imparare ad ascoltare i segnali che il nostro corpo ci manda, inizialmente da soli e poi con il partner, senza imporsi di dover sentire per forza delle sensazioni specifiche; poi controllare il respiro che deve essere morbido e rilassato, perché se è corto e affannoso non si ossigena abbastanza. In coppia è fondamentale sincronizzare la respirazione, perché secondo la
filosofia tantrica in questo modo si fa circolare l'energia.
 Altra chiave è la voce, in grado di sbloccare il torace e il bacino e liberare la mente. Infine il movimento, ovvero ciò che consente di aprire i blocchi: bisogna muoversi ritmicamente con il partner e cercare di essere armonici.

Rimandare l'orgasmo 

Quando si sente parlare di sesso tantrico si pensa subito alla durata perché si può provare un piacere sessuale prolungato senza lasciarsi andare all'orgasmo, ma sperimentando sensazioni tanto profonde e piacevoli da rendere il resto un qualcosa in più.

Non si fa nulla per trattenere l'orgasmo, ma non è nemmeno l'obiettivo del rapporto sessuale; non serve un'erezione costante, ma è sufficiente che il pene rimanga nella vagina per almeno 35 minuti affinché scatti un meccanismo per il quale le onde cerebrali dei due “amanti” si sintonizzano, facendo raggiungere uno stato di calma e benessere.


A cosa serve il tantra?

 Per noi occidentali è difficile capire a cosa serva davvero il sesso tantrico e guardiamo questa disciplina in maniera un po' sospetta. In realtà aiuta a sfruttare l'eccitazione sessuale in modo cosciente per accrescere l'energia vitale e dominare le emozioni oltre che per trovare una perfetta sintonia e complicità con il partner.



La pratica del sesso tantrico deriva dal tantra, un insieme di insegnamenti spirituali e tradizioni esoteriche nate all’interno delle religioni indiane. Il tantrismo prevede che il rituale sessuale culmini in un’esperienza che coinvolge entrambi i partecipanti in un’infinita consapevolezza di sé e del proprio corpo.
Secondo questa pratica, esistono 4 chiavi per superare i limiti psicofisici del piacere: l’attenzione, il movimento e il ritmo, il suono e il respiro. L’importante è cercare dentro se stessi per espandere la propria energia sessuale. Bisogna solo far girare queste quattro chiavi nel modo e nel momento giusto per accedere ad una nuova dimensione erotica.


Le 4 mosse del Sesso Tantrico

L’attenzione: ovvero la consapevolezza corporea. Usare questa chiave vuol dire ascoltare il proprio corpo, prima da soli, e poi con il proprio partner.
“Chiudi gli occhi, metti una musica rilassante e metti a fuoco le varie parti del corpo: piedi, gambe, bacino, collo… chi ha difficoltà può fare dei piccoli movimenti per prendere contatto. Poi, cerca di capire come stanno tutte le parti del tuo corpo, di sentirle”.
“La seconda parte dell’esercizio invece riguarda l’emotività: che emozioni, che sentimenti, che clima c’è dentro di me? Dove sento quel sentimento o questa emozione? Che cosa c’è, in quel punto?
“Fai delle visualizzazioni aiutandoti con questo pensiero: se fossi su un treno e vedessi i miei pensieri passare, quali sarebbero e cosa direbbero di me?”
“Durante il rapporto invece dobbiamo prestare attenzione al nostro corpo, alla zona di contatto del mio corpo con l’altro, e alla sensazione corporea che ne deriva, su cosa sente il mio corpo in quel momento. Resta in quella sensazione, non seguire i pensieri, soprattutto quelli che iniziano con “dovere””

Il movimento e il ritmo: secondo il Tantra con questa chiave si mette in circolo molta energia. Per questo bisogna muoversi insieme al proprio partner, per sbloccare in particolar modo il livello del bacino.
“Per armonizzare il tuo ritmo con quello del partner, ad esempio con l’esercizio della bicicletta: mettetevi sedere contro sedere, tenetevi per le mani e iniziate a pedalare. Il primo step è imparare  a muoversi insieme; poi  bisogna sincronizzarsi in modo da trovare un ritmo condiviso. Osservare  quanto tempo ci si mette a trovarlo, chi conduce, chi rallenta, chi fa fatica a star  dietro ecc… Infine, provate qualche variazione sul tema: mentre pedalate, fate dei movimenti (ad  esempio inarcare la schiena), giovate a trovare il ritmo e poi variate lo schema. Durante l’amplesso ognuno dovrebbe potersi muovere in totale libertà”.
Provate per esempio a mettere in sottofondo della musica .

La voce: la voce libera la mente, sblocca il torace e il ventre, quindi il piacere fisico. Non bisogna necessariamente gridare, ma lasciare fluire nel corpo e poi far fuoriuscire dalla gola, con tanta naturalezza. È una pratica autoeccitante che fa vibrare le energie sessuali e aiuta ad entrare in armonia con il proprio corpo e con quello del partner.

Il respiro: secondo il tantra questo può essere il modo più subdolo per per inibire il piacere e l’eccitazione. Se il respiro è corto o poco profondo non riusciamo ad ossigenare bene il nostro corpo. Impara a respirare bene e profondamente, è fondamentale. Respira in modo morbido e circolare.
“Mentre inspiri, conta fino a 6, trattieni per altri 6 e rilascia, sempre contando fino a 6, perché le fasi del respiro devono essere simmetriche. Se ci si esercita in questo modo, inizia a cambiare non solo la respirazione, anche come sento il mio corpo.”
Sincronizzare il respiro con il proprio partner è fondamentale per amplificare le sensazioni e le emozioni. Secondo le filosofie orientali, se fai tre respiri profondi mentre abbracci una persona a cui vuoi bene, raddoppi la tua felicità.

Prima di mettere in pratica tutti i suggerimenti che ci dà la disciplina del tantra, creiamo l’atmosfera e le condizioni giuste per rilassarci e abbandonarci totalmente all’atto sessuale, magari iniziando il tutto con un bel massaggio sensuale.

LEGGI ANCHE

Leggi il Tuo Kamasutra nel 2016 

http://cipiri13.blogspot.it/2015/12/kama-sutra-nel-2016.html



 UN PICCOLO AIUTO NATURALE

http://cipiri8.blogspot.it/2015/06/salute-benessere-maca-peruviana.html


NON SERVE UN PENE GRANDE PER SODDISFARE UNA DONNA

http://cipiri8.blogspot.it/2011/03/non-serve-un-pene-tanto-grande-per.html


LA VERITA'
IL SESSO ALLUNGA LA VITA

http://cipiri8.blogspot.it/2015/04/il-sesso-allunga-la-vita.html

.
 GUARDA ANCHE

http://mundimago.org/le_imago.html
.


.
loading...

Fantasie Erotiche Maschili e Femminili




Esistono Immagini a contenuto sessuale che aiutano ad accrescere il desiderio
 e ad avere una sana vita erotica

Le fantasie erotiche appartengono all'immaginario sessuale delle persone e sono un potente afrodisiaco contro il calo del desiderio e il benessere sessuale.

Freud definiva “phantasie” le idee, i pensieri e le immagini che possono creare emozioni ed eccitazione sessuale. Tutti, uomini e donne di qualunque età, possono averne, sono sinonimo di una sana vita psichica; fantasticare scene e situazioni non significa necessariamente doverle mettere in pratica, anzi, molto spesso, ciò che crea forte eccitazione finché è nella mente non lo è altrettanto se poi si prova a viverlo. Ma quali sono le fantasie erotiche femminili più diffuse? E quelle maschili?

 comuni fantasie femminili 

Andare a letto con uno sconosciuto
 Una delle fantasie erotiche più tipiche tra le donne perché l'ignoto dà l'idea di sentirsi libere e senza inibizioni, ma sopratutto non si temono i giudizi.

Con più persone
 Che sia in tre o più, immaginare di essere con altre persone e fare sesso tutti insieme regala alla donna la sensazione di essere al centro dell'attenzione, di essere desiderata e cercata, e questo fa accrescere il suo desiderio.

In pubblico
Anche in questa fantasia ciò che regala eccitazione è l'idea di essere al centro dell'attenzione e i luoghi più a “rischio”immaginati, al tempo stesso più eccitanti, sono ascensori, uffici, ristoranti.

In modo selvaggio
 Pensare di fare l'amore ovunque capiti, fuori o dentro casa, su una spiaggia, o al bar della stazione dona alla donna un senso di libertà e espressione di se stessa.

Essere dominata
 Ricordate la trilogia delle sfumature di grigio, rosso e nero? Bhè molte donne leggendo quei libri si sono ritrovate; la sola idea di essere dominate, comandate, magari legate, fa scattare in alcune una forte eccitazione.

 comuni fantasie erotiche maschili 

Guardare
Il voyeurismo è una delle fantasie più comuni tra maschi, perché in questo modo non bisogna mettersi in gioco e rischiare defaillance sessuali. In compenso, spiare o partecipare a un incontro con altre persone, osservando e basta, fa accrescere l'eccitazione.

Lui tra due donne
 Immaginare due donne che fanno sesso e poi partecipare è uno dei pensieri erotici più tipici degli uomini.

Sesso anale
 Forse perché considerato ancora un tabù, o forse perché dà una maggiore idea di possesso e dominazione, il sesso anale è molto fantasticato dagli uomini.

 Farlo con una sconosciuta
Proprio come per le donne, l'idea dell'ignoto, regala forti sensazioni anche ai maschi.

Dominare
Dal momento che sempre più spesso nella vita quotidiana le donne hanno raggiunto la parità se non addirittura in molte situazioni sono loro a comandare, nella sessualità, rimane ancora una fantasia erotica molto intensa quella di sottomettere la compagna.

.
 GUARDA ANCHE

http://mundimago.org/le_imago.html
.


.
loading...

Paure Sessuali delle Donne



Nell'era dell'emancipazione femminile e della rivoluzione sessuale, ci sono però ancora molte cose che spaventano una donna a letto. Si tratta di timori spesso normali, anche se difficili da superare una volta per tutte.

Donne di ogni età, giovani e meno giovani, sposate o single, quando si tratta di fare sesso, molte di loro si confrontano ancora con qualche piccola o grande paura.

Ecco le principali, e come provare a superarle.

Paura di mostrarsi nude
 Non solo chi ha qualche chilo in più e un po' di cellulite, ma anche le donne con poche imperfezioni spesso si sentono imperfette e se ne fanno un cruccio; solo pensandosi e immaginandosi nude si imbarazzano e si sentono a disagio. L'effetto è che quando fanno l'amore non riescono a lasciarsi andare, fissandosi sull'effetto che fanno i nostri corpi agli occhi dell'altro. Cosa fare Il corpo di una giovane donna è ancora in fase di mutamento, perciò a volte si fa fatica ad accettarlo, ma la paura dei propri difetti è sempre in agguato anche nelle donne più mature. Eppure la risposta è semplice ed è lì accanto accanto a noi, nell'uomo che abbiamo scelto al nostro fianco: e se invece di specchiarci in uno specchio vero, che ci mette solo a disagio, ci specchiassimo negli occhi del nostro uomo? Impariamo a rifletterci nelle reazioni di chi ci ama, osserviamo la sua eccitazione, il suo desiderio di fronte a noi e, se proprio ci vergogniamo per quel poco di pancetta, scegliamo la posizione del missionario, che permette solo il contatto visivo, mentre il resto del corpo può essere visto solo attraverso il contatto della pelle, senza lasciare spazio all'imbarazzo.

Paura di non avere l'orgasmo
 Un'altra paura molto tipica delle donne è quella di non provare l'orgasmo, soprattutto all'inizio di una nuova relazione o dopo un periodo in cui il desiderio è scomparso. Cosa fare Per prima cosa stiamo tranquille, succede a tutte le donne di attraversare una fase della vita in cui l'inquietudine prende il posto del piacere. Il problema è che più ci pensiamo più la profezia si avvera. Come possiamo liberarci dall'ansia di prestazione? Proviamo programmando il sesso, così non rischieremo di fare l'amore da stanche o con i minuti contati. Poi prepariamoci all'incontro amoroso in maniera creativa, sollecitando le nostre fantasie per sollecitare l'eccitazione che verrà. Infine lasciandosi andare, respirando in modo rallentato.

Paura di alcune fantasie sessuali
Molte donne hanno paura di alcune loro fantasie erotiche che hanno come protagonisti uomini sconosciuti o immagini che ritengono scabrose. Cosa fare Il bello delle fantasie è che non offendono nessuno né tanto meno feriscono; non si tratta di tradire davvero il partner e nemmeno di desiderare sul serio un sesso violento. Se però sapere tutto questo non basta a prevalere ancora sul senso di colpa, allora proviamo con un semplice esercizio: mettiamo nero su bianco la fantasia che ci spaventa, chiudiamola in un cassetto e rileggiamola qualche giorno dopo. Scommettiamo che apparirà per ciò che è e cioè una cosa forse un po' “sporca”, ma inoffensiva?

Un consiglio per tutte un libro classico della rivoluzione sessuale: Paura di volare di Erica Jong, che  potrà servire a molte .

Paura del SESSO ORALE  :  http://cipiri8.blogspot.it/2015/04/sesso-orale-sicuro.html
.
 GUARDA ANCHE
LA NOSTRA APP
http://mundimago.org/le_imago.html
.


.
loading...

Sesso Orale Sicuro




Non tutti conoscono i rischi e le malattie che si possono contrarre facendo sesso orale .

Di sesso orale se ne parla poco, ma sono sempre di più i giovani che pensano si tratti di una forma di sessualità priva di qualunque rischio (gravidanze e malattie) e per questo motivo spesso i rapporti orali avvengono ancor prima di incominciare ad avere rapporti completi. 

E' però importante chiarire alcuni dubbi.


Informarsi 
La maggior parte delle persone non sa che facendo sesso orale senza profilattico si possono contrarre diverse forme virali, inoltre alcuni virus si possono trasmettere, oltre che con lo sperma, anche con la saliva, le secrezioni uretrali e vaginali. Se poi nella bocca sono presenti ferite aperte è anche possibile 

la trasmissione dell'epatite B, della C e dell'Hiv. 
Per trasmettere questi virus è sempre necessario il contatto di sangue con altro sangue; tra questi fa eccezione il virus dell'epatite B (Hbv), il cui Dna è stato isolato anche nella saliva, quindi il contatto di saliva infettata da Hbv con sangue sano, in presenza di una lesione, è sufficiente a trasmettere il virus. 
Tutte queste malattie sono curabili, anche se devono essere diagnosticate in tempo per evitare gravi conseguenze. Si tratta poi di malattie che cronicizzano e chi le contrae deve conviverci per sempre. 

Tutte tranne l'hiv, l'aids, che non viene debellato del tutto.


Le infezioni e i virus più comuni 
Oltre alla trasmissione di epatiti e Hiv, facendo sesso orale non protetto si possono contrarre anche altre infezioni.

L'Herpes Simplex, per esempio, è un'infezione molto comune causata da due virus simili: herpes labiale, di tipo 1, e herpes genitale, di tipo 2. Il primo si trasmette attraverso contatti con la bocca, come baci o sesso oro genitale, mentre il secondo con i rapporti sessuali non protetti (orali, vaginali e anali) per contatto con le mucose infette. Una volta trasmesso il virus rimane in corpo per tutta la vita e dopo la prima manifestazione acuta può ricomparire periodicamente.

Herpes

Circa l’80% delle persone, almeno una volta nella vita, incappa nel virus del cosiddetto Herpes labiale. Non tutti però ne conoscono le cause, né sanno esattamente come curarlo. Innanzitutto, è bene sapere che si tratta di un virus altamente contagioso, e se ne soffriamo dobbiamo assicurarci di prevenirne la diffusione, che solitamente avviene attraverso 
il contatto diretto o indiretto con la saliva.

.

Il citomegalovirus (cmv) si trasmette con il contatto tra le mucose o tra saliva e mucosa. Il contagio può avvenire con il contatto persona-persona (sesso orale, baci sulla bocca, rapporti completi), ma anche se ci si tocca con le mani sporche di urina o saliva. Questa infezione rimane latente nell'organismo per tutta la vita e spesso non si ha alcun sintomo; in rari casi si manifesta con febbre, mal di gola, affaticamento e ingrossamento dei linfonodi.

Il Papilloma virus (Hpv) è un virus facilmente trasmissibile attraverso il contatto tra parti infette e quindi anche attraverso il sesso orale. Questo virus può infettare le mucose del cavo orale o dei genitali, maschili e femminili e per entrambi i sessi può essere presente anche in assenza di lesioni. Come si trasmette? Se l'uomo ha l'hpv in bocca (con o senza condilomi) può passarlo alla donna a livello genitale attraverso rapporti orali. Se l'uomo ha il virus a livello genitale, può infettare a bocca della donna. In questo caso le conseguenze vanno da un'infezione senza sintomi che può guarire spontaneamente, allo sviluppo di condilomi che possono evolvere a livello orofaringeo. La stessa cosa capita nel caso in cui sia la donna infetta e riceva sesso orale o abbia rapporti completi.

Consigli 
Anche se in certe situazioni è difficile, la migliore prevenzione sessuale resta il cervello. 
I rapporti orali, i rapporti sessuali completi, i rapporti anali, soprattutto se con partner occasionali vanno sempre protetti. 
Anche con i partner di lungo corso ai quali è stata diagnosticata una qualunque infezione andrebbe usato il profilattico e, nel caso di epatite B, meglio farsi vaccinare. 
Inoltre bisognerebbe fare dei controlli periodici, sia genitali che orali.



LEGGI ANCHE 








 GUARDA ANCHE

http://mundimago.org/le_imago.html
.


.
loading...

Errori delle Donne nella Coppia



Errori delle Donne 
Alcuni comportamenti delle donne in amore possono essere errati e nuocere al rapporto. Cerchiamo di evitare questi atteggiamenti negativi.

I più comuni errori delle donne 
Molto spesso le donne mettono in atto una serie di comportamenti 
standardizzati nelle relazioni amorose, 
che possono causare liti, scenate e rotture. Talvolta dipende tutto dall’innata tendenza 
inconscia a sabotare la felicità. Ecco alcune situazioni tipiche e come cambiare.

Quelle che dicono sempre no
Andare via un week end? Non se ne parla! Uscire con gli amici? Assolutamente no perché sono stanca. Una cena al ristorante? Preferisco stare a casa. Quante donne si riconoscono in questa descrizione?
Magari vi comportate così senza accorgervene, eppure accade.
Molto spesso sono donne che hanno bisogno di controllare tutto o che antepongono i doveri al piacere, tuttavia la sostanza non cambia e così facendo non si lasciano andare. Così capita che queste donne causino staticità al rapporto e il rischio è l’allontanamento del partner.
Come cambiare: Prova a metterti nei suoi panni, come reagiresti se a tutte le tue proposte lui ti dicesse di no? Il fatto che lui proponga una serie di cose è perché ha voglia di condividerle con te; quindi cerca di accontentarlo e recupera l’entusiasmo dell’inizio. Questo non significa dire sempre di sì, ma trovare una complicità giocosa per movimentare il rapporto.

Quelle che fanno sempre scenate
Quando comunichi con lui è sempre un litigio? Per farti ascoltare urli? Forse ci sono sotto dei problemi, che però non si risolvono certo con le scenate. Sotto sotto si nasconde una certa insoddisfazione.
Come cambiare: Bisogna cambiare la modalità di discussione e imparare a gestire i conflitti in modo
adulto. Basta cominciare dando il giusto peso alle cose, e imparare ad essere autonoma nella soluzione dei problemi.

Se corri un po’ troppo
Esci con un ragazzo da qualche mese, state bene, ma poi scompare nel nulla. Allora pensi che sia
l’ennesima presa in giro. Talvolta però le donne non vivono le cose per ciò che sono ed è tale la voglia di una relazione che si perde la lucidità. Si tende a confondere i piani e a riportare tutto sotto la sfera affettiva, ma uscire insieme e frequentarsi non significa automaticamente essere ufficialmente fidanzati.
Come cambiare: Impara dagli uomini, che spesso non rimangono in spasmodica attesa di una telefonata e non eccedono con le richieste. In questo modo scoprirai la leggerezza del rapporto e le cose avverranno senza forzature, con calma e con i giusti tempi per entrambi.

Ti lasci invadere dall’imbarazzo
Appartieni a quelle donne che sui social network hanno migliaia di amicizie e sono sempre corteggiate, ma poi nella vita reale non sai come comportarti e ti lasci sopraffare dall’imbarazzo?
Forse hai solo paura e ti rifugi in un mondo protetto, ma così non vivi realmente e fuggi, con la conseguenza di rimanere poi sola nella vita.
Come cambiare: Mettiti in gioco con la tua vera faccia, anche se questo significa avere delle delusioni.

Solo così potrai farti conoscere davvero e gli altri sapranno chi sei e potranno apprezzarti realmente.
.

 GUARDA ANCHE
LA NOSTRA APP
http://mundimago.org/le_imago.html
.


.
loading...

Frasi delle Donne per l'Uomo



Prontuario per l'Uomo nella Coppia
Interpretare e agire efficacemente alle tipiche espressioni di una donna

Frasi delle Donne: Prontuario per l'Uomo

Caro uomo, penserai mica di essere il solo a dover fare i conti tutti i giorni con la tua dolce metà... e i suoi sbalzi d'umore repentini? 
Ma no, sembra proprio che tutti gli uomini siano in buona compagnia e che i difettucci che ogni tanto noti nella tua lei siano più comuni di quanto pensi. 
Colti da un moto di improvvisa pietà e compassione, abbiamo deciso di farti questo pensierino: un prontuario per interpretare correttamente le risposte che la tua donna ti dà. 
Leggi bene, può servire ad evitare molte discussioni... 

Frasi tipiche delle donne
Le espressioni usate più di frequente dalle donne:
BENE: Come concludere una discussione avendo l'ultima parola. Non importa andare avanti, quello che lei voleva dire l'ha detto: ovvero la più "ovvia e obbiettiva verità"...la sua!

5 MINUTI: I famosi "5 minuti e son pronta" oppure "5 minuti e scendo!", mentre le sere di inverno aspetti al freddo e al gelo sotto casa sua. Ma tu non sai che generalmente in questi casi lei deve ancora compiere un rituale prestabilito, che comprende il scegliere e cambiare abbigliamento dalle 2 alle 5 volte, truccarsi con almeno 10 cosmetici diversi, guardarsi allo specchio o controllare la propria immagine riflessa su qualsiasi superficie lucida presente in casa fino a quando finalmente non uscirà dalla porta, fare la piega ai capelli e perdersi in una miriade di quisquilie che potrebbero essere tranquillamente rimandate senza che il mondo soffra per questo. 
Se invece i 5 minuti sono rivolti a te... eccola con il cronometro in mano! Mentre tu, povero uomo, stai beatamente guardando la fine della partita, lei decide che, non si sa per quale strana congiunzione astrale, è giunto il momento che la aiuti a far le pulizie in casa. Quindi si prepara con spazzolone e guanti in mano, per assalirti e rovesciarti addosso ordini... ovviamente allo scoccare dell'ultimo secondo bonariamente concesso. 

NIENTE: Se alla domanda "Cos'hai?" la risposta è un secco e stizzito "Niente!" consiglio di girare alla larga, perché presto o tardi verrà giù un finimondo di parole, critiche e lamentele per qualcosa di dimenticato, non detto o non fatto. Difficilmente le discussioni che iniziano con NIENTE finiscono con BENE. 
FAI PURE: E il seguito sarebbe "...Così almeno sbagli e posso criticarti!". Evita di fare qualcosa, tanto non andrà mai bene, fai prima a chiedere a lei cosa fare e come farlo. Anche se in quel caso verresti criticato in quanto carente di iniziativa personale. 
SOSPIRONE: Un sospiro per una donna non è un semplice sospiro. Figuriamoci un sospirone!! 

Quando lei sospira si chiede come fa ad avere così tanta pazienza per sopportare un essere, oltretutto di sesso maschile, con cui non è possibile avere un dialogo costruttivo poiché incapace di comprendere qualsiasi sua parola. E poi lei ha così tanti impegni, pensieri e cose da fare che non può perdere tempo con te così! 
OK: Evvai, finalmente una risposta positiva! Macché, non sognartelo nemmeno. Lei ha solo bisogno di tempo per pensare in che modo fartela pagare, quanto fartela pagare e quando fartela pagare. Ma ha già deciso...di fartela pagare! 
GRAZIE: Una gentilezza? No! È soltanto un modo pacato per darti soddisfazione e tenerti buono, finché non ti colpirà alle spalle non appena tu ti girerai, già dimentico del ringraziamento ricevuto e ignaro di tutto. 
QUELLO CHE VUOI: Hai capito male, non quello che tu vuoi, bensì quello che in realtà lei ha deciso che tu debba volere. Chiaro, no? 
NON TI PREOCCUPARE FACCIO IO: Visto che tanto tu, in quanto uomo, non sei in grado di farlo, dovrà pensarci lei, donna, a farti capire che è il momento di farlo. Esattamente come dice lei e ora, subito, non quando ti fa comodo!

PS: Cara donna, sicuramente ti sarai fatta delle grosse risate riconoscendoti in buona parte di questi punti. Sii buona, ogni tanto dalla vinta anche a lui, che ti sopporta ogni giorno e ti perdona tutto! Ah, senza che se ne accorga però, altrimenti se ne potrebbe approfittare! 


 GUARDA ANCHE
LA NOSTRA APP
http://mundimago.org/le_imago.html
.


.
loading...

venerdì 3 aprile 2015

il SESSO allunga la VITA


IL SESSO ALLUNGA LA VITA
Un cuore più sano, meno malattie, un organismo più allenato, una vita più felice: tutti questi fattori contribuiscono ad aumentare la longevità. Possiamo quindi dirlo: il sesso allunga la vita!



IL SESSO MIGLIORA LA QUALITÀ DELLO SPERMA QUINDI LA FERTILITÀ
L'attività sessuale regolare aumenta il volume di sperma che viene emesso durante ogni eiaculazione. Inoltre, il ricambio frequente evita che la fecondazione avvenga tramite sperma "vecchio" che può causare problemi genetici al feto. Fare sesso spesso aiuta quindi la fertilità.




IL SESSO CONTRASTA LA DISFUNZIONE ERETTILE
Sembra un paradosso, ma è proprio così: l'attività sessuale costante alimenta il flusso sanguigno nelle arterie del pene, quindi i tessuti restano più in salute. L'erezione è come una performance atletica: più ti alleni, migliori risultati ottieni.



IL SESSO CONCILIA IL SONNO
Il rilassamento e la stanchezza che seguono l'attività sessuale possono indurre sonnolenza. Sai qual è il prossimo rimedio contro l'insonnia che devi provare.



IL SESSO AIUTA A REGOLARIZZARE IL CICLO MESTRUALE
Può sembrare strano, ma la produzione ormonale sollecitata dall'attività sessuale regolare può aiutare a combattere i cicli irregolari. Questo anche perché il sesso diminuisce lo stress, una delle principali cause dei ritardi.



IL SESSO DIMINUISCE LA PROBABILITÀ DI TUMORI
Un'eiaculazione regolare evita il ristagno dello sperma, causa di molte malattia. In particolare, un'attività sessuale regolare - almeno 21 volte al mese - può ridurre l'incidenza di tumori alla prostata. La regolarità è più importante del numero: repentini cambi di frequenza sono sconsigliabili.



IL SESSO MIGLIORA LA FIDUCIA E L'INTIMITÀ DI COPPIA
Grazie all'ossitocina, è più probabile sentirsi fiduciosi e sereni dopo l'attività sessuale. Questo significa che anche i partner più gelosi possono trovare un momento di pace dopo il sesso. Se avete una crisi di coppia da affrontare, un riavvicinamento fisico può aprire 
la strada a un migliore affiatamento.



IL SESSO È UN ANTI-DOLORIFICO
Il piacere batte il dolore. Le endorfine rilasciate durante il sesso servono anche a dimenticare, almeno momentaneamente, gli acciacchi. Se però soffri di mal di schiena, 
stai attento a scegliere la posizione giusta.



IL SESSO MIGLIORA LA SALUTE DEL CUORE
Uno studio del New England Research ha dimostrato che gli uomini che fanno sesso regolarmente hanno il 45% di probabilità in meno di sviluppare malattia cardiovascolari rispetto a chi non lo pratica. Purtroppo, non è stato rilevato lo stesso beneficio sulle donne.



IL SESSO TI FA SEMBRARE PIÙ GIOVANE
Secondo il neuropsicologo David Weeks, fare l'amore tre volte a settimana può farti apparire di 10 anni più giovane. L'importante, sostiene, è che sia buon sesso...



IL SESSO RAFFORZA LE DIFESE IMMUNITARIE
La frequenza dell'attività sessuale aumenta la presenza nell'organismo di un antigene, l'immunoglobina A, capace di combattere i virus influenzali. Per dire addio al raffreddore,
 sai cosa fare.



IL SESSO MIGLIORA LA PRESSIONE SANGUIGNA
Fare sesso migliora la pressione sanguigna, in particolare riduce la pressione della diastole e quindi può abbassare la pressione minima. Perfetto per chi soffre di pressione alta, quindi.


IL SESSO È UNA GRANDIOSA FORMA DI ATTIVITÀ FISICA
Respiro affannoso, corpo sudato, battiti aumentati: non è un caso se "i sintomi" del sesso e quelli dell'attività sportiva sono simili. Fare sesso fa bene all'allenamento: pensa che chi fa sesso tre volte a settimana per almeno 15 minuti consuma 7500 calorie all'anno. Ti sembrano poche? Be', anche 15 minuti non sono molti...



IL SESSO HA UNA FUNZIONE ANTI-STRESS
Durante il sesso il corpo produce sostanze che hanno un'importante funzione anti-stress: la dopamina, che contrasta gli ormoni associati a tensione e agitazione; l'endorfina, anche detta "ormone della felicità" perché aiuta a tenere alto il tono dell'umore; infine l'ossitocina, un ormone che aumenta il desiderio e quindi l'attività e la voglia di fare.



FARE SESSO FA BENE!
Sei stressato, stanco, affaticato? Esiste un rimedio naturale vecchio come il mondo: l'attività sessuale. Studi dimostrano che il sesso, se praticato regolarmente, aumenta il benessere della persona attraverso tanti piccoli ma importanti benefici. 

LEGGI ANCHE

COME PROLUNGARE IL PIACERE SESSUALE

http://cipiri8.blogspot.it/2015/04/prolungare-il-piacere-sessuale.html

MOSSE CHE LE DONNE APPREZZANO 



MOSSE CHE LE DONNE APPREZZANO DI PIÙ DURANTE IL SESSO
Il segreto del buon sesso è l'ascolto: l'attenzione ai segnali del corpo è fondamentale e l'esperienza aiuta. Ma ci sono dei piccoli gesti che ti aiutano a non sbagliare con la tua compagna, soprattutto all'inizio di un rapporto. Ecco quali!

.
 GUARDA ANCHE
LA NOSTRA APP
.

.
loading...

Quanto tempo indossi il pigiama



Quanto tempo indossi il pigiama prima di lavarlo?

 "Si rischiano gravi infezioni"

 Per quanto tempo indossate lo stesso pigiama prima di lavarlo? Un sondaggio effettuato nel Regno Unito ha stabilito che gli uomini arrivano a due settimane, mentre le donne aspettano anche 17 giorni. Questi dati hanno fatto inorridire la professoressa Sally Bloomfield della London School of Hygiene & Tropical Medicine, che al Daily Mail ha rivelato i rischi per la salute di questo comportamento: "Il pigiama che non viene lavato con regolarità può conservare e trasmettere dei batteri, che potrebbero rivelarsi pericolosi per l'uomo". La pelle umana è piena di microbi e batteri che sono innocui se restano fuori dall'organismo, ma se riescono a fare 'breccia' attraverso il condotto urinario o alcune ferite, possono causare cistite o l'ancor più grave MRSA, 
un ceppo molto comune, ma resistente agli antibiotici.



ABITUDINE 
Le donne ammettono che la 'memoria' sia la principale causa di questo comportamento, in quanto la routine e il tran tran della vita quotidiana relega il pensiero di lavare il pigiama nel dimenticatoio, mentre un intervistato su due spiega di lavare poco spesso questo indumento perché indossato soltanto per qualche ora a notte. Il 73% dice di dormire con la prima cosa che capita, mentre sono in molti a non avere molti 'ricambi', motivo per cui il lavaggio viene fatto non molto spesso. "Non puzza" è la scusa di un uomo su due, mentre il 34% 'scarica' la colpa sulle partner:
 "Non dicono nulla, quindi va bene".



I RISCHI 
Ma le conseguenze di questo comportamento poco igienico possono essere varie e di diversa gravità. Secondo la Dottoressa Bloomfield, oltre alle infezioni per contatto con la pelle, esiste anche il rischio il pigiama trasferisca i batteri sugli altri indumenti durante il lavaggio, con la possibilità quindi di contagiare anche altre persone. Il consiglio dell'esperta è quello di lavare il pigiama almeno una volta a settimana, ovviamente con prodotti disinfettanti per evitare ogni pericolo.


I DATI 
Il sondaggio ha coinvolto più di 2.400 coppie nel Regno Unito ed è stato effettuato dalla Ergoflex, un'azienda che produce materassi. Ma cosa indossano le persone per la notte? Tra le donne la scelta più popolare è il due pezzi (37%), mentre il 28% dorme in biancheria intima e il 26% con indumenti del partner. Per l'uomo domina la notte in mutande, scelta dal 38% degli intervistati,
mentre soltanto il 19% usa un pigiama a due pezzi.

.
 GUARDA ANCHE
LA NOSTRA APP
http://mundimago.org/le_imago.html
.


.
loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog Amici

E-BOOK

Sosteniamo Mundimago

Poni una Domanda e Clicca il bottone Bianco


CLICCA QUI SOTTO
.



Google+ Followers

Visualizzazioni totali